“Salve, sono qui per essere lapidata. Sono lesbica.”

Discussioni su citazioni letterarie e motti di spirito e altro ancora
Rispondi
Avatar utente
IsabellaCucciola
Messaggi: 1386
Iscritto il: venerdì 30 marzo 2012, 18:40

“Salve, sono qui per essere lapidata. Sono lesbica.”

Messaggio da IsabellaCucciola » mercoledì 25 giugno 2014, 12:27

La chiesa di Harlem scrive che Gesù lapiderebbe i gay. “Salve, sono qui per essere lapidata. Sono lesbica.
Come sapete ci sono omofobi che usano passi della Bibbia per “giustificare” il loro odio verso i gay. In questo articolo si parla di una “chiesa” che odia talmente tanto i gay che ha deciso di fare un cartello con scritto: Gesù lapiderebbe i froci, con i soliti passi del Vecchio e Nuovo Testamento.
Una ragazza lesbica, Jennifer Louise Lopez, ha allora deciso di farsi lapidare dato che Gesù lo farebbe. Pazza??? No!! Quello che vi riporto è uno stralcio dell’articolo:
“Jennifer bussa alla porta della chiesa e con voce serena dice: «Salve, ho visto la vostra insegna, e sono qui per essere lapidata, sono lesbica». L’uomo che le apre la porta, ovviamente, rimane a bocca aperta. «Allora, mi lapidate?» insiste Jennifer. Sempre più stupito l’uomo risponde: «No, non ho molte pietre con me, torna domani». «Ah, va bene Grazie!».”

ARTICOLO E VIDEO:
http://lezpop.it/per-una-chiesa-di-harl ... o-lesbica/
Ogni sera quando mi ferisco una parte di me si chiede cosa stia facendo, ma io non so cosa risponderle. Guardo il sangue colare dalla ferita, colare a terra, goccia dopo goccia, come una clessidra.

Avatar utente
progettogayforum
Amministratore
Messaggi: 5382
Iscritto il: sabato 9 maggio 2009, 22:05

Re: “Salve, sono qui per essere lapidata. Sono lesbica.”

Messaggio da progettogayforum » giovedì 26 giugno 2014, 1:18

A James Baldwin, un nero che era stato predicatore in una piccola chiesa pentecostale di Halrem, devo una parte molto significativa della mia formazione morale in tema di omosessualità. Baldwin ha scritto un capolavoro come “Another country” di cui ricordo in particolare un bellissimo discorso, ricco di umanità e di sentimenti profondamente cristiani, che il pastore di una piccola chiesa pronuncia in occasione della morte di Rufus, un nero gay che ha scelto la via del suicidio. Se penso alla chiesa di Harlem la identifico con il discorso di quel pastore che incarna perfettamente lo spirito di James Baldwin, nessun abuso del nome di Cristo, nemmeno il più osceno, potrà offuscare l’immagine bellissima che Baldwin ha offerto della chiesa di Harlem. Pensate a Luther King e chiedetevi come avrebbe risposto al cartello esposto nella chiesa di Harlem!

Rispondi