RAGAZZI GAY E ANSIA DELL'ATTESA

HIV e AIDS, contagio, prevenzione, test - malattie sessualmente trasmissibili
Rispondi
Avatar utente
progettogayforum
Amministratore
Messaggi: 5438
Iscritto il: sabato 9 maggio 2009, 22:05

RAGAZZI GAY E ANSIA DELL'ATTESA

Messaggio da progettogayforum » martedì 30 luglio 2019, 14:34

Caro Project,
mi ha fatto bene parlare con te ieri sera, ma le preoccupazioni di fondo restano e spero che alla fine possano svanire, perché se non succedesse, sarebbe veramente un incubo. Uno considera certe cose sempre lontane e quasi impossibili, poi ti rendi conto che può succedere, e che il fatto che non succede personalmente a te alla fine ti consola solo un po’. Può succedere alle persone alle quali vuoi bene e se dovesse accadere sarebbe proprio distruttivo. Tu hai cercato di togliermi dalla testa i complessi di colpa, in un certo senso ci sei riuscito perché quelli in effetti non erano problemi, so benissimo che, qualunque cosa sia successa, non è immediatamente imputabile a me, ma questo non mi fa stare meglio. Ci sarà ancora qualche giorno da attendere e prego Dio che non ci siano notizie terribili. Di lui ho parlato solo con te, in completo anonimato, prima di tutto per rispetto a lui e poi perché i miei amici non capirebbero niente, per loro quando una storia è chiusa è chiusa, se uno è il tuo ragazzo, allora tu hai dei doveri, ma se non lo è più sei totalmente libero, ma per me non è mai stato così. Lui non è più il mio ragazzo da anni ormai ma gli voglio bene lo stesso, pensare che possa stare male mi mette KO. Per tanto tempo non ci siamo sentiti, e io sono stato tranquillo, cioè ho pensato che stesse bene, poi mi ha chiamato con quei dubbi per la testa e mi ha messo in crisi. Mi si contorcono proprio le viscere, ho paura, paura per lui. Non è una cosa razionale, aspettare i risultati fa un brutto effetto, e se lo fa a me, mi immagino come possa farlo a lui. Avevamo parlato tanto di stare attenti, di non mettersi nei guai, ma adesso lui ha dei dubbi e ha dei disturbi. Io posso solo stargli vicino perché stare male e stare solo deve essere veramente terribile. A chi potrebbe dirlo? Ai genitori? Mh … no, non è proprio possibile, ai suoi partner? Lo schiverebbero come un lebbroso. Project, al momento sono tutte ipotesi che potrebbero benissimo essere del tutto sbagliate e spero che lo siano, ma lo sento ansioso, preoccupato e non so come farlo stare meglio. Abbiamo a breve tutta una serie di controlli medici in previsione e posso solo sperare che non ci siano brutte novità. Potrebbe anche avere problemi che non c’entrano niente con le malattie sessualmente trasmesse, ma lo vedo in crisi, non è nel suo stato normale, è vero che l’ansia può essere distruttiva, e spero che si tratti solo di quello. Noi ci siamo voluti bene, poi lui ha cercato altro, e posso capirlo, ma tra noi è rimasto un rispetto e anche un affetto profondo. Project, mi viene proprio l’angoscia dell’attesa, altro che atteggiamento razionale, anche se abbiamo programmato tutto nel modo che sembra più razionale, mi sento agitato insicuro, ho la sensazione che la vita umana sia portata dal vento come le foglie. Per quel po’ che posso, devo cercare di stargli vicino, se mi faccio prendere dall'angoscia faccio stare peggio anche lui. Project, mi ha stupito il tuo atteggiamento in chat, non hai banalizzato come fanno tutti, non hai detto il classico: “vedrai che non sarà niente” no! Mi hai detto: “Comunque vadano le cose hai un ruolo insostituibile” e questa frase mi è rimasta in mente.
Ti abbraccio forte, Project, ti richiamerò su skype nel pomeriggio o in serata.

Rispondi