Crea sito
 
Oggi è lunedì 29 maggio 2017, 11:28

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




 Pagina 1 di 3 [ 23 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Progettino (feuilleton a puntate)
MessaggioInviato: domenica 19 marzo 2017, 19:27 
Avatar utente

Iscritto il: sabato 28 dicembre 2013, 22:27
Messaggi: 821
Tanto gli dovevo. Così, almeno, chissà mai che il mio destride la pianti di scassare la guallera dicendo che la prosa la scrive solo lui e, per di più, nessuno se lo fila manco di striscio. Destridi... pth :roll: :roll: :roll: :lol: :lol: :lol:


Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Progettino (feuilleton a puntate)
MessaggioInviato: domenica 19 marzo 2017, 19:32 
Avatar utente

Iscritto il: sabato 28 dicembre 2013, 22:27
Messaggi: 821
Progettino

______________________________________________________________

^_^ Ordito ironico ed ipogeo di foglie, fiori, amori, sporadici molluschi ^_^

Capitolo I

Amava dunque il ritmico alzarsi ed abbassarsi delle parole più che le loro associazioni di favola e colore? Oppure era perchè, essendo lui altrettanto debole di vista che timido di mente, trovava meno piacere nella rifrazione di un ardente mondo sensibile attraverso il prisma di una lingua multicolore e riccamente istoriata che non nella contemplazione di un interiore mondo di emozioni individuali perfettamente rispecchiate in una lucida e flessibile prosa ben periodata?

James Joyce (Dedalus)


Amava quel primo peculiare momento del restauro quando, lieve, sfiorando l'umido tampone sulla patina spessa che i lumaconi avessero lasciata sulle tenere superfici di una pianta, l'antica lucentezza ed i contorni gradualmente si precisavano come quando, fitta, s'alzi infine una nebbia.
S'era dedicato, quella sera, ad uno stanco vegetale che il giardiniere presso cui lavorava aveva scovato in un angolo riposto. "Si sarebbe detta spacciata. Ma forse non lo è. I lumaconi l'hanno tutta sbavata e smangiucchiata ma, fortunatamente, le talpe non hanno ancora rosicato le radici. Me la rendi almeno presentabile, vuoi? Poi, come sempre, penserò io al da farsi".
Ed in spregio a quel languor che l'invadeva, s'era messo al lavoro la sera stessa, come preso da un'impazienza. Amava per certo quei fragili soggetti dove, scuro e dimesso, il fogliame sembri infine abbandonarsi, tuttavia, all'eccesso della fantasia d'un fiore che svapora, dilatandosi e facendosi, forse per questo, estremamente malinconico e romantico. Con gesti amorosi Progettino passava la cesoia a rettifica dei margini corrosi, il pannicello sulle opache superfici ed ecco viva geometria di nervi emerger sopra un verde, lucido layout, rete ancora avara di luce eppur già percorsa da un fremito, da un chiaro moto d'ascesa. La lampada a stelo illuminava intensamente il tavolo da lavoro creando un vivido cuore di luce nella stanza semi-buia mentre, discreto, un mormorio di ventole saliva, quietamente, dal computer in un canto. Ancora qualche tocco ed un picciuolo si precisava in un'implausibile vicinanza e, appena più distante, un gambo ormai vivificato ma, in quel preciso momento, dopo un breve e discreto bussare, la porta della camera s'aprì.


Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Progettino (feuilleton a puntate)
MessaggioInviato: martedì 21 marzo 2017, 13:22 
Avatar utente

Iscritto il: sabato 28 dicembre 2013, 22:27
Messaggi: 821
ah, sorry I had forgotten :oops:

follow ups for free but on demand 8-)


Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Progettino (feuilleton a puntate)
MessaggioInviato: sabato 25 marzo 2017, 0:25 
Avatar utente

Iscritto il: sabato 28 dicembre 2013, 22:27
Messaggi: 821
Hai visto Progettino? Se manca l'interesse ci si può sempre risparmiare la fatica ^_^
Una circostanza per te fortunata oserei dire perché, in mancanza di sufficienti inputs, la costruzione di una realtà avrebbe dovuto essere... estremamente romanzata :lol: .


Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Progettino (feuilleton a puntate)
MessaggioInviato: sabato 1 aprile 2017, 1:27 
Avatar utente

Iscritto il: sabato 28 dicembre 2013, 22:27
Messaggi: 821
Vabbè, vabbè Progettino

sebbene io cammini
per le parche ed ombrose valli di
un luogo molto vicino
a Genova


qualcosa mi ha convinto in chat questa sera con i ragazzi ad andare avanti.
Tra le altre cose si è parlato infatti di clichés non soltanto necessariamente omosessuali e di letteratura di serie B che forse, a tratti, riusciva pure a rivendicare di non esser tale. Un po' forse come l'umile letteratura di tuo e mio pugno Progettino Lialino. Sbaglio?

P.S. Ma non mi dirai per caso che preferivi a Liala Carolina Invernizio? :o :? :lol:
No, hai visto mai che vada a parlar di juve ad un interista? ^_^


Capitolo II


Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Progettino (feuilleton a puntate)
MessaggioInviato: sabato 1 aprile 2017, 1:32 
Avatar utente

Iscritto il: sabato 28 dicembre 2013, 22:27
Messaggi: 821
Capitolo II


- Domani ti sentirai meglio- sibilò suo marito.
Ma Ylla, fisso lo sguardo sulla vacuità del deserto, le stelle brillantissime sospese nel nero impenetrabile del suo cielo, non lo guardò.
Giungeva il suono crescente del vento e delle gelide acque che scorrono negli ampi canali. Chiuse gli occhi, increspata da un tremito leggero.
-Sì, - disse - domani mi sentirò meglio-.

Ray Bradbury (Cronache Marziane)


Sollevò il capo dal lavoro, gli occhi ancor fissi sulle foglie.
- Cosa c'è, papà?-
Sepolto il tempo spensierato, avevan quel fare contegnoso che diceva di un distacco, una freddezza ed era soltanto il modo di condurre un'ineludibile convivenza. Nessuno spazio lasciato ai sentimenti, ai piccoli giuochi innocenti, alle confidenze intime e affettuose come se la vicinanza ed il contatto quotidiano avessero finito con l'inaridire l'humus fertile del loro rapporto.
L'uomo avanzò con precauzione.
-Ti disturbo, caro?-
-No, non importa, vieni pure-.

Più d'ogn'altra cosa era andato crescendo in Gelsomino il timore del passato e dei ricordi, la tragica scomparsa della moglie anni prima, quella specie di fuga dalla Francia, dalla tenuta di Scarole-Catalogne, paradiso d'un tratto deturpato da voci senza suono, sprofondato in angosce incancellabili.
Per buona sorte, quel casato che, un tempo, aveva goduto di mezzi esuberanti, ancora possedeva in Italia una piccola proprietà e Gelsomino era venuto a rifugiarvisi con il suo bambino: Progettino. La madre Iris e la sorella Margherita avevano approvato quel soggiorno in Italia considerandolo distacco necessario, giusta pausa per riprender respiro e lasciare che i ricordi decantassero, affievolendosi.
Ma lui non era più tornato a Scarole-Catalogne. Aveva accomodato l'antica casa immota che un caldo, limpido sole bagnava ad ogn'ora del giorno e, da provetto cultore di lingua e letteratura francese, era stato assunto come insegnante in una scuola privata. Là il caso, la necessità, il destino, il corso della vita che si rinnova gli avevan procurato l'incontro con la sua nuova compagna: una giovane insegnante d'armonia.


Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Progettino (feuilleton a puntate)
MessaggioInviato: sabato 1 aprile 2017, 3:02 
Avatar utente

Iscritto il: sabato 21 luglio 2012, 20:23
Messaggi: 179
Sarà anche l'orario ma non è la prima volta che mi capita, Agis: il tuo fraseggiare per ambagi mi risulta rebussistico e inapprensibile. Non ho capito cosa intenda con "destride", non ho capito se c'è una immanifesta critica, non ho capito il senso degli eserghi... in sostanza non ho capito quasi niente! :mrgreen:



_________________
"La vita giusta è quella ispirata dall'amore e guidata dalla conoscenza"
(B.Russell)
Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Progettino (feuilleton a puntate)
MessaggioInviato: sabato 1 aprile 2017, 10:55 
Avatar utente

Iscritto il: sabato 28 dicembre 2013, 22:27
Messaggi: 821
Tom ha scritto:
Sarà anche l'orario ma non è la prima volta che mi capita, Agis: il tuo fraseggiare per ambagi mi risulta rebussistico e inapprensibile. Non ho capito cosa intenda con "destride", non ho capito se c'è una immanifesta critica, non ho capito il senso degli eserghi... in sostanza non ho capito quasi niente! :mrgreen:


ihihihihih :lol: :lol: Ma mi par che neppur tu te la cavi male col fraseggio. Bravo!! Fa sempre piacere trovar dei giovani sinistridi facondi e promettenti in questi tempi di comunicazioni asciutte ed abbreviate ^_^. Scherzi a parte Tommy, la metafora del destride e del sinistride deriva dal romanzo asimoviano The Gods Themselves, Neanche gli Dei nella traduzione italiana. Se n'era parlato tempo fa in un thread con Isabella ed altri.
Una delle idee di fondo di Isaac era quella di attribuire nella fiction alcuni aspetti salienti dell'attività mentale a creature di un mondo parallelo caratterizzate da tre generi: il destride, il sinistride e la mediana come metafore (probabilmente ispirate dai concetti - allora nuovi ed in voga - della dominanza emisferica), nell'ordine, di un'emotività profonda, difensiva, accuditiva, primordiale e cocciuta, di una tagliente razionalità e di un'emotività leggera, superficiale ma potenzialmente intuitiva ed innovatrice.
Una volta stabiliti questi atteggiamenti mentali alternativi gli attriti, le critiche, le dinamiche di incontro/scontro tra di essi diventano ovviamente inevitabili ma anche potenzialmente forieri di costruzioni a tutto tondo.
E' quindi ovvio che io critichi spesso ed aspramente project cui ho cucito addosso questo vestitino di destride che, per conto mio, gli calza a pennello ma, comunque, sempre apertis verbis e con intenti costruttivi. Questa cosa che andrò forse gradualmente scrivendo e che gli dovevo ha, invece, fin dal titolo vagamente wertmuelleriano un intento non critico ma soprattutto autoironico. Ho sempre criticato project per uno stile a me gradito giusto in quanto vecchiotto ma eccessivamente ripetitivo di situazioni che da queste ripetizioni rischiano infine di uscir banalizzate. Criticare senza fare tuttavia è comodo e mi par giusto cimentarmi in una mostruosità sinistride che, alla fine, -sono certo- verrà criticata anche di più :mrgreen:

P.S. Ah, dimenticavo Tommy gli eserghi altro non sono che una captatio benevolentiae ^_^ Tanto nessuno di noi si chiama Proust, Balzac o Dostoevskij e quindi cerco banalmente di giustificare gli eccessi del mio stile ricorrendo a quello de' Superiori (scopiazzo per farla breve ma almeno non lo nascondo) :lol:


Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Progettino (feuilleton a puntate)
MessaggioInviato: domenica 2 aprile 2017, 21:14 
Avatar utente

Iscritto il: sabato 21 luglio 2012, 20:23
Messaggi: 179
Ho fatto bene a spronarti, un po' indiscretamente, a scrivere fuor di metafora perché non avevo colto il riferimento a "Neanche gli dei" che è uno dei miei romanzi preferiti e perché comunque sono un grande ammiratore di Asimov, che già agli inizi degli anni Sessanta dava prova di un eccezionale precorrimento filoneista parlando dei diritti degli omosessuali; del resto per un genio della fantascienza con una solida formazione scientifica forse può considerarsi deformazione professionale ;). Riguardo all'appellativo di "destride", nell'accezione sopresposta, penso tuttavia che descriva Project abbastanza malacconciamente (per inciso, considero il pensiero di Project il mio ubi consistam e non solo in materia di omosessualità). Per concludere: il tuo nickname "Agis" fa forse riferimento alla dinastia di imperatori di Trantor nel Ciclo della Fondazione?



_________________
"La vita giusta è quella ispirata dall'amore e guidata dalla conoscenza"
(B.Russell)
Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Progettino (feuilleton a puntate)
MessaggioInviato: lunedì 3 aprile 2017, 18:17 
Avatar utente

Iscritto il: sabato 28 dicembre 2013, 22:27
Messaggi: 821
Tirar fuori le talpe dai loro buchi metaforici? :o :o Eh, che maniere! Sono un animale delicato io, ecco 8-) . Certo è vero che con tutto 'sto passeggio di bei giovani carini e intelligenti lassù al piano di sopra, qualche puntatina meno metaforica fuori dalla tana potrebbe pur venire ancora in mente ^_^. Comunque Tommy hai ragione: c'era appunto quell'Agis XIV nel ciclo della Fondazione se non ricordo male ... quella bonaria figura d'imperatore fantoccio, di pesce fuor d'acqua, di uomo giusto nel posto sbagliato. Purtroppo Isaac non può più raccontarci perché scelse di chiamarlo proprio così: Agis. Humm... humm... Un'ideuccia ce l'avrei ma ho paura che ormai ci toccherà tenerci questo dubbio. Anyway, se "Neanche gli dei" è uno dei tuoi romanzi preferiti, son certo che non hai dimenticato che sia Dua che Tritt non sono proprio del tutto assimilabili ai relativi clichés ed anzi, caso mai, quelli noiosamente normali, razionalmente prevedibili ed assimilati siamo proprio noi sinistridi. Quello che in termini generali ti/mi/ci fa vedere lì Isaac è il sempre possibile ribaltamento, la sempre possibile valorizzazione positiva di un presunto "disadattamento sociale" le cui ragioni profonde devono esser sempre sottoposte al vaglio feroce di una argomentazione razionalmente spietata immune da qualsivoglia conformismo e bigottismo. Non mi starei quindi troppo a preoccupare del vestitino di Project e poi insomma, come volevi che lo vestissi? A far la drama queen in drag non è che ce lo veda granché sempre che nelle notti di luna piena non si trasformi. Da Dottor Project a Mister Pride ^_^


Non connesso
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
 Pagina 1 di 3 [ 23 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

phpBB skin developed by: John Olson
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group


Creare forum
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010