C'è un detto sul quale

Discussioni su citazioni letterarie e motti di spirito e altro ancora
Rispondi
Avatar utente
agis
Messaggi: 1129
Iscritto il: sabato 28 dicembre 2013, 22:27

C'è un detto sul quale

Messaggio da agis » domenica 6 gennaio 2019, 12:49

ora come ora, mi sentirei sostanzialmente d'accordo.

Ci vuol più coraggio a vivere che a morire.

Il mio attuale accordo dipende dal fatto che, sul piano della costruzione mentale delle diadi significato/significante, la morte (come la nascita) mi appaiono fatti semplici. La vita, invece, di molto più complessa anche per l'abbondanza delle possibili costruzioni consecutive alla sua costituzione.
Com'è che tu/io/noi tutti creiamo mentalmente, all'origine, questi concetti? :)

Tozeur
Messaggi: 544
Iscritto il: giovedì 29 dicembre 2011, 1:07

Re: C'è un detto sul quale

Messaggio da Tozeur » domenica 6 gennaio 2019, 20:25

Tutto nasce dalla paura dell'ignoto.

La paura è ancestrale, eradicata nel nostro DNA. Ad essa è associata altre sensazioni: il disagio, la vergogna, l'ansia...

Da qui nasce il desiderio di coraggio e di rivalsa per il tempo che ci è concesso.
Alone but not lonely

Avatar utente
agis
Messaggi: 1129
Iscritto il: sabato 28 dicembre 2013, 22:27

Re: C'è un detto sul quale

Messaggio da agis » lunedì 7 gennaio 2019, 18:09

La paura (dell'ignoto ma non solo) sembrerebbe in effetti Tozeur un sentimento filogeneticamente antichissimo: un ritrarsi dal non-self che può vedersi tanto come possibile fonte di dolore quanto come causa di cessazione della vita stessa o anche, in caso di paura di noi stessi, come pura e semplice sensazione dolorosa. Ma, a ben vedere, come essa non riguarda ormai più la morte, esiterei a porla come arché o condizione fondativa della vita. Non pare almeno che per tutti il vivere si riduca puramente a questo. Anche i più ansiosi o depressi, se interrogati su questo, tendono in genere a convenire che qualche momento lieto e rilassato, non foss'altro in senso delimitativo, la vita comunque ci riserva. E quindi sembrerebbe che, più che una precondizione fondativa, essa costituisca una delle tante possibili ipostasi di ciò che chiamiamo vita :)

Rispondi