Hawaii (2013)

Dal cinema alla televisione a internet
Rispondi
Lao
Messaggi: 84
Iscritto il: domenica 19 luglio 2015, 20:41

Hawaii (2013)

Messaggio da Lao » sabato 25 luglio 2015, 18:20

Dopo "Contracorriente" (2009) vi segnalo un altro film sudamericano a tematica gay: "Hawaii" (2013) di Marco Berger. A mio avviso è il miglior film di Berger, lo stesso regista di "Ausente" (che non ho mai visto), "Plan B" (che ho trovato noioso) e "Sexual tension" (film a episodi che si sofferma sulla tensione sessuale tra ragazzi e che in me non ha lasciato alcun segno particolare, sebbene forse non ne avesse la pretesa).
"Hawaii" è ambientato in Argentina. E' la storia di un innamoramento tra due giovani uomini sulla trentina: Eugenio (Manuel Vignau, qui in una versione ripulita rispetto a "Plan B") e Martin (Mateo Chiarino). Eugenio è un giovane scrittore che vive solo nella casa dello zio, un tempo appartenuta ai genitori, mentre Martin è appena tornato in paese dall'Uruguay in seguito alla perdita della nonna che rappresentava per lui la sua famiglia. Cerca un lavoretto per l'estate in attesa di svolgere un incarico nella capitale. Crede di poter alloggiare in casa di una sua parente del paese, ma no, se n'è andata da tempo senza lasciare recapiti, perciò dorme all'aperto in un giaciglio di fortuna e si mantiene svolgendo piccoli lavoretti. Un giorno capita da Eugenio per chiedergli se abbia bisogno di una mano in casa: Eugenio accetta e scopre con sorpresa che Martin è un suo vecchio amico d'infanzia.
"Hawaii" ha un ritmo lento ma non noioso ed è il racconto della convivenza quotidiana di due ragazzi. Non ci sono colpi di scena né sensazionalismi. Piuttosto sembra quasi che la sceneggiatura trasporti lo spettatore fuori dal tempo e dallo spazio, dato che si tratta di una storia a due, in cui oltre ai protagonisti si vedono pochi altri volti.
E' un film delicato, girato con sensibilità e attenzione, in cui l'amore per colui che si ha accanto e che è probabilmente diventato la persona più importante è smorzato dalla timidezza, dalla reticenza e dal timore di un'eccessiva esposizione alla relazione. Tra i due ragazzi si percepisce un naturale erotismo nato dall'attrazione reciproca, che talvolta si traduce in un esibizionismo incerto e nel desiderio di contemplare il corpo dell'altro. C'è anche molta tenerezza. Intensa la scena in cui Eugenio medica Martin che si è ferito con le cesoie, così come quella in cui Martin rispesca dalla spazzatura dei ricordi che Eugenio ha buttato, o quella in cui indossa una maglietta del compagno per sentirlo vicino mentre è fuori casa.
Nonostante qualche piccola caduta nelle scelte di Berger, "Hawaii" è un bel film. Il titolo ha a che fare con due ananas e delle diapositive di cui i due protagonisti hanno avuto esperienza in passato. Gli attori sono belli - belli di una bellezza spontanea e non patinata -, la recitazione è più che credibile. Audio originale e sottotitoli in italiano.
Buona visione.

Trailer:
https://www.youtube.com/watch?v=DU0qmw2Ct0o
Ultima modifica di Lao il lunedì 28 dicembre 2015, 23:35, modificato 3 volte in totale.

Avatar utente
e^ip+1=0
Messaggi: 287
Iscritto il: giovedì 11 aprile 2013, 18:46

Re: Hawaii (2013)

Messaggio da e^ip+1=0 » domenica 26 luglio 2015, 11:35

Pare interessante, grazie anche per questo consiglio. Mi chiedo solo se il ritmo lento non preluda ad una sceneggiatura debole, ma spero di no :)

Lao
Messaggi: 84
Iscritto il: domenica 19 luglio 2015, 20:41

Re: Hawaii (2013)

Messaggio da Lao » domenica 26 luglio 2015, 17:24

Ciao e^ip+1=0.
A mio parere la sceneggiatura del film non è debole, ma insolita. Infatti "Hawaii" non ha una trama vera e propria, in quanto è il semplice racconto della quotidianità di due ragazzi che si ritrovano dopo tanto tempo. La bellezza del film sta nel fatto che il regista si sofferma a raccontare le azioni più banali di una convivenza in cui il resto del mondo è lasciato fuori dalla porta, come ad esempio mangiare insieme, rievocare ricordi d'infanzia, nuotare, giocare, conoscere l'altro per quello che è diventato e desiderarlo. Non è la storia di un amore vissuto, ma di un innamoramento.
Credo che fino a qualche tempo fa questo film fosse visibile integralmente nel sito di video più famoso al mondo, però ora è stato tolto. Il file srt dei sottotitoli in italiano non è disponibile, mentre sono disponibili sottotitoli in altre lingue che è possibile tradurre. Se te la cavi con lo spagnolo non ci sono problemi.

Rispondi