Crea sito
 
Oggi è sabato 18 novembre 2017, 10:12

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




 Pagina 1 di 4 [ 31 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3, 4  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Presentazione
MessaggioInviato: domenica 19 luglio 2015, 20:48 

Iscritto il: domenica 19 luglio 2015, 20:41
Messaggi: 79
Salve a tutti, mi sono appena iscritto e vorrei presentarmi, anche se in realtà frequento il forum da un annetto.
Ho 31 anni, tra breve 32 e non sono dichiarato con nessuno. Non ho mai avuto una relazione né ho mai dato un “semplice” bacio. Lavoro saltuariamente nel mondo della scuola e, non avendo ancora raggiunto l’indipendenza economica, vivo ancora con i miei.
Ho intuito di essere omosessuale all’inizio delle medie, con la pubertà, ascoltando i commenti sulla sessualità dei compagni di scuola più spavaldi negli spogliatoi della palestra. Sono cresciuto in una famiglia piuttosto chiusa, in cui parlare di questi temi era un tabù. All’età di 9-10 anni ho saputo dell’esistenza delle persone gay e all’epoca la cosa mi faceva sorridere, poi, quando più avanti ho capito di esserlo anch’io, ho accettato la realtà senza traumi e senza sentirmi sbagliato. Tuttavia mi sono ben guardato dal raccontarlo, ero e sono un tipo timido e riservato. Poco prima dei 12 anni ho scoperto per caso la masturbazione e da quel momento è diventata una pratica regolare.
Ho vissuto un’infanzia felice e fino alla fine delle medie sono stato un ragazzino come gli altri, molto bravo a scuola e con diversi amici. Ho concluso lo sviluppo precocemente. Negli anni successivi le cose sono cambiate, soprattutto perché ho manifestato un profondo disagio psicofisico che mi ha fortemente debilitato e mi ha portato a lasciare la scuola per un lungo periodo. Un giorno, quando avevo 14 anni, mia zia mi ha preso da parte per chiedermi se avessi “altre esigenze”. Certo che le avevo, ma le ho risposto di no perché non mi fidavo e perché non era quella la causa del mio crollo, le cui radici erano piuttosto da ricercare nella presa di coscienza di alcune dinamiche interne alla mia famiglia e nel fatto che, superata l’infanzia, mi ero di colpo trovato senza gli strumenti adeguati per affrontare la complessità del mondo adulto. Sono stati anni di sofferenza, solitudine, rabbia, ma anche di reattività e di ricerca personale. Dopo la caduta sono riuscito a trovare le forze per risollevarmi senza ricorrere ad aiuti esterni. Non avevo amici, l’unico ambiente in cui vivevo era la famiglia, che peraltro contestavo idealmente e talvolta effettivamente, cosicché la realtà per me più concreta era un’interiorità dilatata al massimo. Sono sempre stato il mio primo rifugio, ad un tempo la mia malattia e la mia cura (entro certi limiti, poiché non basto a me stesso). È stata un’esperienza che mi ha lasciato cicatrici profonde e che, nel bene e nel male, ha parecchio contribuito a fare di me l’uomo di oggi. In quel periodo qualsiasi istinto di natura sessuale si è in me disattivato, perciò ho pensato che la mia omosessualità fosse una parentesi ormai chiusa. Non sentendone l’esigenza non mi masturbavo più e talvolta avevo delle polluzioni notturne. Una volta recuperato un buono stato di salute, verso i 16 anni, ho raccontato a mia madre delle mie “passate” tendenze omosessuali e lei si è mostrata abbastanza comprensiva perché evidentemente considerava la questione conclusa. In realtà si sbagliava ma innanzitutto mi sbagliavo io: pochi mesi dopo la mia sessualità sopita si è risvegliata tale e quale a prima e neanche in quell’occasione ho avvertito alcun senso di colpa. Credo che oggi mia madre mi ritenga eterosessuale (ogni tanto mi bersaglia con le classiche battutine sulla fidanzata), mentre probabilmente altri membri della mia famiglia sospettano la verità. Meno male, non c’è peggior cieco di chi non vuol vedere.
Con molti sacrifici nella seconda parte dell’adolescenza ho ripreso a studiare lavorando contemporaneamente. Avevo le giornate piene e sul posto di lavoro mi sono fatto dei nuovi amici con cui di rado uscivo. All’epoca la mia omosessualità non era ancora ben definita: nonostante fossi attratto fisicamente solo dai ragazzi, non desideravo un legame affettivo con loro. Piuttosto immaginavo la mia vita affettiva accanto a una donna, sebbene non provassi desideri sessuali per l’altro sesso. Per questi motivi allora pensavo che la mia omosessualità fosse “parziale” o provvisoria e che forse avrei potuto vivere la condizione di etero. Alla fine dell’adolescenza questa scissione tra sessualità e affettività si è risolta totalmente in favore dell’omosessualità, di conseguenza ho cominciato a desiderare intensamente un rapporto fisico ed affettivo con un altro uomo. Lì sono diventato capace di amare davvero.
Ho sempre avuto difficoltà a interagire con i ragazzi, sia perché i diversi contesti in cui mi sono via via trovato nella vita sono stati a maggioranza femminile, sia perché non ho mai incarnato lo stereotipo del maschio. Non credo di essere particolarmente effeminato, la mia identità è senza dubbio maschile, eppure le persone del mio stesso sesso hanno costantemente rappresentato per me una sorta di “altro” mondo. Devo inoltre confessare che sin dalla prima adolescenza, non spesso in realtà, sono stato oggetto di frecciatine omofobe più o meno blande, più o meno dirette che ho ignorato.
Arrivato all’università mi sono guardato attorno e nel giro di poche settimane ho perso la testa per un ragazzo del mio stesso corso. Non era bellissimo ma a me piaceva, lo trovavo intelligente, spontaneo e dall’ironia spiccata. Non gli ho mai confessato nulla per timore e perché non conoscevo il suo orientamento sessuale; mi limitavo a essere molto gentile e disponibile con lui (di norma sono gentile con tutti, ma con lui lo ero di più). Per natura sono un tipo prudente e oculato e di solito non faccio passi più lunghi della gamba e non mi assumo rischi senza garanzie o speranze concrete. Non sono mai riuscito a capire se provasse qualcosa per me, ma di certo lo affascinavo come persona. Per un periodo l’ho sentito davvero vicino. Non ci siamo mai frequentati fuori dall’università e dunque le pause estive tra un anno accademico e l’altro duravano un’eternità. Capitava che non lo vedessi per mesi. Me ne stavo a casa a studiare tutto il tempo e il fatto di averlo lontano mi dilaniava. Sono andato avanti così per quattro anni finché un giorno d’autunno, quando ormai frequentavo la specialistica, l’ho visto baciarsi nell’atrio del dipartimento con una studentessa più giovane. Da tempo ci eravamo allontanati (nella mia testa però era ancora un chiodo fisso) perché lui era entrato in una cerchia di amicizie diversa dalla mia tra cui c’era anche quella ragazza. Sorprenderlo con un’altra è stato un colpo durissimo, un fulmine a ciel sereno, però ho subito capito che lo scossone era tempestivo: un amore non confessato e non corrisposto non mi avrebbe portato da nessuna parte. Negli ultimi anni d’università l’ho visto sempre di meno, malgrado abbia continuato a percepire da parte sua una stima particolare nei miei riguardi. Dopo la laurea mi ha contattato un paio di volte via e-mail per questioni tecniche relative all’università e poi più nulla. Dall’episodio del bacio me lo sono tolto rapidamente dalla testa anche se per me rimarrà sempre una persona importante. È difficile condensare degli anni in poche righe, comunque per me è stato un amore molto significativo, per quanto impossibile.
Nel periodo universitario, a parte i compagni di corso che frequentavo nel solo contesto della facoltà, ho vissuto la mia vita in solitudine. Questa condizione di solitudine ancora oggi non mi ha abbandonato. Non uscivo mai e non avevo amici; dedicavo tutto il giorno, d’inverno come d’estate, a uno studio molto intenso che più volte mi ha portato sull’orlo dello svenimento. Ho trascorso gran parte della mia vita studiando. A parte qualche piccola uscita di mezza giornata, mai una vacanza (solo l’anno scorso sono andato all’estero dopo 11 anni). Le domeniche le ho sempre passate in casa a pulire.
A dire il vero nel periodo universitario ho accettato di uscire di tanto in tanto con alcuni miei ex compagni di scuola delle elementari che non frequentavo da molto tempo. È durata circa un paio d’anni ma poi ci siamo persi di vista perché le cose non funzionavano. Lo ripeto, ho avuto sempre difficoltà a stabilire rapporti con i maschi, senza contare che il fatto di essere stato quasi sempre da solo ha fatto sì che imparassi a sopravvivere pianificando le mie giornate mediante attività in cui gli altri non erano contemplati. In queste condizioni, quando si cresce tra le proprie abitudini e le proprie cose, al momento dell’incontro gli incastri diventano più difficoltosi. Tornando a loro, si trattava di ragazzi a posto, molto vicini alla Chiesa militante (io invece no) e per questo dalle idee tradizionaliste. Ricordo ancora la frase di un ragazzo piuttosto bizzarro che solo a volte si univa al nostro gruppo e che una sera, in macchina, mentre passavamo sotto lo striscione di una marcia per la pace con la bandiera arcobaleno, ha detto: “La bandiera arcobaleno non è la bandiera della pace, ma la bandiera dei froci. La bandiera della pace è la bandiera bianca”. Nessuno ha risposto e col senno di poi lasciar cadere quella provocazione è stata la cosa migliore. Ero sollevato che fosse presente solo di rado. Dopo due anni io e gli altri componenti fissi della comitiva abbiamo smesso tacitamente di frequentarci e ne sono stato contento, visto che quelle uscite non mi davano niente e tra noi c’era una sintonia solo superficiale. Sono un tipo molto selettivo ed estremamente esigente con se stesso e con gli altri, quindi preferisco stare da solo se l’altra persona non mi colpisce o non mi comunica nulla che meriti attenzione. Le persone che mi colpiscono - come peraltro quelle che detesto - sono davvero poche, mentre tutti gli altri mi restano indifferenti.
Dopo la laurea ho attraversato un lungo periodo di disoccupazione che ho intervallato con vari esami e corsi post-universitari. Ho avuto diversi contrattempi e grane da risolvere nella vita di tutti i giorni e sul posto di lavoro che mi hanno scoraggiato e infastidito. Spesso mi sento come se per raggiungere il più banale degli obiettivi debba saltare mille ostacoli inutili che la vita s’ingegna a pormi davanti semplicemente a titolo di beffa. Arriva un momento in cui le brutte esperienze non servono più a crescere e a maturare, ma solo a perdere la speranza. Per carità, materialmente non mi manca nulla, eppure mi sento fermo nello stesso punto da troppo. Non è un mistero che le cose materiali non sazino.
Confesso che negli ultimi anni, soprattutto ora che ho superato la trentina, ho dovuto - e devo tuttora - affrontare diverse crisi per la consapevolezza di non aver realizzato quasi nulla nella mia vita: ho un lavoro precario che non so quando si stabilizzerà, non ho un’indipendenza economica e non ho una relazione. Sono molto sfiduciato. Paragonarsi agli altri è inevitabile e il confronto è quasi sempre spietato. La mia autostima tende al ribasso. Sono il mio nemico numero uno, ma per fortuna sono anche il mio più fedele amico. Mi reputo una persona capace e intelligente e di solito gli altri mi stimano per la mia competenza, affidabilità e precisione. Non sono bello ma tutto sommato sono un tipo e più volte ho ricevuto complimenti da ragazze. Tuttavia l’aver trascorso gran parte della vita in solitudine ha lasciato il segno, tant’è che spesso le situazioni sociali mi creano ansia e insicurezza. Tendo a sfuggirle. La timidezza di certo non mi aiuta.
Da lungo tempo vivo in una situazione di “vuoto affettivo”, come ha scritto un altro utente in questo forum. La cosa che desidero di più è una relazione seria. Non parlo di amici, ma di un compagno con cui vivere un’esperienza affettiva profonda. Ho sempre amato il rapporto a due, l’esclusività; nei gruppi più numerosi mi perdo. Mi chiedo se mai incontrerò questa persona, visto che nelle mie attuali condizioni la possibilità di conoscere qualcuno è pressoché nulla. Non ho mai frequentato chat o locali gay, ché non fanno per me. I porno sono semplicemente ridicoli. Non avendo mai avuto una relazione, su questo versante sono ancora uno sbarbatello alle prime armi. Il solo pensare di ricevere un bacio mi pone in agitazione. Eppure desidero l’amore, quello che salva e per cui si dà il proprio sangue, anche a costo di essere considerato un illuso. So bene che la vita reale è fatta di compromessi, ma niente compromessi per chi non amo. Il fatto è che non arriva mai nessuno, d’altronde finora ho sempre e solo sperato senza mai aver portato avanti una ricerca attiva. Non saprei neanche da dove cominciare. Inoltre non sono certo un cacciatore, sono decisamente preda, anche se non mi farei “catturare” da chiunque.
Credo che avere vicino colui o colei che si ama ci renda più forti, e io sono stanco del fatto che a ogni nuova bracciata il peso dei remi per restare a galla aumenti insieme all’affanno. Sono stanco di dover nascondere le mie fragilità. Quando mi sento venir meno vorrei tanto cingere chi amo tra le braccia o abbandonarmi alle sue. Ultimamente, di notte, abbraccio e bacio a lungo il cuscino e so di non essere pazzo, perché in questo delirio trovo riparo e sollievo.
Eccetto la “rivelazione” fatta in buonafede a mia madre a 16 anni, non ho mai fatto coming out. Ora ne ho il doppio. Essendo stato sempre single non ho mai dovuto nascondere niente di concreto, per quanto tacendo stia di fatto occultando da decenni ciò che sono. Mi sono sempre detto che sarei uscito allo scoperto quando mi fossi impegnato con qualcuno, dato che non mi piace fingere e in quella situazione non ne sarei capace. Certo è che continuare a nascondermi non è piacevole oggi come non lo era dieci anni fa. Se sputassi fuori tutto scoppierebbe una piccola bomba e probabilmente non sarei rifiutato, ma molti equilibri, molti sguardi cambierebbero. Finora ho preferito non sperimentare le conseguenze di una rivelazione simile; mi è mancata la forza. Prima o poi però dovrò farci i conti. Ripeto che secondo me qualcuno sospetta - non ci vuole tanto a fare 2+2 - pur mantenendo il riserbo. Al contrario di altri, alcuni certamente non ne andrebbero fieri per via dei pregiudizi, della condizione disonorevole che a loro avviso l’omosessualità comporta, specie quando ancora oggi è opinione diffusa che l’omosessuale sia semplicemente un uomo che si sente donna o un uomo con un difetto di fabbricazione.
Negli ultimi mesi sto facendo dei piccoli regali a me stesso. Nonostante non sia mai stato uno sportivo, da qualche tempo ho iniziato degli allenamenti sistematici a casa (le palestre non fanno per me) per tonificarmi un po’, dato che da sempre sono un chiodo. In più da alcune settimane ho cominciato ad andare al mare (da solo) dopo 12 anni di latitanza e ho riscoperto il piacere di farmi il bagno e nuotare.
Non so perché abbia deciso di scrivere questa presentazione, probabilmente perché molti di voi hanno vissuto o stanno vivendo una condizione simile alla mia. Bene, sappiate che nel vostro mare ci sono anch’io. Parlare a degli sconosciuti è più facile, soprattutto se lo si fa dietro uno schermo. In effetti nessuno dei miei conosce gran parte dei contenuti di questa lettera. Quando ho sentito l’esigenza di raccontare di me non ero in cerca di consigli né di parole di conforto, ma chi vorrà rispondere potrà scrivere ciò che desidera.
Grazie dell’attenzione.


Ultima modifica di Lao il domenica 29 novembre 2015, 17:36, modificato 2 volte in totale.

Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Presentazione
MessaggioInviato: domenica 19 luglio 2015, 23:02 
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: sabato 9 maggio 2009, 22:05
Messaggi: 5111
Benvenuto Lao!! Che storia! Qui probabilmente non troverai il ragazzo che desideri, che sa molto di modello ideale, ma di amici seri (non di quelli che ti danno l'anima ma di quelli che ti ascoltano e ti prendono sul serio) ne troverai eccome. Il tuo post non è affatto un segno di misantropia o un elogio della solitudine, fa pensare invece ad una richiesta serissima di ascolto e di contatto. Ho pensato una cosa: se tu conoscessi i ragazzi di Progetto (capita spesso che ci si incontri) ti renderesti conto che le amicizie vere esistono e non sono affatto una cosa senza valore. Certo la vita di coppia sembra il massimo ma è difficile da realizzare e vissuta nella realtà presenta molte complicazioni che a livello teorico non si immaginano nemmeno. Intanto grazie per il post che è un atto di generosità e di fiducia. Sono veramente contento che tu sia qui tra noi!!
BENVENUTO NEL FORUM!!



_________________
BLOG PROGETTO GAY http://progettogay.myblog.it/
BLOG STORIE GAY http://nonsologay.blogspot.com/
SITO PROGETTO GAY https://sites.google.com/site/progettogay/
STORIE GAY E NON SOLO https://gayproject.wordpress.com/
Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Presentazione
MessaggioInviato: domenica 19 luglio 2015, 23:46 

Iscritto il: domenica 19 luglio 2015, 20:41
Messaggi: 79
Grazie del benvenuto, Project.

In effetti il mio post non è un elogio della solitudine, è semplicemente il racconto della mia esperienza e del mio sentire. Sono una persona piuttosto complessa, riservata e aperta a un tempo a seconda delle situazioni, con un lato autoironico che nella presentazione non è emerso. Non credo che l'amicizia non abbia valore, al contrario, non ho alcun dubbio che in questo forum potrò confrontarmi in modo serio e sincero con gli altri utenti (comunque non mi sono iscritto con l'intenzione di trovare un partner). Tuttavia è da parecchio tempo che sento l'esigenza di condividere la mia vita con qualcuno su un versante che trascenda l'amicizia. Credo che sia un bisogno d'intimità più che naturale, dato che sono un adulto. Ma non è così semplice, perché sono frenato dall'insicurezza e dalla paura.
E' vero che tendo a idealizzare l'amore, razionalmente me ne rendo conto, come mi rendo conto che la vita quotidiana con un eventuale partner sia fatta di compromessi, liti, rospi da ingoiare e, nel corso del tempo, dallo svaporare della passione iniziale. Però non credo sia solo questo, altrimenti ciascuno starebbe per conto proprio. Mettiamola così: ho la consapevolezza di un adulto ma le speranze di un adolescente per il fatto di non aver mai avuto le mani in pasta.
Grazie di nuovo.


Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Presentazione
MessaggioInviato: domenica 19 luglio 2015, 23:57 
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: sabato 9 maggio 2009, 22:05
Messaggi: 5111
Capisco benissimo le tue esigenze, perché sono non solo naturali ma praticamente universali. Penso realmente che se tu avessi la possibilità di conoscere i ragazzi di Progetto ti troveresti benissimo perché troveresti che i punti in comune sono molti e molto importanti, certo non sarebbe il coronamento dei tuoi sogni ma ti metterebbe in una dimensione in cui essere gay è la normalità e in cui si può parlare liberamente con la certezza di trovare risposte da chi ha veramente esperienze analoghe. Una cosa del genere potrebbe (ipoteticamente) essere l'avvio anche ad una storia di coppia, ma avrebbe comunque un senso importante anche di per sé.



_________________
BLOG PROGETTO GAY http://progettogay.myblog.it/
BLOG STORIE GAY http://nonsologay.blogspot.com/
SITO PROGETTO GAY https://sites.google.com/site/progettogay/
STORIE GAY E NON SOLO https://gayproject.wordpress.com/
Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Presentazione
MessaggioInviato: lunedì 20 luglio 2015, 14:21 

Iscritto il: domenica 19 luglio 2015, 20:41
Messaggi: 79
Grazie.
Mi sono iscritto in questo forum senza particolari aspettative, ma con l'intento di far sentire la mia voce. Per la serie: getto questo sasso e vediamo come s'increspa l'acqua. Sono certo che ci siano molte persone con esperienze simili alla mia e per il momento confrontarmi in questa sede mi è più che sufficiente. Più che una richiesta d'aiuto, la mia è stata una narrazione sincera. Sebbene abbia delle insicurezze radicate, ho una personalità ben strutturata e non mi ritengo una persona confusa. Credo di avere una certa consapevolezza della vita, ecco perché difficilmente utilizzo la parola "sogno", che mi sa tanto di favola. Ho i piedi ben piantati per terra. Eppure sono sempre stato un impervio mix di pragmatismo e idealismo. Per questo non smetto di sperare, o meglio, di "sognare", perché questa è la dimensione che mi tiene desto.
Ciao.


Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Presentazione
MessaggioInviato: lunedì 27 luglio 2015, 12:45 

Iscritto il: venerdì 6 marzo 2015, 20:44
Messaggi: 39
Ciao Lao!
Che storia! Mi ha colpito molto. Comunque non disperare quello che a te è capitato vale anche per buona parte di noi. Prima che il compagno ideale (che secondo me non esiste), punta secondo me sull'amicizia, quella vera. Forse qui avrai modo di conoscere delle belle persone come è capitato a me. Se puoi fai ogni tanto un salto in chat, è un modo per comunicare anche quello, magari poi ci si conosce e ci si può scambiare qualche idea. Magari è la volta buona anche per te di crearti delle amicizie vere, nonostante i nick (giustamente per salvaguardare la privacy).
Intanto benvenuto in questo angolo felice!


Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Presentazione
MessaggioInviato: lunedì 27 luglio 2015, 14:18 

Iscritto il: domenica 19 luglio 2015, 20:41
Messaggi: 79
Ciao NickElf,
grazie per il benvenuto e per la cordialità.


Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Presentazione
MessaggioInviato: lunedì 27 luglio 2015, 23:32 

Iscritto il: giovedì 23 luglio 2015, 22:21
Messaggi: 5
Ciao Lao grazie per la tua storia io mi sono accettato a 27 anni e prima di quella volta non ho mai baciato ne uomini ne donne avevo rimosso la mia parte sessuale poi ho iniziato a frequentare le chat e mi sono reso conto dello squallore del mondo gay allora hoo capito che le chat nn erano il posto migliore cosa desidero? trovare amici amici veri con cui confrontarmi ridere piangere scherzare a cui voler bene.


Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Presentazione
MessaggioInviato: martedì 28 luglio 2015, 10:39 

Iscritto il: domenica 12 ottobre 2014, 14:11
Messaggi: 99
Benvenuto anche da parte mia!!


Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Presentazione
MessaggioInviato: martedì 28 luglio 2015, 16:36 

Iscritto il: domenica 19 luglio 2015, 20:41
Messaggi: 79
Grazie molte ragazzi per le vostre parole e il vostro benvenuto!


Non connesso
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
 Pagina 1 di 4 [ 31 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3, 4  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

phpBB skin developed by: John Olson
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group


Creare forum
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010