Problemi alla guida

Discussioni su citazioni letterarie e motti di spirito e altro ancora
Tozeur
Messaggi: 544
Iscritto il: giovedì 29 dicembre 2011, 1:07

Re: Un piccolo sfogo

Messaggio da Tozeur » martedì 16 aprile 2013, 19:34

L'ansia soppraggiunge in situazioni trafficate quando ho paura di essere un pericolo per me stesso e per chi è fuori
Alone but not lonely

Avatar utente
orachefaccio
Messaggi: 81
Iscritto il: lunedì 4 febbraio 2013, 3:13

Re: Un piccolo sfogo

Messaggio da orachefaccio » martedì 16 aprile 2013, 22:26

Ho un'ansia alla guida simile alla tua, motivata da mia madre che mentre stavo imparando (controvoglia) tirava sospiri a ogni accelerata o frenata e mi tirava il freno a mano mentre facevo gli incroci, per la paura che potesse succedere qualcosa (in realtà creando notevoli pericoli lei stessa!).

Guido solo due-tre volte all'anno, in genere con macchine in affitto, sempre senza di lei (mi ero ripromesso di non guidare mai più con lei dopo la patente, poi in realtà è capitato di nuovo un paio di volte e per brevi tragitti - lei mi chiede sempre di sostituirla alla guida, ma io quasi sempre mi rifiuto per evitare ulteriori esperienze traumatiche) e preferibilmente assolutamente da solo. In questo modo sono responsabile solo di me stesso e affronto le situazioni con più tranquillità (e quindi evito problemi anche agli altri). All'inizio sono sempre molto impacciato. Più o meno ogni volta che devo uscire da un parcheggio di un rent-a-car con una macchina appena affittata rimango al posto guida 5-10 minuti a "tranquillizzarmi" :D metto un po' di musica e mi abituo al tatto di volante e cambio di quella particolare auto, "giocando" con sterzo e comandi. Dopodichè esco molto lentamente e controllando ogni millimetro per paura di urtare le altre macchine e i primi minuti di guida sono molto goffi (un osservatore esterno lo potrebbe confermare, ne sono praticamente sicuro), ma dopo un po' mi rilasso. Non ho una guida malvagia, non sono perfetto nel rispettare le regole (specie per esempio avvicinandomi a un incrocio selezionare la corsia solo con linea discontinua e prima che inizi la linea continua o robe del genere). Ma in generale l'attenzione che tolgo a queste per me "banalità" la dedico a stare ben attento a quello che mi succede intorno e a reagire in tempo. E una volta che mi rilasso me la cavo decentemente.

Chiaramente la pratica quotidiana sarebbe la soluzione migliore, ma non me la posso permettere (e poi un'auto non mi serve). E ho notato che se c'è qualcuno in auto con me ci metto di più a rilassarmi ma forse mi rilasso di più alla fine. Sarà che la compagnia mi dà un senso di realtà maggiore che mi fa stare coi piedi per terra, ma questo al prezzo di tempi di rilassamento maggiori passati a scusarmi con l'altro per come guido da principiante, mentre in genere l'altro è dedito a tranquillizzarmi dicendomi che non è vero.
Ultima modifica di orachefaccio il domenica 28 luglio 2013, 0:35, modificato 1 volta in totale.
"E non vi è niente di più bello dell'istante che precede il viaggio, l'istante nel quale l'orizzonte del domani viene a renderci visita e a sussurrarci le sue promesse." (Milan Kundera, traduzione mia)

barbara
Utenti Storici
Messaggi: 2864
Iscritto il: mercoledì 14 aprile 2010, 9:22

Re: Un piccolo sfogo

Messaggio da barbara » mercoledì 17 aprile 2013, 8:06

Anch'io vado in ansia quando in città mi sorpassano da entrambe le parti. Se vedo un sottopassaggio , a costo di sbagliare strada, tendo sempre ad evitarlo. Inoltre negli svincoli ho la tentazione di entrare in contomano... :mrgreen:
La tua Tozeur non è solo una percezione: guidare l'auto non è una cosa in realtà semplice nè innocua, a giudicare dalle statistiche sugli incidenti stradali.
C'è un fondo di verità in questo allarme che proviamo. Tuttavia senza l'auto, almeno dalle mie parti, non potrei andare a lavorare. Per cui , se mi capita di provare ansia, inizio a respirare più profondamente e a concentrarmi su ciò che sto facendo , tralasciando i pensieri che aumentano la mia paura. Dopo un po' di esercizio vedo che funziona.
Nel mio caso la musica non mi aiuta in quei momenti di cortocircuito perchè diventa oggetto di distrazione , quindi l'abbasso. Adoro invece sentirla quando viaggio tranquilla. Vedere il paesaggio che scorre in mezzo alla musica è una bellissima sensazione di libertà :)

Tozeur
Messaggi: 544
Iscritto il: giovedì 29 dicembre 2011, 1:07

Re: Un piccolo sfogo

Messaggio da Tozeur » lunedì 1 luglio 2013, 18:47

Volevo ringraziare a distanza di mesi chi si era prodigato a rispondere alla discussione qualche mese fa. Volevo aggiungere che in questi mesi le cose sono molto migliorate. Ho ripreso a guidare e a poco a poco sto acquistando un po' più di sicurezza rispetto al passato. In particolare ho anche iniziato a guidare da solo senza nessuno a fianco e oggi per la prima volta sono andato in un paese vicino al mio in montagna (circa 10 km di curve). Sono felice di aver computo questo piccolo passo. :D
Non arrendetevi ragazzi quando iniziate un nuovo percorso e all'inizio trovate difficoltà. Fermarsi non serve a niente, bisogna continuare a perseverare. Ognuno ha i suoi tempi (io ho la patente da 6 anni per dire) ma quando finalmente le cose migliorano la soddisfazione sarà enorme :D
Alone but not lonely

tobias
Messaggi: 134
Iscritto il: mercoledì 19 giugno 2013, 17:21

Re: Un piccolo sfogo

Messaggio da tobias » giovedì 4 luglio 2013, 15:04

Tozeur, fratello!!!, arrivo con molto ritardo in questa discussione, ma ti posso dire che ti capisco benissimo! :)
Io ho preso la patente a 18 anni e senza grandi problemi ho superato l'esame, ma non sai quante ansie e paure ho sviluppato per la guida! :D
Io dovevo diventare subito un perfetto "pilota" perché tutti i maschi etero sono, secondo noti stereotipi, dei grandi "piloti".
Però, come te, alla fine mi sono dato i miei tempi e ho acquisito maggiore sicurezza. Ho scoperto anzi di non avere nessun problema con le strade piccole, strette e piene di curve e questo semplicemente perché mi ci sono abituato (dove abito io le strade sono in maggioranza di questo tipo). Così piano piano ho acquisito maggiore dimestichezza con tutti i tipi di posteggi e ho cominciato ad abituarmi a guidare nel traffico....che io odio profondamente :lol:
L'ultimo scoglio è l'autostrada, che non so perché ma non mi ha mai messo a mio agio...però anche con lei piano piano le cose si aggiusteranno ;)

Bravo Tozeur, continua così e vedrai che le soddisfazioni saranno molte!

Avatar utente
875
Messaggi: 387
Iscritto il: lunedì 27 febbraio 2012, 4:37

Re: Un piccolo sfogo

Messaggio da 875 » giovedì 4 luglio 2013, 16:49

Io ho sempre desiderato prendere la patente, chissà magari era un mio modo di evadere...ci vuole pratica, tutto qua...capiteranno problemini durante la guida ma niente di preoccupante.

PS: o guidi o bevi
:?:

Tozeur
Messaggi: 544
Iscritto il: giovedì 29 dicembre 2011, 1:07

Re: Un piccolo sfogo

Messaggio da Tozeur » giovedì 4 luglio 2013, 18:33

Si ragazzi avete ragione, il trucco è molta pratica. Meglio anche guidare da soli che con persone nervose o ansiose vicino ;)
Alone but not lonely

Avatar utente
LuvSeeker
Messaggi: 161
Iscritto il: venerdì 14 giugno 2013, 12:59

Re: Un piccolo sfogo

Messaggio da LuvSeeker » giovedì 4 luglio 2013, 23:56

Mi vergogno un po' a dirlo ma io ho questo stesso problema. La mia incapacità nella guida è dovuta non solo alla mancanza di pratica (che dopo aver preso la patente è stata completamente assente) ma anche ad una questione psicologica che non credo di essere in grado di risolvere da solo.
Per il momento la macchina non mi serve e tra l'altro non ho nemmeno la possibilità di comprarne una quindi in un certo senso sono a posto così. Ciò che mi turba più che altro è soltanto il senso di inadeguatezza a non riuscire a fare questa cosa che molti ritengono fondamentale.
Living life one mistake at a time. ~

tobias
Messaggi: 134
Iscritto il: mercoledì 19 giugno 2013, 17:21

Re: Un piccolo sfogo

Messaggio da tobias » venerdì 5 luglio 2013, 8:31

LuvSeeker ha scritto:Ciò che mi turba più che altro è soltanto il senso di inadeguatezza a non riuscire a fare questa cosa che molti ritengono fondamentale
Ti capisco, è successo anche a me. Io ho la fortuna di vivere in campagna e per spostarsi l'uso della macchina è indispensabile. Perciò, pur non avendone una mia personale, dopo la patente ho continuato ad usarla sempre.
Se hai passato l'esame significa che le basi ce l'hai, ti manca solo della graduale e costante pratica (magari le prime volte vai a guidare in posti tranquilli, poco trafficati).
Una cosa che mi è servita molto è stabilire dei percorsi abitudinari, dove acquisisci maggiore sicurezza e tranquillità visto che conosci bene la strada e i suoi eventuali "punti critici" che, proprio perché noti, non ci spaventano più di tanto.

Se poi proprio non ci riesci facciamo così: io ti aiuto nella guida, tu nell'inglese :mrgreen:

Tozeur
Messaggi: 544
Iscritto il: giovedì 29 dicembre 2011, 1:07

Re: Un piccolo sfogo

Messaggio da Tozeur » venerdì 5 luglio 2013, 8:33

Guarda anche io fino a qualche mese fa la pensavo come te. Stavo anche per iscrivermi di nuovo a scuola guida! ho seguito i consigli degli altri utenti del forum e piano piano ho ripreso a guidare prima con una persona accanto in strade poco trafficate o del tutto deserte e poi da solo. Tutto questo nell'arco di diversi mesi.
Alone but not lonely

Rispondi