La vera cosa da curare è l'omofobia

Il rapporto fra tematiche gay e religiose, nella vita di sempre
Rispondi
SenzaPeso
Messaggi: 221
Iscritto il: sabato 24 aprile 2010, 5:11

La vera cosa da curare è l'omofobia

Messaggio da SenzaPeso » martedì 14 febbraio 2012, 18:36

Torno a scrivere qui dopo tantissimo tempo, è che sono stufo di vedere in giro che l'omofobia viene considerata una cosa quasi normale, un'opinione personale, e viene tollerata se non condivisa in troppe occasioni, fomentata dalla politica e dalla Chiesa, o semplicemente subita. La parola stessa ne definisce la natura patologica, è una fobia, un odio/paura irrazionale di una cosa che neppure si conosce in molti casi. E mi chiedo come si possa consentire che dei malati patologici accusino persone normalissime di essere loro quelle deviate, di essere loro quelle malate. Se avessi la fobia degli insetti, che diamine, mica accuserei gli insetti di essere loro i malati.

Ci sono siti Cattolici deliranti, e parlo di quelli perché sono i soli che conosco, ben cosciente che non si parla di religione o politica in questo Forum e non intendo certo tirarla in ballo, quanto invece intendo tirare in ballo l'osceno Pontifex e chi lo segue. Qualunque omofobo che lo sia già di suo e passa da quel sito si sente in diritto di promulgare le amenità deliranti che ci sono contenute a giustificazione delle sue paure.

Ma perché in Italia una persona deve avere paura di malati di mente a piede libero?

[Attenzione, al momento non andate su Pontifex se non lo conoscete, è sotto attacco Hacker]

Tozeur
Messaggi: 544
Iscritto il: giovedì 29 dicembre 2011, 1:07

Re: La vera cosa da curare è l'omofobia

Messaggio da Tozeur » martedì 14 febbraio 2012, 19:08

Sono d'accordo con SenzaPeso. Sono veramente stufo di leggere l'ennesima frase a effetto del politico o prete di turno. Dove è finita la fratellanza, il detto "porgi la tua guancia" che ripetono allo sfinimento da duemila anni?
L'omofobia è un problema che si può risolvere solo educando la persona sin da quando nasce all'accettazione di tutti senza però frasi fatte o modelli obsoleti e non corrispondenti al nostro modello di società moderna. Un altra cosa che non sopporto più e sentirmi dire che sono un malato: come si può dimostrare questa nostra malattia tanto ostentata? Secondo il DSM IV una malattia psichica è una condizione che ha sempre un substrato, una lesione cose che non sono presenti nel mio cervello.
Riguardo poi il sito citato (che non nomino perchè gli darei pubblicità) lessi a volte qualche stralcio ma ho giurato che non ci entrerò mai più perchè è un offesa alla mia dignità di persona e di essere pensante.
Alone but not lonely

SenzaPeso
Messaggi: 221
Iscritto il: sabato 24 aprile 2010, 5:11

Re: La vera cosa da curare è l'omofobia

Messaggio da SenzaPeso » martedì 14 febbraio 2012, 19:26

Tozeur ha scritto:Dove è finita la fratellanza, il detto "porgi la tua guancia" che ripetono allo sfinimento da duemila anni?
Sotto ragionamenti di questo tipo:

"l'omosessualità è una tendenza diabolica, è causata da una possessione demoniaca e bisogna pregare 3 Rosari al giorno per sconfiggerla, per evitare l'inferno e per tornare eterosessuali, come ha testimoniato luca di tolve ex-omosessuale ed ex-attivista gay che pregando il Rosario ha visto allontanarsi degli spiriti maligni da lui:" [cit. reale]

"c'e' da avere viceversa paura di coloro che pensano il contrario, non rendendosi ancora conto
( e questo a causa della loro ignoranza e arroganza ) che l'omosessualita' non e' naturale e moralmente e umanamente accettabile,
ed e' totalmente si ispirata dal demonio.
Ma quand'e' che si apriranno gli occhi ??" [cit. reale]

"(l'omosessualità è) Un disturbo/disordine psicologico, e come tanti disturbi psicologici non è irreversibile.
-(...)
sei schiavo, purtroppo, dei tuoi istinti sessuali disordinati e non vuoi vedere la realtà." [cit. reale]

Da considerare che questa gente pretende che si rispetti la loro opinione.

Tozeur
Messaggi: 544
Iscritto il: giovedì 29 dicembre 2011, 1:07

Re: La vera cosa da curare è l'omofobia

Messaggio da Tozeur » martedì 14 febbraio 2012, 19:59

Grazie per le citazioni, alcune potrebberoi sembrare surreali ma ne ho sentito anche io cose simili essendo cresciuto in un ambiente molto cattolico, ho anche provato a fare discorsi con queste persone ma hanno ricevuto un educazione così massiccia nella loro vita (un po come il lavaggio del cervello dei mass media oggi) che non cambieranno mai idea, ovviamente non intendo generalizzare.
Alone but not lonely

Eleftheros
Messaggi: 9
Iscritto il: mercoledì 18 gennaio 2012, 20:22

Re: La vera cosa da curare è l'omofobia

Messaggio da Eleftheros » martedì 14 febbraio 2012, 20:09

SenzaPeso ha scritto: ( e questo a causa della loro ignoranza e arroganza ) che l'omosessualita' non e' naturale
Parlano loro di ignoranza e arroganza? Non ci capisco più niente.
Qualcuno fa paura per quanto è chiuso mentalmente. Non è un peccato non essere informati su un argomento, ma poi se una persona informata ti mostra ricerche scientifiche, opinioni delle più importanti associazioni psichiatriche ed esempi reali dovresti almeno avere l'onestà di mettere in discussione le tue opinioni. Ce l'ho in famiglia qualche elemento cattolicoide...la cosa paurosa e che quando si accorgono di essere a corto di argomenti non pensano nemmeno per un istante di di mettersi in discussione, ma tagliano corto dicendo "ma non puoi razionalizzare tutto, non si possono guardare solo i dati" ...e sarebbe un argomentazione?? Che tristezza...

Avatar utente
progettogayforum
Amministratore
Messaggi: 5450
Iscritto il: sabato 9 maggio 2009, 22:05

Re: La vera cosa da curare è l'omofobia

Messaggio da progettogayforum » martedì 14 febbraio 2012, 20:09

Quello che penso in materia è sparso qua e là per tutto il forum.
L’ignoranza e la malafede sono sempre esistite ed esisteranno sempre. Le cose da fare sono poche:
1) dire le cose come stanno, cioè parlare dei gay per quello che sono veramente e fornire in proposito informazioni serie
2) portare le persone ad usare il loro cervello secondo una modalità razionale
3) non accettare nessuna discussione con chi parte da presupposti dogmatici
4) evitare le polemiche che rischiano di dare peso a cose del tutto preconcette e lontane dalla realtà
L’omofobia ha due sole cause: la malafede, ai livelli più alti, per chi sa come stanno le cose e sfrutta l’omofobia per i suoi fini, e l’ignoranza, ai livelli più bassi, per chi non sa come stanno le cose e ha rinunciato ad usare il proprio cervello.

SenzaPeso
Messaggi: 221
Iscritto il: sabato 24 aprile 2010, 5:11

Re: La vera cosa da curare è l'omofobia

Messaggio da SenzaPeso » martedì 14 febbraio 2012, 22:18

progettogayforum ha scritto:Quello che penso in materia è sparso qua e là per tutto il forum.
L’ignoranza e la malafede sono sempre esistite ed esisteranno sempre. Le cose da fare sono poche:
1) dire le cose come stanno, cioè parlare dei gay per quello che sono veramente e fornire in proposito informazioni serie
2) portare le persone ad usare il loro cervello secondo una modalità razionale
3) non accettare nessuna discussione con chi parte da presupposti dogmatici
4) evitare le polemiche che rischiano di dare peso a cose del tutto preconcette e lontane dalla realtà
L’omofobia ha due sole cause: la malafede, ai livelli più alti, per chi sa come stanno le cose e sfrutta l’omofobia per i suoi fini, e l’ignoranza, ai livelli più bassi, per chi non sa come stanno le cose e ha rinunciato ad usare il proprio cervello.
Il punto 1 non funziona con certi elementi, a quanto pare i gay sono una lobby segreta che tiene le fila di un'oscura e non meglio precisata organizzazione, e spero davvero che una cavolata simile non si sparga per il mondo ma resti nella sua nicchia (http://www.bastabugie.it/it/articoli.ph ... mosessuale) anche se sta pericolosamente prendendo piede anche fuori dal web. A farli ragionare c'ho provato, e fidati che le speranze sono davvero poche.. le sole cose applicabili mi sembrano il punto 3 e 4, ma questa gente mi fa davvero troppa paura per poter dire: "li lascio fare".

"omofobia è un termine inventato dalla lobby gay per insultare coloro che non si conformano al loro pensiero.
Solo loro i primi ad essere intolleranti verso chi non la pensa come loro ed ha il coraggio di dirlo..
E guarda che è stato proprio un ex-militante gay a denunciare l'oscurantismo presente nella lobby.." [cit. reale]

barbara
Utenti Storici
Messaggi: 2864
Iscritto il: mercoledì 14 aprile 2010, 9:22

Re: La vera cosa da curare è l'omofobia

Messaggio da barbara » martedì 14 febbraio 2012, 23:40

Ciao Senza Peso! Ben ritrovato! Proprio in questi giorni vagheggiavo di aprire una nuova discussione sull'argomento. Stavo leggendo una tesi, il cui autore , lo Psicologo Dr. Domenico Berardi, affronta il rapporto fra sessismo e omofobia. Vorrei approfittare di questo tuo topic per dire qualcosa in proposito.
Intanto ,come riportato in questo lavoro, secondo alcuni autori certe forme di intolleranza andrebbero proprio curate.
Guindon e colleghi (2003) coniarono il termine Disturbo intollerante di personalità per indicare quella che secondo gli autori è da considerarsi una vera e propria patologia. Inutile dire che l'atteggiamento culturale dominante non ha ancora la sensibilità per poter accogliere una simile proposta.
In questo lavoro si afferma anche che l'omofobia è una variante dell'intolleranza in senso più generale. Molte ricerche dimostrano che dove è presente l'omofobia si ritrovano atteggiamenti intolleranti anche per le altre categorie considerate "diverse", sia per razza, che per etnia o altre caratteristiche, ma soprattutto per diversità di genere.
Il tema centrale di questo lavoro è infatti il rapporto tra sessismo e omofobia.
Per sessismo si intende ciò che va comunemente sotto il nome di "maschilismo" . Vengono distinti due tipi di sessismo: quello ostile e quello benevolo.
Per fare un esempio il sessismo ostile consiste nell'affermare l'inferiorità della donna rispetto all'uomo, mentre quello benevolo consiste nel pensare che la donna abbia bisogno della protezione dell'uomo . Entrambi questi modi di pensare solo alla base di una profonda discriminazione tra i sessi.
Ora è interessante notare come nelle ricerche effettuate in diverse nazioni sia stata riscontrata una correlazione molto importante fra l'omofobia e il sessismo , specialmente quello ostile.
In Italia , in rapporto al resto d'Europa , si rileva una marcata discriminazione nei confronti della donna. Di pari passo il nostro paese è anche uno di quelli nei quali l'omofobia si presenta come particolarmente radicata.
Quanto più una persona aderisce a valori tradizionali , dove la donna ha un ruolo subalterno all'uomo , tanto più è probabile che sviluppi una mentalità omofoba.
Nel caso si tratti di persona omosessuale, vi sarebbe analogamente una maggior propensione all'omofobia interiorizzata.
E' interessante comunque sapere che nella recente indagine (2009-2010) realizzata dall'autore su un campione di persone omosessuali italiani rispetto al sessismo sia ostile che benevolo sono stati riscontrati valori assai inferiori alla media . Ciò induce a ritenere che l'avere subito la discriminazione omofoba possa rendere le persone omosessuali anche più sensibili e rispettose dei diritti della donna rispetto al resto della popolazione. Per chi volesse approfondire , vi lascio il link.

http://www.dberardi.it/psicologia/34-ma ... e-omofobia

Avatar utente
progettogayforum
Amministratore
Messaggi: 5450
Iscritto il: sabato 9 maggio 2009, 22:05

Re: La vera cosa da curare è l'omofobia

Messaggio da progettogayforum » mercoledì 15 febbraio 2012, 2:11

Quanto sento affermazioni omofobe mi torna sempre alla mente il XV canto dell’Inferno di Dante, quando il poeta parla con Brunetto Latini, suo maestro, che incontra nel cerchio dei sodomiti. Il dialogo tra i due è affettuoso e pieno di rispetto.
Brunetto incoraggia Dante a seguire la sua strada e gli dice che se non fosse morto gli avrebbe dato manforte:

Ed elli a me: «Se tu segui tua stella,
non puoi fallire a glorïoso porto,
se ben m'accorsi ne la vita bella;

e s'io non fossi sì per tempo morto,
veggendo il cielo a te così benigno,
dato t'avrei a l'opera conforto.

e Dante sente di dover sciogliere il suo debito di riconoscenza verso Bruttetto che gli aveva insegnato i valori più alti della morale:

'n la mente m'è fitta, e or m'accora,
la cara e buona imagine paterna
di voi quando nel mondo ad ora ad ora

m'insegnavate come l'uom s'etterna:
e quant' io l'abbia in grado, mentr' io vivo
convien che ne la mia lingua si scerna.

Dante è certamente un cristiano vero ma non è omofobo e parla di Brunetto come di una cara e buona immagine paterna che gli ha insegnato la via verso le cose eterne, e siamo all’inizio del 1300! Evidentemente non sono gli anni che contano ma il cervello delle persone!

Piero89

Re: La vera cosa da curare è l'omofobia

Messaggio da Piero89 » mercoledì 22 febbraio 2012, 2:44

Bà è come dire "La vera cosa da curare è la stupidità umana" non sono mica tanto convinto che si possa curare la stupidità...tuttavia ha un suo ruolo nel mondo.

Rispondi