Gli spazi LGBTIA e le spiagge gay naturiste

La letteratura a tema gay e non
Rispondi
Avatar utente
Pugsley
Messaggi: 139
Iscritto il: giovedì 29 aprile 2010, 19:13

Gli spazi LGBTIA e le spiagge gay naturiste

Messaggio da Pugsley » venerdì 23 settembre 2016, 17:14

Un nuovo libro open-access, free, gratis, edito da Franco Angeli e scritto da geografi.

https://www.francoangeli.it/Ricerca/Sch ... e+i+limiti

L'ultimo contributo, a pag. 158, dedicato agli spazi LGBTIA (spazi Lesbici, Gay, Bisex, Transex, Intersex e Asex) e alle spiagge gay naturiste in particolare, può offrire una spunto di riflessione a tutti i lettori del forum appassionati di saggi culturali.

Buona lettura.

Pugsley

Avatar utente
progettogayforum
Amministratore
Messaggi: 5384
Iscritto il: sabato 9 maggio 2009, 22:05

Re: Gli spazi LGBTIA e le spiagge gay naturiste

Messaggio da progettogayforum » venerdì 23 settembre 2016, 19:21

L’articolo è molto bello e assolutamente conforme alla realtà gay immediatamente rilevabile, quando si accredita l’equazione gay=trasgressione e sesso facile. Di fatto, la conservazione dello stato delle cose descritto nell'articolo ha anche grosse motivazioni commerciali. Come l’articolo ricorda alla fine, in un modo che sembra però solo incidentale, internet sta cambiano radicalmente le prospettive e sta aprendo la porta ad una normalità gay che non ha nulla a che vedere coi locali o coi luoghi per il sesso libero. In questo articolo appare un po’ trascurato l’aspetto della vita gay “normale” che è in forte crescita e che trova in un internet serio il suo punto di forza.

Avatar utente
Pugsley
Messaggi: 139
Iscritto il: giovedì 29 aprile 2010, 19:13

Re: Gli spazi LGBTIA e le spiagge gay naturiste

Messaggio da Pugsley » venerdì 23 settembre 2016, 21:18

Il titolo del libro è "Labor Limites. Riconoscere, vivere e riprogettare i limiti" ed è quindi naturale che si siano raccolti dei contributi sul concetto di barriera, confine, limite, adeguamento e trasgressione ad esso: di conseguenza una descrizione di una vita gay "normale" sarebbe stata totalmente fuori argomento e incoerente con la struttura del volume.

La mia visione della realtà è totalmente discorde da quella di Project: i luoghi LGBTIA non sono solo quelli sessuali, un esempio è la libreria Antigone di Milano, una libreria LGBT che sfido a dire che sia un postribolo. Qui di seguito il link. http://www.libreriantigone.com/chi-siamo/
Se vogliamo parlare di spazi dedicati alla ricerca di sesso gratis impersonale (i più famosi spazi, ma che non rappresentano la totalità), siamo davvero sicuri che ci possiamo permettere di non avere l'esigenza di luoghi di incontro, senza essere casti? Io vivo a Milano, rinomata per essere la città più gay d'Italia, dove per un gay trovare un altro gay, e vivere una socialità e cultura gay è più facile, ma una persona che vive in provincia, sperduto dalla società più aperta e cosmopolita, magari con una famiglia di origine umile e poco acculturata, dove se sei maschio e vestirsi in un certo modo e con un certa tinta di capelli, provoca ancora oggetto di scherno, di chiacchiere e di insulti, come si fa anche solo a "procurarsi materialmente" delle amicizie o capire, conoscere e aggiornarsi sul mondo gay, ma soprattutto, sfogarsi, perché poi la differenza vera tra un etero e un gay è la sessualità, puoi fingere di essere un seduttore di donne, maschilissimo, e avere anche tutti gli amici etero e vivere serenamente, ma poi la libido è gay, ripeto come si fa se poi non esistono luoghi ufficiosi dove poter consumare (sempre se non vuoi praticare la castità), diciamoci la verità. La soluzione, in questo tipo di società eteronormativa, resta vivere di nascosto come i ratti di fogna che escono in strada al calar del sole. Questi luoghi rappresentano sì un "Antimonde", ma purtroppo esistono con particolare incidenza nelle società retrograde, cattoliche e statiche, dove se non ti conformi alla maggioranza standardizzata eterosessuale, hai finito di vivere bene ed essere stimato dai tuoi compaesani e dalla famiglia.

Avatar utente
progettogayforum
Amministratore
Messaggi: 5384
Iscritto il: sabato 9 maggio 2009, 22:05

Re: Gli spazi LGBTIA e le spiagge gay naturiste

Messaggio da progettogayforum » venerdì 23 settembre 2016, 22:31

Vedo le cose da altri punti di vista, non fosse altro perché le vedo da vecchio, sorry! Ma nonostante tutto non mi sento su un altro pianeta e molte delle cose che dici le condivido! :D

Rispondi