Crea sito
 
Oggi è sabato 23 settembre 2017, 12:52

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




 Pagina 1 di 2 [ 11 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: LO SAPEVO - Storia di una coppia gay (?)
MessaggioInviato: giovedì 31 gennaio 2013, 16:55 
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: sabato 9 maggio 2009, 22:05
Messaggi: 5084
LO SAPEVO
- Oh! ... Finalmente ce l’abbiamo fatta... ti ho fatto aspettare... però ce l’abbiamo fatta... allora come va?
- Insomma... non c’è male... tu mi sembri in forma splendida...
- Non c’è male, non mi posso lamentare... insomma tutto nella norma... allora... che mi dici di bello?
- Eh... e che ti dico... mh... non lo so... che ti dico?
- Io ho fatto un bel po’ di cose interessanti... Il Canada, sai, è un posto bellissimo... al nord fa freddo pure d’estate... e poi il posto, la gente... proprio l’ebbrezza di un altro mondo ho fatto un giro bellissimo ... sai perché si chiama Canada?
- No... veramente no...
- Beh, ci sono tante teorie... un esploratore francese Jacques Cartier utilizzò una parola indiana Kanata che significa villaggio pensando che fosse il nome della regione...
- Ah...
- Però... c’è un’altra teoria... forse ci arrivarono per primi gli spagnoli in cerca di oro... e tra loro si dicevano “aca nada” cioè qui non ci sta niente... oppure si dice che derivi dal fatto che ai primi coloni francesi era permesso bene un boccale di birra al giorno (a can a day)... però da dove venga non lo sa nessuno...
- Ah...
- E poi siamo stati a vedere le partite di lacrosse una cosa stranissima, ci sono le racchette come nel tennis ma si tira in porta come nel calcio... mh... mi sa che si annoiando con tutte queste storie... ma vedrai che prima o poi ci andiamo pure insieme...
- Eh... prima o poi...
- E tu che hai fatto?
- Beh... in pratica ho lavorato tutta l’estate...
- Proprio niente ferie?
- Una settimana l’avevo presa a Natale... quindi dieci giorni... gli altri me li devo tenere... non si sa mai...
- Eh be’... sì... un po’ di prudenza non fa mai male... e l’anno venturo che farai?
- Solita vita... più o meno...
- Io pensavo di andare negli Stati Uniti... ho avuto una proposta da un’università americana per un master lì... mi tenta molto... pagherebbero tutto loro... il master dura due anni ma poi dovrei rimanere lì per atri tre... e chiaro che poi, quando torno, un’esperienza come quella pesa... non so che fare... tu che dici? Era tanto tempio che te ne volevo parlare... ma non c’è stata mai l’occasione... sai come sono queste cose... per lettera non mi piace... ma tu che ne pensi?
- E che ti dico... devi fare quello che pensi sia meglio...
- Tanto noi non ci perdiamo di vista... c’è MSN... e poi l’estate mi vieni a trovare... lì l’estate è bello... tu sei una persona troppo importante io non ti voglio perdere... e poi ancora non ho deciso... non so nemmeno se ci vado... mi piacerebbe però non lo so...
- Quando parti?
- Penso il 15 settembre se non cambiano le cose, la prenotazione l’ho fatta per il 15 settembre... dai dimmi che pensi... non mi lasciare in sospeso...
- E che penso... se la cosa è importante non te la devi fare scappare... e che ti posso dire...
- Però poi ti devi fare sentire... hai capito... noi non ci dobbiamo perdere in effetti noi abbiamo un mondo in comune... scusa, tu lo sai benissimo... io non riuscirei proprio a fare a meno di te... scusa... il cellulare... Pronto... oh come stai? ... io benissimo... no, domenica no... eh no, mi dispiace... Lunedì? ... allora Lunedì... alle nove, alle nove... non mi fare alzare troppo presto... passi tu da me va bene... va bene, ciao... Scusa eh... sono amici, brave persone... veramente brave persone... vanno domenica in Abruzzo... ma io domenica ho da fare... perché mi guardi così? Non devo fare cose strane domenica... vado a Verona a vedere il Nabucco all’Arena... ci vado con i miei... non pensare male.. ci vado con i miei... poi lunedì mattina sto di nuovo qui... non ti preoccupare, non scappo... che pensi? Perché fai quella faccia... dai dillo...
- Non lo so, proprio non lo so...
- Se voi possiamo andare a cena fuori ma prima di venerdì non posso proprio... però venerdì si può fare benissimo...
- Va bene, come vuoi tu... in linea di massima vada per venerdì... ma se non puoi non te ne preoccupare proprio...
- Beh... se non posso non posso... ma cercherò di esserci... così almeno ci facciamo una bella chiacchierata... mi manca tanto una bella chiacchierata con te... non mi sento affatto a disagio quando sto con te... però un rimprovero te lo devo fare... perché il cellulare ce l’hai pure tu e quando stavo in Canada lo potevi pure adoperare... eh...
- Beh... pero pure tu...
- Mh... hai ragione... ma io avevo tante di quelle cose per la testa... e poi lo sai come sono... quando sto fuori di casa il mio cervello rinasce... a stare a Roma proprio non ci riesco... qui si sta bene ma io voglio andare in Canada e alla fine ci andrò... lo sento che la mia patria è quella... lo sento proprio... mi manca... è la seconda volta che vado in Canada e questa volta mi ha fatto proprio l’effetto di tornare a casa... le strade ... Toronto è una città meravigliosa... quando ti avvicini dal mare e vedi la National Tower resti a bocca aperta... è alta più di 550 metri... e poi la gente... nessuno si impiccia degli affari degli altri... massima libertà... tanto spazio e poca gente... un posto bello per viverci...
- Ma non ci fa freddo?
- Beh... che vuoi che sia, le case sono riscaldate... ci si può stare benissimo pure d’inverno e poi l’estate è bellissima, non c’è il caldo asfissiante che c’è qui...
- Senti, io ti volevo dire una cosa...
- Dai adesso usciamo, andiamo da qualche parte... non mi piace stare troppo tempo dentro casa... andiamo dove vuoi tu ma andiamo da qualche parte...
- Ok... allora andiamo a Villa Borghese...
- No, a Villa Borghese no... andiamo un po’ al centro... almeno c’è un po’ di gente...
- Va bene, io ti seguo...
- Che stavo dicendo? .. ah si, di Toronto... devi vedere che università che hanno... una cosa incredibile... ci sono degli edifici antichi bellissimi che sembra si stare a Oxford... proprio il tempio della cultura... però ci sono pure gli edifici moderni, quelli supertecnologici... è un mondo più inglese di quello dell’Inghilterra... più inglese nel senso tradizionale del termine... se me ne potessi andare lì invece che negli Stati Uniti credo che starei anche meglio... e poi lì si fa subito a fare amicizia... sono carucci... cose immediate, dirette, senza stupidaggini come da noi... con due ragazzi ci siamo scambiati i numeri di cellulare e ci siamo sentiti pure dopo... pure in chat... così posso pure perfezionare l’Inglese però non solo per quello perché ci si chiacchiera bene... che stavamo dicendo?
- Io volevo...
- Ma perché andiamo al centro? ... Dai, andiamo da qualche altra parte... che ne so, all’EUR... eh... che dici?
- Guarda, per me è del tutto indifferente...
- Mannaggia, ma sei una pappamolla! Tu non prendi mai posizione su nulla... se continui così finisce che ti mettono proprio sotto i piedi...
- Beh...
- No, vabbe’, dicevo per dire, lo so benissimo che non succede... e poi... se ti posso dire una cosa un po’ privata... ho una paura tremenda di andare in America... in California... devo andare in California... chissà come mi troverò... mh...
- Secondo me ti troverai benissimo...
- Perché lo dici?
- In effetti che cosa ti manca per stare perfettamente a tuo agio? ... La lingua la sai benissimo e dopotutto, se il master te lo hanno offerto vuol dire che a te ci tengono perché costa un sacco di soldi... secondo me tu in California ci resti...
- No! Questo non credo... e se poi succede vuol dire che ci vieni pure tu... tanto lì un lavoro si trova...
- I tuoi come l’hanno presa?
- Bene... perché?
- Be’, in sostanza è una cosa positiva ma si tratta pure di stare cinque anni fuori di casa se non di stabilirsi definitivamente lì...
- Sì... però lì ci vai a stare a un altro livello... insomma è un’opportunità... mio padre ci tiene moltissimo... c’ha pure qualche amico lì che mi può dare una mano... ma io gliel’ho detto: guarda che io non ho bisogno di nessuno... so stare benissimo per conto mio...
- Questo mi pare evidente...
- E allora dimmi in bocca al lupo!
- In bocca al lupo!
- Ma in modo più convinto!
- In bocca al lupo!!!
- Oh... finalmente un po’ di grinta... scusa... il cellulare... Pronto... oh... chi si sente... mi fa veramente piacere... un amico come te non si trova da nessuna parte... tu sei il meglio! ... No, no, dico veramente... dimmi, dimmi... le prove saranno venerdì dell’altra settimana... le passi, le passi... certo che le passi... ma di che hai paura... uno con un cervello come il tuo... No! Stai tranquillo... se te lo dico io puoi stare tranquillo... va bene? Va bene? ... Ok... Niente, niente... ciao, ciao!
Mannaggia c’è certa gente che ti si attacca e che non te ne liberi più... questo è un cretino che deve fare un concorso che non passerà mai... ma, poveretto, non se ne rende proprio conto... io non gli posso mica dire: senti... tu non passerai mai! ... E che posso fare... tanto non capisce... pensa che io possa fare chissà che ma intanto io non posso fare niente e se potessi non lo farei... se ci sai arrivare con le tue gambe bene altrimenti ti attacchi! Vabbe’ che stavamo dicendo... non mi ricordo più... ah sì... che devi avere più grinta... dimmi di no!
- No... forse hai ragione... però non è cosa per me...
- E invece tu potresti avere mille possibilità concrete e te le stai facendo sfuggire una dopo l’altra, tu ti accontenti, quando c’è un’occasione non la prendi a volo... ma pure alle feste... a quelle che contano... io ho provato a dirtelo tante volte ma tu niente!
- Però non hai mai voluto andarci con me...
- Ma in quei posti non ci si va in due... se mi vedono con te perdo la faccia... non ti offendere, non è una questione di svalutare o altro... è che se si sta in coppia aprire la conversazione è più difficile e lì ci si va per quello...
- E poi noi non siamo nemmeno una coppia...
- Ma perché dici così... non è vero... siamo una coppia eccome... quando penso a te io sto bene...
- ...
- Beh... che c’è? ... perché non rispondi?
- Sì, in certo senso siamo anche una coppia...
- Così va meglio... ma devi avere più grinta... se una cosa la pensi la devi dire!... la devi dire senza imbarazzo...
- Va bene...
- Ma guarda che schifo questa strada... qui non ci pulisce mai nessuno... Roma potrebbe essere una città bellissima e invece deve essere uno schifo... un giardino come questo che sembra un immondezzaio... tu vedessi a Toronto se trovi una carta per terra! Quella è proprio un’altra dimensione della vita... e pure quelli... ma io dico... se c’avete altro da fare statevene a casa... ma che bisogno c’è di venirsene qui a dare spettacolo...
- Ma si stanno solo dando un bacetto...
- Se fosse per te tutto sarebbe lecito... mentre ci vorrebbe un po’ di senso della misura e questi non ce l’hanno... sono un po’ come gli animaletti... mah... vabbe’, tanto su questo punto non ci capiremo mai... ci prendiamo un gelato... seduti però...
- Ok...
- Dentro, dentro, c’è una terrazza sul lago... ecco, qua, qua va bene... io voglio una coppa fragola limone e ananas... chiama il cameriere...
- Ma quello viene da sé, non c’è bisogno di chiamarlo...
- Ma se non lo chiami stiamo qui fino a domani... vabbe’... sta arrivando...
- Due coppe fragola limone e ananas... grazie...
- Questo posto sta peggiorando... qualche anno fa era bello... adesso sta scadendo di livello...
- Mi pare che il cameriere fosse perfetto...
- Ma non dico per il cameriere... è la gente... mamma mia ma ci sono certi attrezzi... e non si fanno mica i cavoli loro... ma che stanno guardando! ...
- E tu non li guardare... lasciali perdere...
- Ma mi danno fastidio... e poi il servizio è lento... questo non arriva più...
- Perché quando andavi a prendere il gelato a Toronto era diverso?
- Diverso? ... proprio un’altra dimensione! Soprattutto la gente! ... Qui in Italia siamo secoli indietro... arriva va’!
- ...
- Perché hai pagato subito?
- Perché così quando ce ne vogliamo andare non dobbiamo aspettare un’altra volta!
- Giusto! Hai fatto la cosa giusta! ... ma questo non è un gelato è un masso di ghiaccio del polo nord! E’ durissimo... in un posto come questo ti portano un gelato così... ma non sanno nemmeno regolare i frigoriferi...
- E no... probabilmente no... ma se lo lasci lì due minuti si scioglie da sé...
- Ma tu ti devi sempre adattare... tanto a te ti va tutto bene... e poi l’ananas pure pure...la fragola è coloratissima... e il limone è un pezzo di ghiaccio...
- A me non sembra così male...
- E certo... se una cosa non piace a me piace a te... ma lo so, lo so che è così... e poi te lo sei spolverato in due cucchiaiate... ma sembra che non hai mangiato da tre giorni...
- Ma che fai? ... perché poggi il cucchiaino?
- Non mi va... non mi piace... senti... andiamocene... qui tutta questa gente che guarda mi fa passare l’appetito...
- Ok... andiamo...
- Almeno qui non c’è gente che ti tiene gli occhi addosso... certo ci sono quelli che continuano a sbaciucchiarsi... ma almeno non si impicciano dei cavoli nostri...
- Hai fatto qualche foto in Canada?
- Sì... quasi mille, ce le ho tutte sul computer... se le vuoi te le mando...
- Beh... per posta mi sembra difficile.. ci vorrebbe un CD... ne dovresti fare uno...
- Ma non lo so fare...
- Come non lo sai fare? Col computer hai fatto miracoli... e non sai fare un CD?
- Vabbe’, lo so fare ma non mi va... facciamo così... vieni tu e te lo fai da te...
- Faremo anche questa... però io le foto le voglio vedere con te e tu me le devi commentare...
- Ma... che ti devo dire... un po’ le romanticherie mi piacciono però... no... ci vuole troppo tempo... te ne mando una decina...
- Va bene... e il commento?
- Ma non ti basta mai? ... Ma io ho pure altre cose da fare nella vita... non posso stare sempre appresso a te... che pensi? Perché mi guardi così?
- No... niente. ero sovrappensiero...
- No... tu stavi pensando a quello che stiamo dicendo... scusa... il cellulare... pronto... carissima! ... Ma no! Ma veramente? ... Accidenti se mi fa piacere! ... certo che lo conosco... sì siamo amici di vecchia data... che bella notizia che mi dai... e quando? ... Ancora un po’ di tempo c’è... sì... molto volentieri... quando vuoi tu... venerdì... va bene, si venerdì va benissimo, non c’è nessun problema... come no... certo, certo... carissima, auguroni... e ci vediamo venerdì... va bene e fai anche a lui tanti auguri da parte mia... Ciao cara, ciao! ... Scusa eh... questa proprio non me l’aspettavo... te la ricordi Milena?
- No... e tu te lo ricordi che venerdì dovevi uscire con me?
- Vabbe’... ma che dovevo fare Milena si sposa e mi dice se ci vediamo venerdì e io devo dire di no? Certe volte non so proprio come ragioni... vuol dire che noi ci vedremo un altro giorno...
- Ok, ok... insomma chi è questa Milena?
- Ma come... te l’ho presentata quando siamo andati insieme al Terminillo...
- Ma guarda che non siamo mai andati insieme al Terminillo...
- Vabbe’, forse non è stato con te... ma non fa niente... Milena è una caruccia, ma caruccia forte e si è messa con un broccolo... ma secondo me il motivo c’è... il broccolo deve essere uno broccolo ben dotato... non fare quella faccia sconvolta! ... non hai capito niente... voglio dire che deve avere un bel portafoglio...
- Ah...
- E Milena, secondo me ha sempre avuto la tendenza fare la mantenuta... a lei piace fare la signora... non lavorare... avere quelli che le tengono tutto a posto... hai capito il tipo... e così si è accomodata per il meglio... il marito dopo tutto non fa nemmeno tanto schifo... quindi ci va proprio a nozze... e poi lei aveva la mania di sposarsi presto... così si poteva accomodare subito... ma dico... ma bella mia... ma tu non hai neanche un po’ di dignità... sì, vai a fare la signora... ma non è roba tua è roba di tuo marito... e se poi non lo sopporti che fai? ... te lo tieni per forza?
- Adesso hai detto una cosa che mi è piaciuta...
- Solo adesso eh?
- Io ho detto adesso, non solo adesso...
- Vabbe’, ho capito ho capito, tanto con te faremo i conti un giorno o l’altro... e quale sarebbe la cosa che ti è piaciuta?
- Quella dell’indipendenza...
- Be’ quella mi pare il minimo... adesso, scusa, io con te ci sto... però ci sto perché ci voglio stare... ma per forza non ci starei mai...
- Tu con me ci stai... insomma...
- Come insomma? E no eh! ... ci sto eccome!
- Sì, però noi non ci vediamo quasi mai... te ne vai via per mesi e non mi mandi nemmeno una e-mail... poi te ne vai in America per cinque anni...
- Ma non sparisco mica...
- Ma se ti chiedessi di non andare tu che faresti?
- Non facciamo ipotesi... tu me lo chiedi o no?
- No, non te lo chiedo, e lo sai benissimo...
- Perché se tu me l’avessi chiesto per me sarebbe stata una situazione difficilissima...
- ... Ma avresti scelto di partire comunque...
- No... non è così facile... io faccio quello che mi pare perché tanto tu alla fine molli sempre ma se tu non facessi così io non farei quello che voglio io...
- Bel ragionamento... mh...
- Però il fiato te lo potevi fare uscire pure prima... adesso è tutto combinato... come cavolo faccio a uscirmene che non ci vado più... tu a me non mi conosci... tu a me non mi conosci, tu adesso mi stai mettendo alla prova ma tu a me non mi conosci... io della California me ne infischio... e di tutto il resto pure... tu vuoi che non ci vado? ... e io non ci vado... tanto qualche cosa da fare la trovo pure qui...
- Ti arrabbi se ti dico una cosa?
- Che cosa?
- Adesso non fare la scena madre... lo so benissimo che partirai... non c’è bisogno di recitare... vuoi sapere se può andare bene anche così? ... Al 100% non lo so... ma forse sì... penso che lo sopporterei lo stesso... infondo la mia broccolaggine arriva fino a questo punto... certe volte ti prenderei a schiaffi perché mi fai solo rabbia ma certe volte no... aspetta, non ho finito... non ti mollo perché mi fai anche un po’ pena... non nel senso di disprezzo che puoi pensare tu... proprio in un altro modo... secondo me tu stai perdendo il meglio e neanche lo capisci... mi fa pena l’idea che una persona come te si faccia plagiare dalle stupidaggini... certe volte non ti sopporto proprio ma certe volte penso che non ti posso mandare in malora... perché secondo me tu rischi di trovarti da qui a qualche anno con un pugno di mosche in mano, forse con un’ottima posizione e con un sacco di soldi... ma con un pugno di mosche sotto tanti altri punti di vista... adesso l’ho detta tutta... se vuoi ti riporto a casa...
- Mh... potresti non avere tutti i torti... lo so che è così... accidenti lo so benissimo che è così... ma che dovrei fare? ... mettiti nei miei panni! ...
- No! La scelta è la tua... non è una scelta che devi fare per me... è una scelta che devi fare per te... in fondo che quando tornerai, se tornerai, mi troverai sempre qui ad aspettarti con tutta la mia broccolaggine lo sai, non te lo devo ripetere... e poi se perdi me non perdi gran cosa...
- Adesso vattene! non ce l’ho con te... ti giuro che non ce l’ho con te... anzi... tu sei l’unica persona che mi parla in questo modo... ma adesso voglio stare per conto mio...
- Ti riporto a casa?
- No... vattene e basta... poi ti richiamo... lo faccio... ma adesso vattene... per favore!
- Scusami... forse ho caricato troppo la dose...
- Vattene via... ti prego vattene via!
- Ok... ma mi dispiace moltissimo... ti giuro che mi dispiace moltissimo...

L’indomani, ore 9.00
- Pronto... ciao... ho disdetto tutto... resto... e mi sento meglio... mi sento molto meglio... e adesso vieni qua e guai a te se non arrivi qui in cinque minuti!
- Arrivo! Arrivo! ... Ma io lo sapevo che finiva così! ... io lo sapevo!



_________________
BLOG PROGETTO GAY http://progettogay.myblog.it/
BLOG STORIE GAY http://nonsologay.blogspot.com/
SITO PROGETTO GAY https://sites.google.com/site/progettogay/
STORIE GAY E NON SOLO https://gayproject.wordpress.com/
Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: LO SAPEVO - Storia di una coppia gay (?)
MessaggioInviato: giovedì 31 gennaio 2013, 21:29 
Avatar utente

Iscritto il: lunedì 27 febbraio 2012, 4:37
Messaggi: 383
Sembra la coppia di Stanlio e Ollio...divertente ma con sentimento...insomma quello sicuro di se si mostra comunque indeciso dando dell indeciso all altro quando invece lo è lui, mentre l altro ragazzo "subisce" questa frustrazione...però sono una coppia (non si capisce se fidanzati o amici)!
Di sicuro io partirei...certo se non avessi un amico o compagno...però non c è il compagno ma gli amici rimangono!



_________________
Cambiare è difficile

Non cambiare è impossibile

Nel cambiare, ti ferisci, rimarrai ferito, rimarrai segnato e non potrai farne a meno

--------------------------------------------------------------------------------------

Essere come il caffè nei momenti più difficili.
Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: LO SAPEVO - Storia di una coppia gay (?)
MessaggioInviato: venerdì 1 febbraio 2013, 0:33 
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: sabato 9 maggio 2009, 22:05
Messaggi: 5084
Questo racconto (inserito qui e non nella sezione coppie gay proprio perché si tratta di una fiction) è stato da me pubblicato per la prima volta l’11 Agosto 2007, quando Progetto Gay ancora non esisteva, su un mio vecchio blog, ormai sparito dalla rete da anni. Il teso ha una particolarità: i personaggi non sono sessualmente connotati, in sostanza potrebbero essere due ragazzi, un ragazzo e una ragazza o anche due ragazze.

Il blog sul quale questo racconto è stato pubblicato per la prima volta non era un blog gay, ma si occupava della vita di coppia etero. È significativo osservare che all’atto della pubblicazione su un blog etero, tutti i commenti (e non furono pochi) a questo racconto lo interpretavano come chiaramente etero, nella grande maggioranza dei casi identificando il ragazzo col protagonista appena rientrato del Canada e la ragazza con l’altro protagonista, ma in circa il 10% dei casi si riscontrava anche l’identificazione della ragazza nella persona appena rientrata dal Canada. In nessun caso si ipotizzava che potesse essere una coppia omosessuale e nessun commento notava l’assenza di connotazione sessuale.

Un racconto del genere può essere usato come test di orientamento sessuale (proiettivo) in un modo molto semplice, di fa leggere il testo ad una persona (ovviamente non sul Forum di Progetto Gay), poi si chiede di riassumere in testo e di interpretarlo in un paio di pagine. Se il testo contenente il riassunto è sessualmente connotato in senso etero è altamente probabile che la persona che ha prodotto il riassunto sia etero. Un gay legge certamente questo testo come una storia di coppia gay ma potrebbe comunque riassumerlo in chiave etero per evitare di palesare il proprio orientamento sessuale, questo comportamento però non è tipico, in genere un gay coglie che si tratta di un testo non sessualmente connotato e lo riassume in un testo anch’esso non sessualmente connotato. Un riassunto non breve che non sia sessualmente connotato è quasi certamente opera di un gay.



_________________
BLOG PROGETTO GAY http://progettogay.myblog.it/
BLOG STORIE GAY http://nonsologay.blogspot.com/
SITO PROGETTO GAY https://sites.google.com/site/progettogay/
STORIE GAY E NON SOLO https://gayproject.wordpress.com/
Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: LO SAPEVO - Storia di una coppia gay (?)
MessaggioInviato: sabato 2 febbraio 2013, 1:35 
Avatar utente

Iscritto il: lunedì 27 febbraio 2012, 4:37
Messaggi: 383
Insomma un tranello?! :D
Io vedo anche un discorso comune nella società d' oggi, un pò presuntuosa ma la vera presuzione quale è?



_________________
Cambiare è difficile

Non cambiare è impossibile

Nel cambiare, ti ferisci, rimarrai ferito, rimarrai segnato e non potrai farne a meno

--------------------------------------------------------------------------------------

Essere come il caffè nei momenti più difficili.
Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: LO SAPEVO - Storia di una coppia gay (?)
MessaggioInviato: sabato 2 febbraio 2013, 13:42 

Iscritto il: sabato 27 ottobre 2012, 15:07
Messaggi: 92
Ho letto ora il racconto...va bene che già sapevo che non era sessualmente connotato perchè avevo letto erroneamente prima il commento di project, però sono contento che se avessi dovuto fare un riassunto non avrei mai detto: il ragazzo torna dal Canada e la ragazza lo aspetta in Italia o viceversa, ma avrei parlato in generale di "2 partners"..
sono salvo!!!! :P 8-) :D :lol: :P
e comunque la fine mi piace molto!! ^^


Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: LO SAPEVO - Storia di una coppia gay (?)
MessaggioInviato: sabato 2 febbraio 2013, 13:43 

Iscritto il: sabato 27 ottobre 2012, 15:07
Messaggi: 92
Ho letto ora il racconto...va bene che già sapevo che non era sessualmente connotato perchè avevo letto erroneamente prima il commento di project, però sono contento che se avessi dovuto fare un riassunto non avrei mai detto: il ragazzo torna dal Canada e la ragazza lo aspetta in Italia o viceversa, ma avrei parlato in generale di "2 partners"..
sono salvo!!!!
e comunque la fine mi piace molto!! ^^


Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: LO SAPEVO - Storia di una coppia gay (?)
MessaggioInviato: sabato 2 febbraio 2013, 13:51 

Iscritto il: martedì 3 luglio 2012, 4:01
Messaggi: 114
Io so solo che ho detestato i protagonisti con tutto me stesso.. il primo mi sa di insicuro logorroico il secondo di manipolatore ed è la sola cosa su cui mi sono focalizzato per tutta la lettura. Non avevo affatto notato che non vi fossero connotati sessuali.



_________________
 


"La capacità di stare da soli è la capacità di amare. Può apparirti paradossalle, ma non lo è. E' una verità esistenziale: solo le persone in grado di stare da sole sono capaci di amare, di condividere, di toccare il nucleo più intimo dell’altra persona, senza possederla, senza diventare dipendenti dall’altro, senza ridurla a un oggetto e senza diventarne assuefatti."
Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: LO SAPEVO - Storia di una coppia gay (?)
MessaggioInviato: sabato 2 febbraio 2013, 14:31 

Iscritto il: sabato 27 ottobre 2012, 15:07
Messaggi: 92
Addirittura? :D
eppure è ben evidente che non c'è mai un pronome, un aggettivo, un dettaglio che possa far capire se siano 2 uomini, 2 donne o un uomo e una donna!! :P


Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: LO SAPEVO - Storia di una coppia gay (?)
MessaggioInviato: sabato 2 febbraio 2013, 15:07 
Avatar utente

Iscritto il: venerdì 9 luglio 2010, 0:27
Messaggi: 278
Totoro ha scritto:
Io so solo che ho detestato i protagonisti con tutto me stesso..
Allora siamo in due!! :lol: Più che il lieto fine, io ci avrei fatto scappare un 'morto affogato' nel laghetto dell'Eur....

Però è un brano indubbiamente simpatico!! ;)


Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: LO SAPEVO - Storia di una coppia gay (?)
MessaggioInviato: sabato 2 febbraio 2013, 15:11 
Utenti Storici

Iscritto il: mercoledì 14 aprile 2010, 9:22
Messaggi: 2861
Immaginando una coppia etero, mi chiedo che fine avrebbero fatto se si fossero sposati. Che fine farebbe lui , e soprattutto lei.... :shock:

Forse questa fine??? :lol:

http://www.youtube.com/watch?v=XthcmDJf2Z8


Non connesso
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
 Pagina 1 di 2 [ 11 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

phpBB skin developed by: John Olson
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group


Creare forum
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010