Problemi alla guida

Discussioni su citazioni letterarie e motti di spirito e altro ancora
Rispondi
Tozeur
Messaggi: 544
Iscritto il: giovedì 29 dicembre 2011, 1:07

Problemi alla guida

Messaggio da Tozeur » venerdì 12 aprile 2013, 18:39

Premetto che se la sezione è sbagliata chiedo venia ai moderatori. Mi fa ridere parlare di questo mio problema nel forum di Progetto Gay che è orientato su ben altri temi ma avevo bisogno di sfogarmi un poco su un problema che mi stritola da ben 6 anni: guidare.... Quando divenni maggiorenne fui spinto dai miei a prendere la patente, cosa che obiettivamente mi importava poco e una volta che la presi dopo diverse ansie e preoccupazioni (era l'anno della maturità) misi la patente nel cassetto guidando ogni tanto in strade deserte o poco trafficate e OVVIAMENTE sempre con qualcuno accanto. Recentemente, deciso a smettere di avere questa paura ho provato a guidare in città e tutto ciò mi ha scatenato ulteriori ansie a non finire. Mi rendo conto che questa cosa non può durare in eterno anche perchè sarebbe necessario spostarmi proprio in auto nel caso in cui riceva proposto di lavoro. Volevo sapere se anche voi avete vissuto situazioni simili e se eventualmente le avete risolte.
Un abbraccio e grazie
Alone but not lonely

barbara
Utenti Storici
Messaggi: 2864
Iscritto il: mercoledì 14 aprile 2010, 9:22

Re: Un piccolo sfogo

Messaggio da barbara » venerdì 12 aprile 2013, 21:19

Guarda, io guido da qualche decennio senza alcun problema, tuttavia in una grande città mi capita la stessa cosa che descrivi tu . Quindi parcheggio prima e prendo i mezzi. Certamente è possibile superare l'inconveniente, ma diciamo che al momento non ho necessità per farlo. Comunque ti capisco benissimo. ;)

Avatar utente
riverdog
Messaggi: 295
Iscritto il: venerdì 9 luglio 2010, 0:27

Re: Un piccolo sfogo

Messaggio da riverdog » sabato 13 aprile 2013, 15:47

In una grande città magari se ne può anche fare a meno, ma comunque il tabù andrebbe superato. Come? Penso con un approccio graduale, magari all'inizio si riprende con qualche patentato di fianco (nei casi più gravi si può ricorrere ad una scuola guida per qualche lezione), poi però nelle strade deserte DEVI iniziare ad andarci da solo, piano piano prenderei sempre più padronanza del mezzo e passerai a quelle poco trafficate (sempre da solo of course), e già lì il più è fatto perché ti sono consentite manovre "alla Barbara": in contesti molto trafficati parcheggi prima e prendi i mezzi! Poi magari col tempo....
Importante anche la vettura, partire con mezzi piccolini aiuta e magari non appena usciti dalla concessionaria.... p.e. utilizzare il gioiellino del papà che ti farebbe a tocchetti per uno sgraffio può generare un po' di ansia.... :roll: ciao!

Avatar utente
Nemo
Membro dello Staff
Messaggi: 330
Iscritto il: domenica 6 maggio 2012, 8:57

Re: Un piccolo sfogo

Messaggio da Nemo » sabato 13 aprile 2013, 17:32

La paura o il fastidio di guidare, che si chiama Amaxofobia, è molto diffuso e non è niente di particolarmente insuperabile con un po' di pazienza e volontà :) quindi ti consiglio di cominciare a guidare per brevi percorsi prima con qualcuno affianco e poi da solo, poi aumenti la lunghezza con qualcuno affianco e poi da solo, possibilmente la presenza di qualcuno affianco dovrebbe esserci finchè non acquisti sicurezza in quella tipologia di linghezza, per poi falra di solo e richiedere la persona nella lunghezza successiva e così via, l'importante e non fare durare troppo la presenza della persona. Inoltre può essere utile trovare, durante la guida, qualcosa che distolga dall'ansia, ho conusciuto persone che si imponevano di guardare l'orologio ogni 10 minuti, persone che ascoltavano musica rilassante, ecc... una strategia insomma che possa distrarre dal pensiero ansiogeno. In fin dei conti se hai preso la patente significa che hai sia la competenza teorica, che pratica per guidare, altrimenti l'istruttore e l'esaminatore ti avrebbero detto qualcosa, quindi occorre semplicemente aumentare un po' la fiducia nelle tue capacità di guida, non senza fatica, sicuramente con la pratica ce la farai :)
Nemo.
Operatore chat di progetto gay

Lz_90
Messaggi: 13
Iscritto il: lunedì 1 aprile 2013, 14:17

Re: Un piccolo sfogo

Messaggio da Lz_90 » sabato 13 aprile 2013, 18:27

Ciao Tozeur
anche io il primo anno avevo molta ansia quando dovevo guidare o talvolta bastava anche solo il pensiero che avrei dovuto guidare. E' una brutta situazione ma come hanno sottolineato anche gli altri è con tanta pratica (so che richiede sacrificio) che poi ne vieni fuori.
E poi fai questo ragionamento che facevo anche io: "se riescono a guidare gli ottantenni-novantenni (quelli che guidano con il cappello andando a passo d'uomo e che accelerano senza mollare la frizione per capirci) perché non dovrei farcela anch'io?" ;) coraggio!

Tozeur
Messaggi: 544
Iscritto il: giovedì 29 dicembre 2011, 1:07

Re: Un piccolo sfogo

Messaggio da Tozeur » sabato 13 aprile 2013, 21:49

Grazie tutti per le risposte :-*
Forse sono io che pretendo troppo però per esempio le poche volte che ho guidato preferivo avere vicino una persona tranquilla non visibilmente in ansia oppure scontrosa al primo errore. Spero di riprendere poca per volta così come mi avete consigliato. Il web si rivela spesso molto utile perchè permette di scoprire persone che hanno il tuo stesso "problema" e anche questo aiuta.
un abbraccio
Alone but not lonely

Avatar utente
IceEnigma
Moderatore Globale
Messaggi: 210
Iscritto il: venerdì 30 settembre 2011, 10:43

Re: Un piccolo sfogo

Messaggio da IceEnigma » domenica 14 aprile 2013, 1:16

Io guido tranquillamente, eccetto nelle grandi città.
Comunque per superare l'ansia occorre pratica, tanta pratica e abitudine :)

Avatar utente
konigdernacht
Moderatore Globale
Messaggi: 939
Iscritto il: giovedì 25 giugno 2009, 0:27

Re: Un piccolo sfogo

Messaggio da konigdernacht » domenica 14 aprile 2013, 12:09

Fonti del mio invecchiamento precoce credo siano tre cose: l'università, il computer e la guida :lol:

Assolutamente d'accordo con tutti che la pratica sia la REGINA tra le soluzioni al problema in quanto a furia di guidare ci si impratichisce e si "innatizza" i meccanismi della guida, cosicché quando si sale in macchina nemmeno si pensa a cosa fare perché ormai pratici.

All'inizio avevo anche io diversi problemi di ansia - mi dimenticavo sempre le luci spente sulle strade statali o la notte :lol: - e avevo sempre timore di andare in strada perché non mi sentivo adatto alla guida (peraltro ero stra-rispettoso all'eccesso dei cartelli, che come si sa in Italia, vengono messi con una logica non molto dissimile all'illogicità).
Dopo un incidente non grave per me - ma la macchina s'era baccata, poverina - e dopo sei mesi di rifiuto di utilizzo della macchina, mi sono svegliato e allora ho iniziato a prendere di punta la strada e gli altri guidatori sui quali ogni tanto mi viene il dubbio se abbiano preso la patente in qualche stato dove non si usa guidare. Oggi come oggi sono più elastico con i cartelli, che rispetto se hanno un senso mentre me ne frego se non ne hanno, e ovviamente mi armonizzo con le cavolate che fanno gli altri guidatori, in quanto il buon guidatore non è colui che ha ragione sulla strada ma colui che non fa incidenti anche se ha ragione! :mrgreen: Questo ovviamente in Italia, dove non mi sorprenderebbe vedere una scimmia alla guida di un suv!
Zerchmettert, zernichtet ist unsere Macht
wir alle gestürzt in ewige Nacht

Torrismondo
Messaggi: 317
Iscritto il: sabato 12 febbraio 2011, 15:52

Re: Un piccolo sfogo

Messaggio da Torrismondo » domenica 14 aprile 2013, 13:33

riverdog ha scritto:nelle strade deserte DEVI iniziare ad andarci da solo, piano piano prenderei sempre più padronanza del mezzo e passerai a quelle poco trafficate (sempre da solo of course) [...]
Importante anche la vettura, partire con mezzi piccolini aiuta
Concordo, anche io avevo molta ansia le prime volte che guidai da solo, anche perché non presi la patente con molta voglia. Devo dire che facendo pratica l'ho superata, ovvio che non ho iniziato a girare subito in città, però intanto ho fatto pratica anche perché spesso si rende necessario spostarsi e senza mezzi pubblici è d'obbligo l'auto. Certo, se devo fare molti chilometri preferisco il treno, guidare (ma anche stare in macchina se guida qualcun altri) per troppo tempo mi dà fastidio.
Velle parum est: cupias ut re potiaris oportet (Ov. Ex Ponto I 1, 35)

Avatar utente
*eni*
Messaggi: 23
Iscritto il: venerdì 10 luglio 2009, 23:27

Re: Un piccolo sfogo

Messaggio da *eni* » martedì 16 aprile 2013, 19:20

credo anch'io che un approccio graduale sia l'unica soluzione.

Non ho però capito cosa ti porta ad aver ansia nella guida.

Rispondi