Crea sito
 
Oggi è giovedì 27 aprile 2017, 15:01

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




 Pagina 1 di 1 [ 6 messaggi ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Pensieri di un vecchio bambino
MessaggioInviato: sabato 17 ottobre 2015, 22:28 
Avatar utente

Iscritto il: venerdì 19 giugno 2015, 13:55
Messaggi: 164
Non so propriamente come sviluppare un testo. Sarà perché non ne ho mai scritto uno, chi lo sa, sicuramente è un passo audace. Questa idea mi è venuta in un giorno invernale come tanti, si moriva dal freddo, tant'è che pure le idee si congelavano nell'aria. Continuavo convulsamente a sfare e disfare il cubo di rubik mentre pensavo quanto fino ad allora la mia esistenza fosse stata linearmente inutile, non troppo bravo in niente, non troppo affascinante, non troppo coraggioso, non troppo costante, insomma, un totale nulla. Poi guardando di nuovo l'ennesima notte nebbiosa fuori dalla finestra, ho iniziato a pensare, a pensare quante persone come me avrebbero guardato quella finestra vuota tutta la sera non avendo altro da fare, a quante persone quel giorno come i successivi non avrebbero detto niente, e d'un tratto mi sono ricordato di una delle tante frasi lette in giro in un momento di forte tedio: "E' solo nei periodi più vuoti che siamo più aperti ad ogni cambiamento di sorta"
Ed effettivamente, è solo dopo questi momenti di grande noia che ho scoperto tante cose sulla mia persona, tanto da cominciare a reputarli quasi fondamentali.

Ma fondamentali per cosa? In breve a nessuno piace essere annoiato, cerchiamo sempre dell'altro da fare e finché non lo troviamo siamo insofferenti a qualsi voglia attività, allontaniamo persone fino quasi ad estraniarci dal mondo esterno, passiamo interi giorni nel letto a non fare niente di diverso dal piangere o pensare. Ma se fosse questo atteggiamento a permetterci di cambiare?

Sai, io continuo a non capire perché ogni volta che trovo qualcosa per cui reputo valga la pena essere felici, la mia testa mi tradisca e mi dica che quella cosa non è più la cosa che cerco, che devo andare oltre. Che sia una sorta di spinta evolutiva?

Mi pongo tante domande ogni giorno, la più importante è, perché non riesco più a provare emozioni? Non sono più ne felice ne triste, eppure sorrido e fingo, dentro ho questo enorme nulla che mi devasta, ma non riesco più a parlarne con nessuno, perché ogni volta che ne parlo le persone si allontanano, scappano da me e io non voglio rimanere solo.

Cosa vorrei dalla vita? Vorrei imparare a smettere di riflettere, e ogni tanto accontentarmi di avere un tetto sulla testa, ma non mi basta, voglio di più. Mi riprometto sempre cose che non faccio, e in fondo in fondo la mia giornata la passo a guardare il muro che ho di fronte e pensare come sto perdendo i migliori anni della mia vita in eterna contemplazione. Quantomeno non faccio nulla di male, sono un bravo ragazzo, no?

La storia della mia vita è un eterna pagina bianca, in cui si alternano momenti di vuoto a grandi pause.

Ho freddo e non mi copro, perché gli unici momenti in cui ho coscienza di vivere sono i momenti in cui provo dolore e sofferenza, forse è così per tutti, chi lo sa. Nel momento in cui smetto di provare il dolore mi scordo come facesse male, strano anche questo, lo provo così spesso eppure ad oggi non saprei descriverlo. E così come il dolore non mi ricordo la sensazione di vuoto che mi da la paura quando attraverso un vicolo buio di notte. E più passa il tempo più mi dimentico quel dolce batticuore che mi lasciava l'amore un tempo.

Ogni tanto penso che sia l'ansia ad aver spento tutto, ma anche fosse non saprei come spegnere l'ansia, e allora come tornare ad amare?

Vorrei cambiare perché così come sto adesso sto male, ma ho paura del cambiamento e preferisco restare fermo immobile dove sono.

In fondo in fondo, vorrei solo sentirmi speciale, ma più vado avanti più mi accorgo di non esserlo.

Cado e non mi rialzo perché non mi piace sforzarmi, e se qualcuno mi tende un braccio lo tiro giù con me, a fondo, solo per potergli dire che non è diverso da me, solo per sentirmi meno solo. Ma quando l'altro si rialza e se ne va senza tornare più indietro allora penso male di lui, penso che mi abbia abbandonato quando in realtà non ho fatto nulla per farlo restare. E allora mi chiedo se questo freddo intorno a me non mi sia entrato anche un pò dentro, se non mi abbia congelato quel calore che avevo dentro da bambino.

Che rumore fa un cuore di ghiaccio che batte? Nessuno, perché il ghiaccio non batte ma si frantuma, e una volta in pezzi non torna insieme.

Siamo forse tutti nati pensando alla stessa maniera? No, eppure con il tempo ciò che uno dice sbagliato tutti iniziano a pensarlo come tale, due persone dello stesso sesso che escono insieme? No mio dio, assolutamente contro natura, piuttosto ri-eleggiamo Hitler, ma per dio, il matrimonio tra due gay no. E dal profondo del cuore rido, sul serio ho passato tempo a chiedermi perché sono diventato ciò che sono? Lo sono perché non posso essere nulla di diverso. Perché più gli altri mi dicono che non posso avere ciò che voglio, più penso che è ingiusto che gli altri lo abbiano, e allora parte l'invidia, e il freddo, e il cuore smette di battere, e il cervello inizia a pensare.

Mi fa ridere pensare come la parola democrazia non sia altro che un sinonimo di prepotenza, di come i forti in realtà siano dei deboli che per sentirsi abbastanza hanno bisogno di vedere gli altri soffrire. Mi fa ridere chi dice che io faccio parte della gioventù bruciata, non è la mia gioventù ad aver fatto scoppiare due guerre mondiali, ma per assurdo dicono ci fossero più valori quando al posto delle parole volavano pallottole. Viviamo in una società che esalta il soldato e schernisce il pensatore, e ci chiediamo perché al mondo ci siano ancora così tanti problemi?

Non sono ricco forse neanche d'animo, ma in confronto ai mister capi saldi di multinazionali so di non aver rubato niente a nessuno, neanche un centesimo, e per questo vivo bene.

Io penso, e tanto basta per dare alla mia vita un senso, tanto basta per combattere questo sistema conservatore che opprime chi come me cerca di essere felice. E forse alla fine di questa grande guerra, le emozioni torneranno, ma ora mi serve la freddezza di un soldato per non avere pietà di nessun pensiero che sia a me nocivo. In fondo non ho fatto il militare ma ogni giorno mi alzo e combatto la mia guerra, e tanto basta per farmi dire che non sono una nullità. E vinta questa guerra non me ne farò nulla del riconoscimento, mi gusterò il sorriso di chi l'ha vinta con me, e il freddo passerà, e io mi rialzerò.


Mi scuso se questo testo urta la sensibilità di qualcuno, sono un insieme di pensieri scritti nel tempo che volavano nell'aria. Per il resto ringrazio chiunque abbia il coraggio di leggere tutto e di non arrendersi alle prime righe :P :)


Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Pensieri di un vecchio bambino
MessaggioInviato: sabato 17 ottobre 2015, 23:29 
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: sabato 9 maggio 2009, 22:05
Messaggi: 4922
Veramente bellissimo!! C'è una morale profonda che condivido al 100%!! :D
Sembra (all'inizio) che sia la solita lamentazione del gay frustrato, ma poi c'è la reazione, è fortissima e la forza morale capovolge il senso del discorso!! Veramente bello!! :D



_________________
BLOG PROGETTO GAY http://progettogay.myblog.it/
BLOG STORIE GAY http://nonsologay.blogspot.com/
SITO PROGETTO GAY https://sites.google.com/site/progettogay/
STORIE GAY E NON SOLO https://gayproject.wordpress.com/
Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Pensieri di un vecchio bambino
MessaggioInviato: domenica 26 febbraio 2017, 19:05 
Avatar utente

Iscritto il: sabato 28 dicembre 2013, 22:27
Messaggi: 699
ihihihihihih ora stai fresco motorino helpino ^_^.

Cominciamo ovviamente con l'argomento reificante alla maniera di tuo padre versione 1 :lol:

Ma insomma ragassuoli!!! Se siete tanto bravi e preparati in aspetti di programmazione di cui una povera vecchia talpa può solo aver sentore
ed imprecisa contezza perché, in pari modo, dovreste essere così restii
a considerare la vostra stessa programmazione? Saranno mica preoccupazioni di tipo ontologico? ^_^


Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Pensieri di un vecchio bambino
MessaggioInviato: domenica 26 febbraio 2017, 21:29 

Iscritto il: mercoledì 15 febbraio 2017, 23:36
Messaggi: 4
ciao Help
complimenti ho letto il tuo posto tutto d'un fiato è bellissimo ricco di belle frasi e pensieri di una morale profonda che condivido anch'io.
E proprio vero che nei periodi più vuoti siamo più aperti ad ogni cambiamento di sorta. Credo che l'aria invernale il freddo e la notte nebbiosa in qualche modo fanno bene a sviluppare i pensieri e farli volare nell'aria davanti ad una finestra fa sicuramente più effetto eh.
la noia , la solitudine non sono altro che momenti di pausa che ci permettono di riflettere su noi stessi fondamentali alla nostra crescita evolutiva.
auguroni per tutto
un saluto


Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Pensieri di un vecchio bambino
MessaggioInviato: domenica 26 febbraio 2017, 22:55 
Avatar utente

Iscritto il: venerdì 19 giugno 2015, 13:55
Messaggi: 164
Per agis, non ho capito la domanda. Quale sarebbe la mia programmazione che metto in dubbio? :D

Per clarck, grazie per il commento, sapere che ci sono persone che condividono i miei pensieri mi fa sentire meno "solo" :)


Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Pensieri di un vecchio bambino
MessaggioInviato: lunedì 27 febbraio 2017, 17:11 
Avatar utente

Iscritto il: sabato 28 dicembre 2013, 22:27
Messaggi: 699
Help ha scritto:
Per agis, non ho capito la domanda. Quale sarebbe la mia programmazione che metto in dubbio? :D


Nessuna naturalmente Help :)
Se però rilevate, tu e Clark, come spesso a te/me/noi tutti capiti di associare parole come noia, tedio, monotonia ad altre come pausa e vuoto, a me pare che la situazione che si qualifica come noia derivi innanzi tutto dall'avere posto mentalmente un istante iniziale di riferimento in senso temporale e ad andare poi a paragonarlo con uno successivo trovandoli uguali. In funzione di questa eguaglianza parliamo di noia/vuoto ed anche qui non mi pare che vuoto o noia siano situazioni che subisco ontologicamente od esistenzialmente. Sono categorie che costruisco mentalmente in modo abbastanza semplice. Poi naturalmente ciò non toglie che, a partire da questa base, si possa procedere a complificazioni ed arricchimenti e, naturalmente, non è detto che capire come la noia funziona in senso mentale sia sufficiente a non provarla più. Nel mio caso, però, questa consapevolezza di sapere in linea di principio quando mi annoio come faccio a farlo è servita :).


Non connesso
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
 Pagina 1 di 1 [ 6 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

phpBB skin developed by: John Olson
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group


Creare forum
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010