New entry... mi presento!

Presentazioni dei nuovi utenti - benvenuto ai nuovi utenti
Rispondi
NickElf
Messaggi: 53
Iscritto il: venerdì 6 marzo 2015, 20:44

Re: New entry... mi presento!

Messaggio da NickElf » lunedì 9 marzo 2015, 10:24

Jek70 ha scritto:Ciao NickElf,
ho letto con molto interesse la tua presentazione, abbiamo veramente tantissimi punti in comune, specialmente il lato del periodo di quando eravamo ragazzi e non solo.

Comunque sia, comprendo fin troppo bene tutto ciò che hai scritto e quello che in questo periodo stai provando.

Grazie davvero di aver condiviso con noi un po' della tua vita. Qui con noi puoi veramente essere te stesso al 100% e parlare sempre liberamente.

Non pensare di dover sempre restare da solo nella tua vita, le cose cambiano, come vedi intanto sei qui ed è già un passo in avanti. È vero che si tratta di una forma virtuale di conoscenza, ma dietro ad ogni parola scritta che leggi c'è una persona come te. Non è neppure così remota la possibilità di scoprire magari qualcuno che vive non lontanto da te. Non saresti certo il primo che fa amicizia con qualche membro del forum, è successo pure a me. :)

Io sono un quasi tuo coetaneo, di anni ne ho 44. :)
Trovare un posto deve essere se' stessi al 100 per 100 è quasi impossibile trovarlo. Per fortuna che c'è Progetto Gay.
Grazie dell'accoglienza!

NickElf
Messaggi: 53
Iscritto il: venerdì 6 marzo 2015, 20:44

Re: New entry... mi presento!

Messaggio da NickElf » lunedì 9 marzo 2015, 10:25

barbara ha scritto:Benvenuto anche da parte mia Nick! Spero che questa sia per te un'opportunità di trovare buoni amici, con i quali essere finalmente te stesso. :)
Grazie Barbara!
Spero che avremo modo di discutere tanto in questo Forum. Per me è un'esperienza nuova e un'opportunità seria per addentrarmi prima di tutto in me stesso.

Chrono
Membro dello Staff
Messaggi: 215
Iscritto il: venerdì 24 gennaio 2014, 1:14

Re: New entry... mi presento!

Messaggio da Chrono » martedì 10 marzo 2015, 15:20

Benvenuto :)
Tentare è sempre meglio che scappare.
Tentare per non rimpiangere.
Tentare per sorridere.
Tentare con coraggio.

T4O
Messaggi: 29
Iscritto il: giovedì 2 aprile 2020, 11:21

Re: New entry... mi presento!

Messaggio da T4O » lunedì 18 maggio 2020, 14:40

Interessante, mi piace come ti racconti, e siamo quasi coetanei sono più giovane di te di circa tre anni direi.

Che tu sia in parrocchia nel 2020?
Se non hai perso la fede ti fa onore!
Io non ho più la fede dal 2015 , resta solo il rapporto personale con Dio.
Dopo l'ultimo colloquio col mio rettore nel 2015 la fede è diventata una questione PERSONALE e non sono più in grado di vedere la parrocchia e le attività come facevo prima.
Avvenne in quel momento una cosa rara che mai a nessuno prima era riuscita: non c'erano riuscite nessuna delle situazioni e cose, neppure alle più inumane e non accettabili, che avevo visto accadere o subito. Nessuna. Ma a lui riuscì: mi scandalizzò. Ebbi di colpo, la sinistra e non rimuovibile ma verificata consapevolezza che:la vocazione non esiste. Questo è un lavoro.
Una volta svegliatomi dal sogno che per tutta la mia vita avevo nutrito, perché per tutta la vita avevo creduto alle parole dei preti e giustificato le loro azioni, la fede nella Chiesa intesa come organizzazione morì. Tutto ciò che restava era la lucida, chiara, sinistra consapevolezza di aver perso tempo con chi non mi aveva mai visto davvero come altro se non un candidato per un posto di lavoro.
Ma non avevo mai cercato un lavoro, so lavorare. Ciò in cui avevo creduto, le loro parole, non erano mai state vere.
Ora che lo sapevo non mi era possibile non saperlo. Ho fatto un ipotesi, poi l'ho chiusa nel cassetto, e verificato. L'illazione iniziale era giusta dunque le conclusioni erano esatte e corrette. Basta chiacchiere.
Per il 1 maggio 2015 il mio vescovo mi disse che non voleva ordinarmi. Il 2 maggio, feci le valigie e me ne andai. Non si resta a lavorare nell'industria della ragazza che ti piace ma ha detto no.
E se poi per dirlo la ragazza ci ha messo 12 anni e ha chiesto: che non frequentassi altre ragazze, che lasciassi perdere altre carriere e lavori, che mi dedicassi tutto a lei, che fossi a sua disposizione h24, ecc...ecc...no.

Non sono i valori morali o il mio rapporto personale con Dio ad essere andati in crisi: si sono potuti riprendere solo quello che veniva da loro.

Ho potuto permettermi di stare male per due anni, arrivando tra l'altro a quella che Dorog chiama giustamente "depersonalizzazione" poi dopo due anni di lutto totale in cui per mesi non uscivo manco di camera mia, a parte per pisciare, mi sono sentito meglio. Mi sono trovato un primo lavoro come aiuto cuoco. Dacché sono laureato ed è uscito adesso il concorso e i titoli ce li ho sto investendo il tempo lì.
Sto bene e sono più contento.Più libero.

Ti saluto, se ci sentiamo mi fa piacere.
ogni giorno qualcosa di bello ti è già successo e qualcosa di bello ti accadrà ancora.

NickElf
Messaggi: 53
Iscritto il: venerdì 6 marzo 2015, 20:44

Re: New entry... mi presento!

Messaggio da NickElf » lunedì 22 giugno 2020, 13:25

Ciao T40,
riesco solo ora a risponderti come si deve, visto che lavoro e attività extra varie (passioni, studi, hobby e quant’altro) mi impediscono – ahimé – di dedicare il tempo dovuto.
E da quando mi sono iscritto a questo forum, cioè nell’ormai lontano marzo 2015, di acqua sotto i ponti ne è passata… e di conseguenza sono mutate in me molte cose, molte visioni della vita in genere, e anche del mio rapporto con il cristianesimo e la spiritualità.
Non frequento più la parrocchia, specialmente la “mia” parrocchia, cioè quella di appartenenza. Fino all’età di 38-39 anni l’ho frequentata molto, partecipando attivamente anche a progetti e attività. Ma fino a quell’età ero convinto di essere etero, negando ciò che sono veramente nella mia intimità. E tu lo sai bene come la pensa la Chiesa nei confronti di chi è omosessuale… Nel frattempo, in maniera anche apparentemente “dolce” e “tranquilla”, se vogliamo, è sbocciata o scoppiata la mia vera natura omosessuale, quindi inconciliabile con la Chiesa “ufficiale” come tu ben conosci.
Da quasi 20 anni a questa parte ho però nel contempo anche avuto la fortuna di aver conosciuto sacerdoti un po’ “fuori dagli schemi” (mal visti e mal sopportati, ovviamente, dalla gerarchia…), i cosiddetti “preti di frontiera” che, secondo me, hanno una maggiore apertura mentale e consapevolezza della realtà della società in cui vivono. Ho avuto la fortuna di conoscere e frequentare anche quale monaco benedettino, un monaco buddista e tutte queste persone “del tempio” mi hanno fatto percepire un'altra spiritualità, più autentica e profonda, anche più colta e per nulla banale, il più possibile libera dalle “pastoie” e dai “bigottismi” della Chiesa ufficiale. Quindi sono riuscito a maturare una visione più personale e, spero, più libera da certi schemi, forse inutili, ma che per secoli hanno comunque “manovrato” con il senso di colpa le persone. E già… il senso di colpa, un grande “fardello” che specialmente la Chiesa ha fatto in modo che si insinuasse nella vita intima delle persone, moltissimo nella sfera sessuale, poi per chi è gay questo senso di colpa si moltiplica… Quindi ora sono un po’ combattuto: da un lato cerco di coltivare una mia spiritualità autentica che vuole andare oltre la visione del cristianesimo, sposando appieno i concetti di fratellanza, di pace e amore fra le persone, di cogliere le ricchezze che danno anche le altre religioni, come il buddismo o il taoismo, le altre culture, dall’altro lato invece sono ancora legato alle liturgie cristiane, vado ancora a messa ma non nella mia parrocchia, cerco di scegliere i sacerdoti più colti e più sensibili, dove le loro parole ti aiutano a raggiungere la profondità del pensiero e dell’anima, ma questi sacerdoti sono pochissimi, rari come le mosche bianche… E poi c’è la gerarchia ecclesiastica che non la digerisco proprio… in effetti, in quest’ultimo caso, è come dici tu, si tratta proprio di un’azienda colma di tante ipocrisie e, temo forse volutamente, lontana dalle realtà sociali… ma qui ormai penso di essere andato fuori tema…
Ti ringrazio per aver dedicato il tuo tempo a leggere la mia presentazione di cinque anni fa, è un pezzetto della mia vita che ho condiviso con questa comunità virtuale di Progetto.
Ma, come vedi, la vita va avanti e si cerca di crescere anche interiormente e consapevolmente... cambiando quasi radicalmente certe opinioni, idee, scelte di vita…
Un caro saluto

T4O
Messaggi: 29
Iscritto il: giovedì 2 aprile 2020, 11:21

Re: New entry... mi presento!

Messaggio da T4O » lunedì 22 giugno 2020, 21:13

Caro NIkefl, GRAZIE
a volte mi sembra di essere smarrito in mezzo al nulla. Poi vedo un altro che brilla di più e mi faccio coraggio.

"E già… il senso di colpa, un grande “fardello” che specialmente la Chiesa ha fatto in modo che si insinuasse nella vita intima delle persone, moltissimo nella sfera sessuale, poi per chi è gay questo senso di colpa si moltiplica… Quindi ora sono un po’ combattuto: da un lato cerco di coltivare una mia spiritualità autentica che vuole andare oltre la visione del cristianesimo, sposando appieno i concetti di fratellanza, di pace e amore fra le persone, di cogliere le ricchezze che danno anche le altre religioni, come il buddismo o il taoismo, le altre culture, dall’altro lato invece sono ancora legato alle liturgie cristiane, vado ancora a messa ma non nella mia parrocchia, cerco di scegliere i sacerdoti più colti e più sensibili, dove le loro parole ti aiutano a raggiungere la profondità del pensiero e dell’anima, ma questi sacerdoti sono pochissimi, rari come le mosche bianche"

Quanto al senso di colpa la tua analisi del problema mi sembra molto seria.
Nella morale cattolica esistono due percorsi che avvicinano entrambi e di pari peso a dio: seguire la morale generale e seguire la morale personale.
Col cazzo che ti spiegano cosa significa "in tutta coscienza" di solito i preti dicono quel che secondo la dottrina è giusto. Ma se fosse stato così non avremmo avuto Lourdes...ecc....
Ci sono troppe cose che non mi portano. Che funzionano meglio se si accetta l'idea che Dio non gioca a dadi. Quindi non è che ogni 100 persone 8 sono gay per caso. Sorry but this is not what it's logical.
Se però vuoi un pensiero serio sulla morale direi che That Theology Teacher su youtube è il cattolico che vorrei.
In particolare mi ha colpito un suo discorso razionale sulla parabola del tizio che nasconde il talento che gli viene dato sottoterra.
Quando un gay non si espone e fa come gli dice la chiesa sta di fatto nascondendo il suo talento sotto terra. Così ho capito da quel che dice. Facendo come gli viene detto non segue più ciò che gli viene da dentro. Ma la voce che ha dentro è la sua coscienza che gli urla "tu sei così vivi come sei". E la coscienza c'è nella morale cristiana perché ce l'ha messa Dio. Quindi agire in coscienza quando la coscienza è retta, è informata e in buona fede è vero vangelo mentre-sempre se ho capito bene il discorso- agire contro di essa e perché qualcuno ce lo dice è come tutte le volte che non si segue la propria coscienza. Quindi sensi di colpa fondati su una morale imposta no. Agire secondo coscienza si.
Stesso discorso per l'esplorare altre religioni e agire in questo senso, l'hai fatto perché sentivi che era giusto? Bene hai fatto bene.
Io la penso così.
Se mi butti carico come vedi ti ci metto la briscola! :D
Per il resto se ci parliamo mi fa piacere e ti ringrazio tantissimo di avermi risposto.

E' bello avere quarant'anni? Secondo me ha la sua bellezza come ogni età. Ma ha la sua.
Anche se devo dirti che a livello fisico il buongiorno fino ai 25 si vede dal mattino, a 30 non te ne accorgi. A 42 ahahah, disolito gli dico buongiorno tre ore circa dopo che me so svegliato o al caffè :lol:
ogni giorno qualcosa di bello ti è già successo e qualcosa di bello ti accadrà ancora.

Avatar utente
agis
Messaggi: 1201
Iscritto il: sabato 28 dicembre 2013, 22:27

Re: New entry... mi presento!

Messaggio da agis » martedì 23 giugno 2020, 9:50

Huh? :shock: k k quousque tandem Vittorine... :lol:

Rispondi