voglia di capire

Presentazioni dei nuovi utenti - benvenuto ai nuovi utenti
shila
Messaggi: 34
Iscritto il: sabato 4 dicembre 2010, 17:13

Re: voglia di capire

Messaggio da shila » domenica 9 gennaio 2011, 14:50

Ciao Jola...
E' vero,le nostre storie sono diverse,ma credo che il forte amore che ci ha legato al nostro compagno e lo smarrimento in cui ci troviamo ora siano quello che ci lega.
Certo,la tua situazione è "complicata" dalla presenza di un bimbo,che ha tutto il diritto di avere un padre vicino e che non dovrebbe risentire delle scelte degli adulti..Ma penso che tuo figlio possa essere anche la tua forza,devi essere forte per lui e andare avanti.Mi auguro che la tua situazione possa trovare una soluzione accettabile per tutti.
Io ora sono sola.SOLA. Ed è tremendo perchè non posso essere arrabbiata,non posso trovare energia nella rabbia perchè non ci sono colpe,non ci sono tradimenti,non ci sono comportamenti sbagliati.C'è solo ancora tanto amore,il suo malessere,il mio senso di impotenza e la consapevolezza che in questo momento non possiamo stare insieme perchè è necessario che lui si chiarisca..bisessuale o omosessuale che sia! Ma è paradossale che due persone che si amano non possano stare insieme per il bene reciproco...
Il fatto che tu abbia deciso di sposarlo sapendo che era bisessuale mi ha fatto pensare..perchè è quello che avrei fatto anche io..sono convinta che la sessualità non sia bianca o nera,quindi non ci vedo nulla di male se alla base c'è una scelta consapevole. Ma devo dire che la tua storia mi ha messo qualche dubbio..è davvero possibile costruire un rapporto stabile e duraturo con un bisessuale?o si è costantemente in bilico e in balia della naturale possibilità che lui segua anche l'altra metà della sua natura?

jola1974
Messaggi: 22
Iscritto il: mercoledì 5 gennaio 2011, 11:27

Re: voglia di capire

Messaggio da jola1974 » domenica 9 gennaio 2011, 23:23

Carissima
BARBARA
condivido a pieno il fatto che, qualsiasi sia il motivo del suo allontanamento (tranne se fosse gay....nn posso condannarlo) e , se dovesse tornare indietro, nn riuscirei a perdonarlo facilmente. Non tanto x il suo comportamento nei miei confronti ma in quello di mio figlio. Mi urta da morire la sua indifferenza. Ma poi la cosa che mi sconvolge è che adesso nn vuole nemmeno più sentirmi, è come se fosse incazzato con me! Vabbè che è diventato (come ho già detto in altri post) indifferente con tutti. Ha chiuso i ponti con tutti. I genitori, ke lo hanno sempre trattato come un re, neanche li calcola. Se nn fosse ke loro lo chiamano x fargli sentire il bimbo...lui neanche si preoccuperebbe. E nn è ke i genitori lo hanno trattato male, anzi, sotto consiglio dell'altro figlio lo hanno accolto in casa senza fare storie e gli hanno detto se hai voglia di parlare con noi, ci siamo! E' vero ke io il 26 dicembre, a seguito del suo comportamento, gli dissi ke nn volevo più sentirlo xkè ci stavo male....xkè putroppo lo amo tanto, ma è stato un gesto compiuto in un momento di rabbia. Poi ho provato a fargli capire ke potevamo risentirci ma ora lui fa pure l'orgoglioso, nn risponde mai alle mie chiamate....neanche a dire ma fammi vedere nn è che è un'urgenza? UN ANIMALE IMMATURO! Io ci sto male da morire, mi manca tantissimo, mi sento vuota, nn riesco a stare in casa ke mi viene da piangere. Ma lo devo fare x mio figlio xkè nn posso staccarlo dalle sue abitudini....già vive l'abbandono del padre! Qnd vedo le nostre foto mi sento di morire....le guardo e dico ma qst ragazzo dalla faccia pulita, dall'animo nobile, un cuore grande capace di fare innamorare tutti come fa a diventare una bestia? A te
SHILA
voglio dire che ho sposato un bisex xkè sono stata ignorante e ingenua. Devi sapere che la famiglia 3 anni fa mi dissero che mio marito, proprio per la grande sensibilità che ha (anzi che aveva visto il suo attuale comportamento), a seguito della forte delusione della prima compagna e poi la mia (vedi parte del primo post) si è trovato nelle braccia di quell'uomo credendo ke un uomo che lo trattava così bene meritasse di più il suo amore rispetto ad una donna. E mio marito col tempo diceva la stessa cosa. SI è vero inizialmente diceva io sono bisex e posso amare un uomo e una donna alla stessa maniera....ma poi ogni volta che io dicevo: ma nn è che hai paura di affrontare la cosa? nn è che ti vuoi nascondere dietro di me? lui negava dicendo: ma come ho potuto fare una cosa del genere? Se ci penso mi vengono i brividi. E penso mentisse a se stesso tanto da riuscire a convincere anche me. Ritieniti fortunata CREDIMI....xkè almeno il tuo lui avrà modo di fare chiarezza in qst situazione....e tu te ne farai una ragione. Passerà il tempo e tu nn lo vedrai più e ti abituerai alla separazione. Io invece ci andavo d'accordo fino a un mese e mezzo fa (nonostante vedesse già l'altro) ci amavamo...(pensa che all'inizio ke andava lì mi mandò un sms dicendo che nn riusciva a dormire xkè lontano da noi), è stato all'estero x 10 giorni e nn potevamo sentirci molto e mi disse che nn vedeva l'ora di riabbracciarci. E all'improvviso mi ritrovo sola e sarò condannata a vederlo x tutta la vita x il figlio che abbiamo....quindi io faticherò a dimenticarlo xkè lo amo ancora, mi sciolgo qnd lo vedo, lo desidero, ho solo bei ricordi con lui, capisci quello che voglio dire? Nn venivamo da un periodo di litigi e quindi ora sto bene xkè proprio nn lo sopportavo più. Vivo nella casa che abbiamo fatto insieme, dormo nel letto che ho condiviso con lui....credimi STO MALE e mentre ti scrivo mi viene da piangere xkè nn riesco a rassegnarmi, vorrei odiarlo e dovrei x come mi sta trattando....ma nn ci riesco. Era un ragazzo adorabile e mi viene più di pensare che è quello stronzo che lo spinge a comportarsi così xkè sa che ha difronte un ragazzo che si lascia influenzare facilmente. Mio marito è un libro aperto, quindi se lo sa raggirare......Ecco scusatemi tutti ma credo di aver scritto di nuovo male ma sto una merda! Un saluto a tutti e mi scuso se nn ho potuto risp a tutti. Notte
p.S. MI SPIEGATE COME SI APPLICANO LE FUNZIONI QUELLE X EVIDENZIARE O SOTTOLINEARE ECC ECC?

shila
Messaggi: 34
Iscritto il: sabato 4 dicembre 2010, 17:13

Re: voglia di capire

Messaggio da shila » domenica 9 gennaio 2011, 23:41

Cara Jola...leggendo le tue parole è come se avessi letto quello che io provo dentro...Anche io fino a 2 mesi fà stavo benissimo con lui,figurati che eravamo felicissimi perchè finalmente ci avrebbero montato il portone della nostra futura casa..E poi tutto questo ci è piombato addosso,ma continuiamo ad amarci ed è questo lo strazio..Anche io quando lo vedo mi sciolgo,lo desidero e ho solo bei ricordi...e x lui è lo stesso!Ci siamo lasciati perchè ci amiamo...paradossale..
Purtroppo io non riesco ad essere arrabbiata con lui perchè non ne vedo il motivo..e quindi c'è solo amore e la speranza che tutto ciò sia un bene per il nostro futuro,qualsiasi esso sarà.
E' vero,meglio che sia accaduto ora che tra qualche anno con una famiglia...ma io una famiglia l'avrei tanto voluta costruire con lui

Alyosha
Utenti Storici
Messaggi: 2417
Iscritto il: mercoledì 20 ottobre 2010, 0:41

Re: voglia di capire

Messaggio da Alyosha » domenica 9 gennaio 2011, 23:55

Non oso pensare quale estro tirera fuori la tua rabbia comunque tieni :mrgreen: . Mi pare il modo più facile per spiegare le cose:)

http://img404.imageshack.us/img404/2549/schermatap.jpg

Le funzioni non indicate non le conosco neanch'io (ma non mi sono mai servite), quindi non saprei proprio. Credo che tra donne ci si capisca decisamente meglio (noi gay si fa quel che si può :? ). Un abbraccio fortissimo, occorre davvero tanta forza per regegre un momento del genere, non ti abbattere.

jola1974
Messaggi: 22
Iscritto il: mercoledì 5 gennaio 2011, 11:27

Re: voglia di capire

Messaggio da jola1974 » lunedì 10 gennaio 2011, 20:52

Shila sono arrabbiata xkè è andato via a natale e ancora deve tornare.....fa l'orgoglioso con me che nn risp alle mie telefonate, gli mando miliardi di sms e neanche mi calcola......stamattina mi ha chiamata una collega sua di lavoro di uno studio ke avevano aperto insieme e mi chiedeva come fare x parlare con lui, mi chiedeva xkè se lei chiama lui rifiuta e chiude il cell.....giustamente lei e gli altri soci continuano a chiedersi che c'entrano loro con i suoi problemi presonali? Lui deve contribuire alle spese dello studio e nn si fa sentire e devi sapere che la nascita dello studio è stata proprio una sua idea....insomma ha applicato il detto: armiamoci e partite! E poi Shila sono incazzata xkè LO AMO maledizione e mi farei un trapianto pur di stare con lui!

P.s.
Quando provo ad usare le applicazioni mi escono delle lettere nelle parentesi....boh! Gnurante che sono....

Alyosha
Utenti Storici
Messaggi: 2417
Iscritto il: mercoledì 20 ottobre 2010, 0:41

Re: voglia di capire

Messaggio da Alyosha » martedì 11 gennaio 2011, 21:31

Jola è normale sono codici html... poi quando posti tuttuo torna per come lo volevi... Te lo dico in punta di piedi e ci provo a farlo senza urtarti. Se fosse lascivo solo con te me la sentirei di condividere la tua rabbia. Ma, da quello che leggo, bene non starà sicuro. C'è anche da preoccuparsi. Credo proprio abbia bisogno di una mano, almeno per rientrare dallo smarrimento assoluto che sta vivendo. Non può buttare la sua vita nel cesso solo perché è gay o bisessuale o se la veda lui. Indietro non si torna e gli errori fatti non si recuperano più. La misura del bene che vi ha voluto è la stessa adesso del suo smarrimento e della sua angoscia in questo momento. Non oso pensare quanto morda forte la sua coscienza con un figlio a carico e una moglie che si sa soffrire. Quanto male fa sapere che stai facendo satre male persone che ami e che non riesci ad evitarlo. Certe cose si fanno in due e qualcosa di poco chiaro c'era fin dall'inizio, neanche tu hai voluto troppo indagare. Scusami per queste parole forti, ma è così che la vedo. Se ognuno non si prende la sua parte di responsabilità, secondo me, non si va da nessuna parte, in nessuna relazione e in nessun caso. Certe cose non spuntano dal cappello, maturano dentro solo che se uno li reprime così tanto, come ha fatto lui, quando scoppiano fanno tanto male a sé e come puoi ben testimoniare a quelli che ti stanno accanto. Anche a te direi che il tuo ruolo è minimale, perché non puoi ne aiutarlo ne credo capirlo. Avendo un figlio in comune però potete solo scegliere se odiarvi a vicenda (e forse anche pensare di doverlo crescere da solo sto figlio) o ricucire questo strappo. C'è la possibilità concreta che scappi da tutto e da tutti per sempre. Tuo figlio ha bisogno di suo padre forse con un pò di tempo tu potrai fare a meno di tuo marito. Un tentativo per quanto doloroso da parte tua lo farei, ma non nell'ottica di ritornare con lui (sicuro non adesso, deve sperimentarsi povrare storie con uomini ecc. ecc. c'è poco da fare). Credo che abbia bisogno del tuo perdono e che tu accetti questa sua condizione, forse anche semplicemente di parlarne con te. Però finché parti dall'idea che il vero problema sia il ragazzo che l'ha sedotto (magari pure dal fatto che lui ti ha mentito per chissà quanto tempo) e che su certe cose si possa scegliere secondo me non vai molto lontana. Questa lettura dei fatti è un rifiuto totale di quello che gli sta succedendo. Non dubito che lui dal lato suo rifiuti tutto quello che è stato sino ad adesso (famiglia, lavoro e affetti più cari). Ti dico poi che chi è gay (o bisex che sia) solitamente ha molto fiuto nel riconoscere quelli come lui e se è successo che sto ragazzo ha insistito così tanto con tuo marito, forse è perché aveva già capito cose che poi in effetti sono emerse.
Non so come scusarmi, mi rendo conto da solo di averti un pò aggredita. Ma questo è quello che mi sentivo di scriverti esattamente nel modo in cui te lo scritto. Se ritini poco utile quello che ti ho scritto ti autorizzo anche a mandarmi a quel paese. No problem. Ma è giusto almeno fare lo sforzo e cercare di capire cosa c'è dall'altro lato. Giusto non in sé, ma solo perché avete ormai qualcosa che comunque vada vi legherà per sempre. Voglio essere chiaro in questo se non ci fosse un figlio in mezzo certe cose nonj le avrei proprio pensate, figuriamoci scriverle!
Un abbraccio

jola1974
Messaggi: 22
Iscritto il: mercoledì 5 gennaio 2011, 11:27

Re: voglia di capire

Messaggio da jola1974 » martedì 11 gennaio 2011, 21:54

Caro Boy-com ma chi "bip" ti credi di esssere a dire tutte ste cose??????????????..................Va a quel paese ok???


AHAHAHAHHAHHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHAAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHH ci hai creduto? Scherzo giuro.....oggi sono di buon umore e volevo fare un pò la birbantella! Tranquillo detesto le persone ipocrite e false e adoro le persone schiette.......e poi nn me la prendo xkè parte di ciò ke scrivi, quando sono lucida le penso anke io......vorrei stare vicino a lui ma ora è giusto ke faccia tutti gli esperimenti x capire una volta e x sempre ciò che vuole e spero che capisca che cmq vada noi gli vorremo sempre bene.....! Oggi finalmente mi ha chiamata e sono stata molto serena con lui al telefono....tanto sfogo qui la rabbia, proprio xkè nn voglio aggredirlo e voglio creare un rapporto buono tra di noi proprio x il bimbo e xkè tutto sommato io nn sono capace di provare cattivi sentimenti come odio rancore ecc ecc....e figurati x una persona ke amo!

Alyosha
Utenti Storici
Messaggi: 2417
Iscritto il: mercoledì 20 ottobre 2010, 0:41

Re: voglia di capire

Messaggio da Alyosha » mercoledì 12 gennaio 2011, 1:35

Grazie tante per la tua risposta... Sono molto contento, avevo sinceramente timore potessi prenderla nel verso sbagliato, ma ho preferito dire chiaramente quello che pensavo nonostante tutto... Sono anche più contento di sentirti un attimo più serena. Mi dispiaccio tanto per queste storie in verità e tanto del coinvolgimento che ci metto è dovuto al fatto che mi ci sono ritrovato. Comunque voi donne avete decisamente un amarcia in più... Siete tanto più forti e determinate, se ci ho messo così tanto tempo a capire un motivo ci sarà no?:).
Un grande e sincero in bocca a lupo per tutto

Avatar utente
progettogayforum
Amministratore
Messaggi: 5511
Iscritto il: sabato 9 maggio 2009, 22:05

Re: voglia di capire

Messaggio da progettogayforum » mercoledì 19 gennaio 2011, 8:10

La faccenda è veramente molto complessa. In effetti la faccenda è molto complessa, le componenti sono molte e molto intrecciate e soprattutto, per quanto la tua ricostruzione sia fedele, manca comunque degli elementi fondamentali che permetterebbero di capire le cose dall’interno, manca cioè la possibilità di capire in termini oggettivi che rapporto ci sia stato e ci sia tra quell’uomo e tuo marito. Le categorie di gay e di etero in situazioni come queste vanno maneggiate con estrema cautela. Provo a rispondere ad alcune questioni: può essere gay un uomo che per 10 anni vive rapporti sessuali con una donna? La risposta è sì, almeno in qualche caso. Conosco parecchi gay sposati, alcuni di essi erano consapevoli della loro omosessualità già prima del matrimonio, altri hanno acquisto la consapevolezza dopo. Un uomo può non rendersi conto di essere gay e sublimare la sua sessualità al punto di vivere da etero al 100%? Anche qui la risposta è affermativa, l’omosessualità latente può non venire al livello di coscienza per tutta la vita. Il quesito di fondo penso sia riducibile all’alternativa tra gay e bisex. La bisessualità esiste realmente, in alcuni casi rappresenta una fase di passaggio verso l’omosessualità ma in parecchi casi la bisessualità non è transitoria. Ci sono bisex che alternato lunghe fasi etero (anni) a lunghe fasi gay (anni), è la cosiddetta bisessualità a periodi. Queste persone quando sono etero lo sono al 100% e così quando sono gay lo sono al 100%, vanno profondamente in crisi quando la loro sessualità cambia perché in quel momento i matrimoni non funzionano più e le coppie gay si spaccano. C’è poi la cosiddetta bisessualità intermedia che consiste in una sessualità orientata negli stessi periodi sia verso uomini che verso donne. Francamente da tutto l’insieme che hai descritto non mi sembra che sia un’ipotesi che possa adattarsi alla situazione di tuo marito, mentre la bisessualità a periodi potrebbe realmente essere una chiave di lettura plausibile. proprio perché dopo una lunga fase decisamente etero sembra orientato ora per una scelta diversa. I momenti di passaggio dei bisex a periodi sono catalizzati in genere da incontri o amicizie che mettono in crisi gli equilibri precedenti. Devo sottolineare che il cambiamento di orientamento sessuale per un bisex a periodi è veramente un momento critico, le mogli lo leggono come un tradimento ma i mariti in effetti non fanno alcuna scelta ma cambiano proprio orientamento sessuale, e questo non è un processo razionale ma l’espressione della loro sessualità. Noto che quando vi siete sposati erano già avvenuti diversi fatti che avrebbero potuto metterti sull’avviso. Accade a molte donne innamorare dei loro uomini bisex di pensare che il problema non esiste perché il comportamento sessuale del loro uomo le induce a pensare che si tratta di un etero anche se in realtà non è così. Vorrei aggiungere anche la persona che ha corteggiato tuo marito affermando che la bisessualità non esiste e che tuo marito è gay sta commettendo un errore simile. Un bisex non viene mai accettato per quello che è, le donne lo considerano un etero e i gay lo considerano un gay, ma osservando il complesso della vicenda si capisce che non è né una cosa né l’altra. Il fatto che tuo marito abbia finito per dire di se stesso di essere gay e per mettere in difficoltà il matrimonio lascia proprio pensare ad una bisessualità a periodi. Metto da parte tutte le considerazioni sul comportamento dell’uomo che ha corteggiato tuo marito, che indubbiamente ha intuito qualcosa che tu hai voluto minimizzare. Se tuo marito ha finito per cedere alla corte di quell’uomo non lo puoi considerare etero, un etero non si adeguerebbe comunque a una situazione simile. Molte cose nel comportamento di quella persona lasciano pensare a un atteggiamento da seduttore (mescolare l’affettività e la sessualità con promesse di lavoro). Il suo comportamento sarebbe comprensibile se fosse realmente innamorato di tuo marito ma alcuni elementi non portano a pensarlo, come il presentarsi come persona con competenze psicologiche che vuole aiutare tuo marito a riconoscere la sua vera identità e soprattutto il suo chiamarsi fuori finale. Questo chiamarsi fuori finale però potrebbe (e la cosa non è affatto improbabile) spiegarsi in modo del tutto diverso, potrebbe essersi reso conto in ritardo che tuo marito non è quello che pensava lui, cioè non è un gay ma un bisex che vive momenti di passaggio molto difficili e che potrebbe conservare o vedere ritornare a distanza di tempo anche una sessualità etero, cosa che per quell’uomo non sarebbe accettabile. In altri termini quello che appare “rispetto per te”, ossia il tirarsi indietro, sarebbe solo il risultato dell’aprire gli occhi sul fatto che la bisessualità esiste realmente. Qui non si tratta di capire di chi è la colpa di questa situazione ma di chiedersi che cosa si deve fare non tanto per voi ma per vostro figlio. L’insieme dei fatti lascia pensare che un rapporto serio con tuo marito sia possibile, magari tenendo da parte la sessualità. E qui ti devo fare notare che è sempre bene tenere conto che se il rapporto sessuale tra te e tuo marito, ammesso che possa continuare a livello episodico, non è più esclusivo, si presenta il rischio aids che non è MAI da trascurare e che quindi è necessario prendere le dovute precausioni. Ma, mettendo da parte la questione sesso, il rapporto con tuo marito potrebbe benissimo continuare e, lo ripeto, la cosa per tuo figlio non sarebbe affatto indifferente. Il rapporto che un marito ha con la moglie è una cosa (sono due adulti), il rapporto che un padre ha col figlio è un’altra cosa. La cosa fondamentale, nei limiti del possibile, è non allontanare tuo figlio dal padre e, ammesso che il padre possa ora sentirsi gay, sarebbe meglio per lui se avesse le idee chiare sulla bisessualità prima di tutto non credendosi realmente e definitivamente gay e poi evitando di cacciarsi in situazioni difficili e a rischio aids per sperimentare quella che può considerare la sua nuova sessualità. Tuo marito, considerandosi ora gay, pensa di aver trovato la sua sessualità definitiva ma non è probabile che sia così perché la componente etero prima o poi tornerà a farsi sentire e tuo marito potrebbe ingaggiarsi in relazioni gay in cui potrebbe poi sentirsi stretto.
Ho provato a fare un’analisi dei fatti ma, come ho detto all’inizio, mancano gli elementi essenziali, cioè manca il punto di vista di tuo marito.
Project
p. s. - Non ti ho risposto prima perché mi trovo in periodi di superlavoro.

jola1974
Messaggi: 22
Iscritto il: mercoledì 5 gennaio 2011, 11:27

Re: voglia di capire

Messaggio da jola1974 » mercoledì 19 gennaio 2011, 15:13

Grazie per la risposta.....ti ho risposto alla mail se nn ti arriva metto qui il messaggio.

Rispondi