Gay in un posto isolato

Adolescenza gay, giovinezza gay, gay e scuola, gay e università, ragazzi gay e genitori
Rispondi
gsg88
Messaggi: 19
Iscritto il: mercoledì 9 febbraio 2011, 18:11

Gay in un posto isolato

Messaggio da gsg88 » lunedì 14 febbraio 2011, 19:57

La vita di chi come me, vive in un piccolo paese, è assai difficile. I paesi piccoli sono conservatori, tradizionalisti, oltre che estremamente pettegoli. Vivere la propria condizione sessuale differente dalla norma è quindi difficile. Difficile perché la realtà che ti circonda probabilmente non capirebbe e perché, quando come me non sei dichiarato, se decidessi di vivere apertamente la tua sessualità, nel giro di 10 minuti tutti lo saprebbero. Se c'è un altro utente del forum che vive questa situazione, mi piacerebbe sapere come vive la difficoltà di vivere in una realtà di questo tipo.

Torrismondo
Messaggi: 317
Iscritto il: sabato 12 febbraio 2011, 15:52

Re: Gay di campagna

Messaggio da Torrismondo » lunedì 14 febbraio 2011, 21:57

Eccomi a rapporto!
A parte che io non vivo apertamente in nessun luogo la mia sessualità, nel paese non ho rapporti.... ci dormo la notte, ecco. Ho tagliato tutti i ponti, già pericolanti da tempo, e vivo la mia vita altrove, d'altronde non intendo rimanere tra chi mi invidia e detesta per altri motivi. Quindi ho la residenza ed il domicilio, punto. Mi disinteresso totalmente di quello che succede, pensano di me etc. E' il mio modus vivendi per stare tranquillo.
Velle parum est: cupias ut re potiaris oportet (Ov. Ex Ponto I 1, 35)

Alyosha
Utenti Storici
Messaggi: 2398
Iscritto il: mercoledì 20 ottobre 2010, 0:41

Re: Gay di campagna

Messaggio da Alyosha » martedì 15 febbraio 2011, 11:08

http://www.youtube.com/watch?v=uBPdARKcCqk
:mrgreen: :geek: :?: :!:

Con un pò di fantasia (secondo me neanche tanta) te ne ha già parlato Baglioni ci ha pensato un pò e in effetti poi una solzione l'ha trovata:


http://www.youtube.com/watch?v=8Q2nYtXudNU

:mrgreen: :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:

gsg88
Messaggi: 19
Iscritto il: mercoledì 9 febbraio 2011, 18:11

Re: Gay di campagna

Messaggio da gsg88 » martedì 15 febbraio 2011, 15:24

Noooooo, Baglioni noooooooooooo :x :x :x
Non lo sopportoooooooooooo :x :x :x

Alyosha
Utenti Storici
Messaggi: 2398
Iscritto il: mercoledì 20 ottobre 2010, 0:41

Re: Gay di campagna

Messaggio da Alyosha » martedì 15 febbraio 2011, 21:40

Non è il mio preferito in effetti, ma queste canzoni le trovo proprio belle. Se si scappa dalla "maglietta fina" qualcosa di interessante s trova nei suoi testi :). Poco male titiro i link :mrgreen:.

Avatar utente
asterix
Messaggi: 24
Iscritto il: martedì 28 dicembre 2010, 15:40

Re: Gay di campagna

Messaggio da asterix » mercoledì 16 febbraio 2011, 1:14

anche io vengo da un paesino piccolo, dove tutti sanno di tutti..... quindi non vivo la mia sessualità...
vado all'università, ma nemmeno in questo paese riesco a vivere la mia sessualità benchè sia una grande città... ci sono molti conoscenti e la situazione è più o meno uguale...
spero solo un giorno di poter trovare la mia dimensione in una nuova città...perchè fino ad oggi sono in ALTOOOO MAREEEE!!!!!!!!!! :)
"Non dimenticate mai che, fino al giorno in cui Iddio si degnerà di svelare all'uomo l'avvenire, tutta l'umana saggezza sarà riposta in queste due parole: Aspettare e sperare."

A. Dumas - Il conte di Montecristo

Avatar utente
serpentera
Messaggi: 430
Iscritto il: martedì 24 agosto 2010, 19:37

Re: Gay di campagna

Messaggio da serpentera » mercoledì 16 febbraio 2011, 23:21

Come te anche io vivo in un piccolo paese...
Qui da me è impossibile farsi una vita seguendo la propria natura,quindi ritengo impossibile non solo vivere le proprie esperienze,i propri amori alla luce del sole ma anche soltanto fare coming-out per evitare di essere additato dai propri compaesani come "il ricchione"...:shock:
Chi resta al paese(ma anche in tutta la mia retrograda regione) e sa di essere gay sceglie una di queste due opzioni:
1)scappa via da qui;
2)Nel caso decide di restare sceglie una doppia vita:si forza ad una sessualità etero arrivando anche al matrimonio e ad avere dei figli con la propria moglie per "salvare l'onore della sua famiglia".Questo perchè qui la gente da' molta importanza al giudizio degli altri...
...E Intanto,di nascosto fa sesso gay con qualche amico o qualcuno conosciuto nei vari siti d'incontri.

Scioccante,no?

gsg88
Messaggi: 19
Iscritto il: mercoledì 9 febbraio 2011, 18:11

Re: Gay di campagna

Messaggio da gsg88 » venerdì 18 febbraio 2011, 14:34

Vi ringrazio per le risposte :)
E' bello sapere di non essere il solo a vivere questa situazione un po' difficile

2)Nel caso decide di restare sceglie una doppia vita:si forza ad una sessualità etero arrivando anche al matrimonio e ad avere dei figli con la propria moglie per "salvare l'onore della sua famiglia".Questo perchè qui la gente da' molta importanza al giudizio degli altri...
...E Intanto,di nascosto fa sesso gay con qualche amico o qualcuno conosciuto nei vari siti d'incontri.

Scioccante,no?
Non particolarmente. Insomma, questo tipo di storie io le ho già sentite parecchie volte. Questi tizi però mi sembrano un po' egoisti. Voglio dire, sai che sei gay, allora perché ti fai una famiglia? Perché far soffrire anche altre persone (perché prima o poi vien fuori) moglie e figli? Perché piuttosto, se proprio è difficile uscire allo scoperto, almeno non stai da solo? Cioè, è brutto da dire, ma piuttosto che rovinare la vita a moglie e figli è meglio star da soli, o sbaglio?

Avatar utente
naufrago18
Messaggi: 139
Iscritto il: mercoledì 27 ottobre 2010, 16:33

Re: Gay di campagna

Messaggio da naufrago18 » martedì 8 marzo 2011, 23:23

magari sarò un po ingenuo...ma un gay com' è che fa i figli? al limite sarà bisex...
Panta rei. Sarà, ma io mi sento sempre lo stesso.

Alyosha
Utenti Storici
Messaggi: 2398
Iscritto il: mercoledì 20 ottobre 2010, 0:41

Re: Gay di campagna

Messaggio da Alyosha » mercoledì 9 marzo 2011, 12:14

Naufrago io ci sono andato un paio di volte vicino ad avere un figlio :). E no non mi sento affatto bisex. E' solo la vita che ti porta a fare certe scelte piuttosto che altre. E tante volte cercare di accomodare le cose, aiuta solo a rigenerare il problema senza risolverlo. Se non avessi avuto questo carattere così incontinente e se certe pruderie, quel sottile senso di insoddisfazione, quella frustrazione, non mi fosse mille volte risalità dalla pancia alla bocca. Beh forse sarei gia sposato con figli pure io. Un amichetto pernso proprio non ce l'avrei avuto. Vedi quel'è il putno ci sono persone che introiettano i paradossi e persone che li riversano fuori di loro. Chi si fa l'amico accomoda così la situazione. Giusto o sbagliato non saprei proprio dire. Certamente posso risponderti che non è mai stato più lontano da quello che per me avrei voluto.

Rispondi