l'ultimo battito

Discussioni su citazioni letterarie e motti di spirito e altro ancora
Rispondi
guy21
Utenti Storici
Messaggi: 1014
Iscritto il: martedì 19 maggio 2009, 19:33

l'ultimo battito

Messaggio da guy21 » lunedì 2 maggio 2011, 20:14

dolce cuor in affanno, parlami d'amor che io ti risponderò con violenza,
dolce cuor di infinite sofferenze e infinite repressioni, tu che hai sofferto così tanto, combattuto così a lungo, sopportato l'insopportabile, represso ogni cosa più bella, accettatto l'impensabile e rifiutato tutto l'amore che ti circonda sarai ricompensato di cotanto sforzo. un giorno potrai riposar in pace, potrai finalmente fermarti e cessare ogni battito, rapresentante ogni secondo di vita su questa terra odiosa e infame. un giorno tutto il male a te arrecato verrà cancellato dalla tua superficie sporca, brutta e vecchia. alla fine dei giorni potrai risplendere come quando eri giovane nel periodo di massimo splendore. e riposar in pace nei secoli dei secoli amen.

barbara
Utenti Storici
Messaggi: 2864
Iscritto il: mercoledì 14 aprile 2010, 9:22

Re: l'ultimo battito

Messaggio da barbara » lunedì 2 maggio 2011, 20:49

Potevi anche postarlo nella nuova sezione di scrittura creativa (ROMANZI E RACCONTI) perché potrebbe essere un bell'inizio di racconto.
Oppure potrebbe essere una poesia, se tu la dividessi in versi.
Anche se, a dire il vero, mi pare più una preghiera. Ti rivolgi al tuo cuore come se fosse una persona , un amico molto malconcio, che forse suscita pietà e rabbia allo stesso tempo. Viene voglia di rianimarlo , come su He are , quando al pronto soccorso qualcuno prende in mano quegli aggeggi in cui passa la corrente e qualcun altro grida "Libera!", e poi torna a battere più forte che mai.
Magari ha voglia pure lui di un po' di libertà per ritrovare il suo ritmo di un tempo. Che ne dici, Guy?

Torrismondo
Messaggi: 317
Iscritto il: sabato 12 febbraio 2011, 15:52

Re: l'ultimo battito

Messaggio da Torrismondo » lunedì 2 maggio 2011, 21:37

Si guy18 anche a me sembra più una preghiera, ma pare anche - forse mi sbaglio - un'analisi di una situazione, probabilmente la tua.
Perchè non provi a dividerla in versi? A me piace, vediamo come viene in poesia...

Piccolo appunto: vedo il troncamento (cuor, amor, riposar), forse un po' troppo spesso, capisco essere voluto, ma non so perchè mi sembra poco ottimale...
Velle parum est: cupias ut re potiaris oportet (Ov. Ex Ponto I 1, 35)

guy21
Utenti Storici
Messaggi: 1014
Iscritto il: martedì 19 maggio 2009, 19:33

Re: l'ultimo battito

Messaggio da guy21 » martedì 3 maggio 2011, 19:57

bè son contento che vi piace si rispecchia il mio stato interiore del mio cuore appunto. sinceramente non ho voglia di fare niente per cui non la cambierò se volete farlo voi fate pure.

Avatar utente
naufrago18
Messaggi: 139
Iscritto il: mercoledì 27 ottobre 2010, 16:33

Re: l'ultimo battito

Messaggio da naufrago18 » martedì 3 maggio 2011, 20:48

secondo me è divisa in 2 parti...sia la tua poesia che il tuo cuore...da una parte una sofferenza per il fatto di doversi privare dei piaceri della vita e quindi di tutto quel mondo di sensazioni e sentimenti repressi...dall'altra una forte speranza verso il futuro, un futuro in cui tutto il male verrà cancellato, in cui si potrà risplendere della luce tenuta dentro in questi anni. E' bello questo, è veramente bello...perchè non è da tutti essere coscienti del fatto che questa "fase" di sofferenza è solo momentanea e che in fondo un giorno si potrà vivere in pace...davvero complimenti guy18, non per l'opera in sè, ma per le belle cose che hai scritto!!
Panta rei. Sarà, ma io mi sento sempre lo stesso.

guy21
Utenti Storici
Messaggi: 1014
Iscritto il: martedì 19 maggio 2009, 19:33

Re: l'ultimo battito

Messaggio da guy21 » martedì 3 maggio 2011, 21:25

in realtà naufrago hai capito male direi molto male si è vero ho pensato che un giorno tutto il male finirà ma io pensavo alla morte alla fine della vita come segno della cessazione di ogni sofferenza, per questo l'ho chiamata l'ultimo battito proprio perchè la morte dà la pace interiore al cuore facendo cessare ogni sua attività. quindi non direi proprio che sono ottimista, anzi tutto il contrario.

Avatar utente
Baluginio
Messaggi: 72
Iscritto il: giovedì 21 aprile 2011, 23:43

Re: l'ultimo battito

Messaggio da Baluginio » martedì 3 maggio 2011, 22:16

Mi piace, guy. E' intima, bella nella sua tragicità.
Vorrei dirti di tirarti su ma so che non servirebbe a niente, per cui ti auguro solo che il periodo che stai passando passi, come un temporale (con me è successo). Quando l'umore è depresso sembra che nulla cambi né potrà mai farlo, ma prima o poi ciò semplicemente avviene. Visto che però la vita non è esattamente come il tempo meteorologico, qualcosa in più che si può fare c'è: metterci volontà, dare tempo e spazio alle cose per cambiare e alle occasioni per capitare, e non tanto crederci ma CAPIRE che questo è possibile, non è una favola riuscire a trovare la propria felicità. E poi un'altra cosa, che ti avranno sicuramente già detto ma è la verità: hai 18 anni, hai DAVVERO tutta la vita davanti per trovare la tua felicità, e sentirsi stanchi in partenza è qualcosa che non ti aiuta. Ti dico queste due cose e spero di averti comunicato qualcosa, ma soprattutto sappi che tu la felicità te la meriti, e sarai sicuramente ripagato di tutta la tristezza che hai passato, ma non sarà la morte a farlo.
Un caro saluto
Nessun uomo è un'isola.

Avatar utente
naufrago18
Messaggi: 139
Iscritto il: mercoledì 27 ottobre 2010, 16:33

Re: l'ultimo battito

Messaggio da naufrago18 » mercoledì 4 maggio 2011, 15:58

guy18 ha scritto:in realtà naufrago hai capito male direi molto male
beh allora se è cosi buuuuuuu :lol: :lol: :lol: ....scherzoooo :oops: :oops: :oops: ....no va beh sai che non condivido e sai come la penso su queste cose però rispetto e capisco profondamente questa tua riflessione anche perchè è palesemente influenzata penso da una situazione (spero temporanea e al più presto superabile) di sofferenza dovuta soprattutto all'omosessualità, la quale credo poi non sia il male in sè, per nessuno di noi e neanche per te lo è per davvero...se posso permettermi, sfrutto questo tuo spazio e questo tuo post per spiegarmi meglio...cioè secondo me in realtà il "male interiore", che alberga in ognuno di noi, discende non dall'omosessualità (o bisessualità) in sè ma da ciò che ne consegue, e quindi in azioni concrete di chiusura, di frustazione, di alienazione, di autopersecuzione, di non accettazione oppure in semplici, limpide e chiare riflessioni come quella di guy 18, una sorta di presa di coscienza (negativa) della realtà circostante, una realtà invivibile...e su questo non ci piove che la colpa (se mai ve ne sia una) non è tanto del ragazzo in sè che si vede bloccato in questa gabbia di sentimenti e rabbia, speranza e dolore, ma piuttosto della società (politica, famiglia, scuola, televisioni ecc...)che non fa effettivamente nulla per migliorare le cose...non so magari è una semplice scusante, un modo per giustificare guy18, però io credo che questi sentimenti "negativi" siano legittimi e comunque facilmente riconducibili alla decadenza culturale e sociale in cui viviamo...comunque io credo che prima o poi per tutti arriverà un giorno dove vivere, di cose normali e dolcissime....perciò caro guy18 beccati sta pausinata di canzone (premetto che la pausini non ricopre in alcun modo i miei gusti musicali) che stavolta c'azzecca proprio 8-) !!!!

http://www.youtube.com/watch?v=zswO3oNZ_-M
Panta rei. Sarà, ma io mi sento sempre lo stesso.

Rispondi