L’orgoglio che ci ucciderà

Che cosa significa essere gay
Rispondi
Alyosha
Utenti Storici
Messaggi: 2419
Iscritto il: mercoledì 20 ottobre 2010, 0:41

Re: L’orgoglio che ci ucciderà

Messaggio da Alyosha » sabato 18 giugno 2011, 22:53

Naufrago non ti scaldare... Consolati almeno tutti quelli che hanno partecipato al pride sono con te :ugeek: ... Io non riesco ad avere posizioni estreme su questa cosa l'ho già scritto. Di certo non ci perdo il mio sonno però ecco questo si... Carnevalata non carnevalata, importante inutile, dannoso vantaggioso... Insomma secondo me ognuno sceglie i suoi modi di stare nelle cose. Se mne lo chiedi non mi infastidisce ma neanche mi entusiasma. Quest'anno per un puro caso non ci sono andato, ma tutti i miei amici (eterissimi) erano lì e si sono pure divertitti. Infondo mettono il buon umore. Ai ben pensanti che si scandalizzano per così poco non son ben che dire però, probabilmente non direi nulla. Si scandalizzino pure che male non gli fa, si scandalizzino per ben altre cose però, per un "carnevale" proprio no... Per il resto penso che chi avrà pregiudizi sui gay li continuerà ad avere, perché la verità è che non ha voglia lui di andare oltre pride o meno e chi a voglia di scavare più a fondo e di capire lo farà allo stesso modo...
Comunque naufraghetto non ci pensare più... guarda che ti dedico

http://www.youtube.com/watch?v=8uTDvIikLx0

a me fa troppo ridere.

Avatar utente
Cagliostro
Messaggi: 413
Iscritto il: venerdì 4 febbraio 2011, 23:36

Re: L’orgoglio che ci ucciderà

Messaggio da Cagliostro » sabato 18 giugno 2011, 23:36

naufrago18 ha scritto: punto secondo:
mai e poi mai mi sentirò di condannare chi mette la propria faccia per chiedere PARI DIGNITA' e PARI DIRITTI CIVILI PER ETERO ED OMOSESSUALI.
Questa gente (la Concia, la Luxuria, l'Arcigay) sta combattendo per noi e dovremmo esserne grati(http://www3.lastampa.it/politica/sezion ... tp/403109/). Inoltre anche la destra si è accorta che questa disparità di diritti è inutile e dannosa alla società tanto è vero che il ministro Carfagna (http://www.asca.it/news-OMOFOBIA__CARFA ... -ORA-.html)e il FLI (http://www.genovagay.com/it/notizie-gay ... -gay-.html)si sono apertamente schierati a favore della legge sull'omofobia, affossata pochi giorni fa dalle destra bigotte e filoclericali.

punto terzo:
Vladimir Luxuria non è comparabile a Platinette. La prima infatti conduce delle importanti battaglie politiche a favore della dignità transessuale. La stessa Luxuria ha sucbito un operazione chirurgica che le ha dato la possibilità di essere 24 ore su 24 donna, cosi come lei desidera. Platinette indossa la maschera solo davanti alla tv mentre per strada è uomo, dunque è un personaggio ambiguo vicino agli ambienti del presidente del consiglio e di Lele Mora.
Naufrago innanzitutto calma i toni perché nessuno ha scritto qualcosa di offensivo in questo topic e gradirei che andasse avanti così senza spiacevoli incidenti.
Vorrei ricordarti che in questo forum non si parla di politica, dovresti leggere il regolamento prima di citare i Ministri e le loro dichiarazioni. Inoltre quello che riguarda la signora Luxuria o Platinette non hanno niente a che vedere né col forum né col topic e men che meno Lele Mora con i suoi scandali di dubbia moralità.
Il topic non verte su di loro, ma sul senso del Pride come “via di salvezza” per i gay e del presunto orgoglio.
Io non devo vergognarmi per il titolo che ho dato al topic perché è esattamente ciò che penso e gradirei che tu rispettassi le mie idee come io rispetto le tue. E’ un sito gay ma non è un sito per persone prive di idee e opinioni proprie, quindi come tu sei libero di esprimere la tua anche gli altri sono liberi di fare altrettanto. Se ti senti rappresentato dalle Lady Gaga di turno, di gay Pride che sono una carnevalata e hai bisogno di andare in giro con le piume di struzzo per esprimere il tuo orgoglio gay è un tuo sentire; non puoi certo pretendere che sia il sentire di tutti.
Progettogay non esiste solo come consultorio on-line per scoprire e accettare l’essere omosessuali (che è un percorso che in ogni caso ognuno di noi intraprende a prescindere dal forum), ma è soprattutto un luogo dove potersi confrontare e discutere, siamo ancora in democrazia dopotutto.
Sei libero di fare ciò che più ti aggrada, ti faccio i miei migliori auguri, ma non impedire agli altri di esprimere la propria opinione solo perché tu non sei d’accordo.
Solo due cose sono infinite: l'universo e la stupidità umana e non sono sicuro della prima
Albert Einstein


Chi semina raccoglie,
ma chi raccoglie si china...
...e a quel punto è un attimo...

aquilone213
Messaggi: 56
Iscritto il: giovedì 11 novembre 2010, 22:46

Re: L’orgoglio che ci ucciderà

Messaggio da aquilone213 » domenica 19 giugno 2011, 0:40

scusa cagliostro ma credo che tu sia abbastanza incoerente..dici di non fare discorsi politici ma il pride ha connotati fortemente politici..quindi a sto punto non aprivi il topic..poi scusa parli di rispetto e poi dici Se ti senti rappresentato dalle Lady Gaga di turno, di gay Pride che sono una carnevalata e hai bisogno di andare in giro con le piume di struzzo per esprimere il tuo orgoglio gay...non credo che tutte le 500mila persone erano vestite cosi e cmq non credo ci sia qualcosa di male.per me il punto è semplice e cioè che tutte le persone gay sono discriminate in italia ma ognuno agisce e reagisce a modo suo..c è chi scende in piazza e fa festa per i suoi diritti..c è chi scrive in un forum utile come questo..non c è giusto o sbagliato..poi discorsi del tipo Io e tanti altri gay non ci sentiamo rappresentati da Lady Gaga mi lasciano perplesso perchè non credo che bisogna sentirsi rappresentati o non da qualcuno in quanto gay...piu che altro bisognerebbe essere rispettati in quanto persone non in quanto gay anche se sono utopie..poi il tuo scandalizzarsi per il cartellone sul papa non lo capisco..questo papa non ha fatto in questi anni che dire cose allucinanti sull argomento gay,ferendo la sensibilita di molte persone,quindi...in generale io sono a sfavore delle lotte per una categoria,donne,gay,zingari che siano,perchè credo che siano limitative ma credo semplicemente nel rispetto per gli esseri umani...per questo non sono a favore del pride ma rispetto tantissimo chi è sceso in piazza e si è esposto,a differenza tua cagliostro che hai parlato di un giorno di eclatante stupidità...non sono nemmeno d accordo con la posizione estrema di naufrago che dice ,continuerò a far parte del Progetto seppure consapevole delle vostre opinioni ma nulla mi impedirà un domani di abbandonarlo se la strada che si sta tracciando e perseguendo è questa.questo forum credo che sia nato per dare la possibilita a persone con gli stessi vissuti e disagi di confrontarsi...se poi si è dichiarati o no,se si è d accordo o no col pride credo che sia relativo..ognuno sceglie il percorso che ritiene piu giusto per se..

br_ba_bo_ba
Messaggi: 60
Iscritto il: domenica 12 giugno 2011, 20:28

Re: L’orgoglio che ci ucciderà

Messaggio da br_ba_bo_ba » domenica 19 giugno 2011, 8:12

aquilone213 ha scritto:...ma il pride ha connotati fortemente politici..quindi a sto punto non aprivi il topic...
Il Pride ha anche una connotazione politica, ma se leggi bene, la discussione verte soprattutto sul fatto che queste manifestazioni alimentano la discriminazione verso gli omosessuali.
Sono problemi morali, di comportamento: l'Arte del governo lasciamola fuori, non è di questa che parliamo e credo che anche tu lo sappia benissimo

Di quelle 500.000 persone di cui parli, solo una parte è gay. Mi ero accorta già da tempo che anche i "sostenitori" etero (parole loro) hanno preso l'abitudine di far numero ai Pride. Parlai di questo alla mia vecchia compagnia di amici etero (prima che mi dessero il benservito per i motivi che immaginate); mi dissero che il "carnevale" era divertente: si abbracciavano fra maschietti e fra femminucce, pensate, che teneri!
Finito il carnevale, tolte le maschere, si ricomincia a bisbigliare:
"Oh, ma hai sentito che ***** (mio cognome) è finocchio?" poi "Ma dai, dici che la prende nel ****??", eccetera eccetera.
Non sono tutti così, almeno spero, ma era giusto per dirti come è visto il Pride persino dai suoi sostenitori "non-gay".
Non è una cosa seria.
Del resto il carnevale è roba da bambini. Signore e signori, a voi il... carnevale per adulti! :|
aquilone213 ha scritto:...in generale io sono a sfavore delle lotte per una categoria,donne,gay,zingari che siano,perchè credo che siano limitative ma credo semplicemente nel rispetto per gli esseri umani...
A sfavore delle lotte di categoria? Quindi tu andresti in un parlamento (non linciatemi con la politica, è un esempio :P) proponendo, in pieno stile Kumbayah, la fratellanza di tutti gli uomini di buona volontà? Insomma, come quel tale che parlava sempre di viti, di tralci e di perdono dei peccati?

Ho una brutta notizia per te: proprio ieri ho fatturato trenta denari.
aquilone213 ha scritto:questo forum credo che sia nato per dare la possibilita a persone con gli stessi vissuti e disagi di confrontarsi...se poi si è dichiarati o no,se si è d accordo o no col pride credo che sia relativo..ognuno sceglie il percorso che ritiene piu giusto per se..
Parole sante. Attento a quelli che provano a baciarti, d'ora in poi (vedi Mt 26, 48). Potrebbero non avere buone intenzioni ^^
"Rose tints my world,
Keeps me safe from my trouble and pain!"

Avatar utente
Cagliostro
Messaggi: 413
Iscritto il: venerdì 4 febbraio 2011, 23:36

Re: L’orgoglio che ci ucciderà

Messaggio da Cagliostro » domenica 19 giugno 2011, 9:38

aquilone213 ha scritto:scusa cagliostro ma credo che tu sia abbastanza incoerente..
Io incoerente?
Se solo avessi letto l’apertura del topic ti saresti reso conto che non si parla di politica ma dell’involuzione che riguarda il Pride.
Una manifestazione nata con intenti seri si è trasformata nel carnevale di Rio.
Per inciso le 500 mila persone (che si sono radunate al Pride solo per Lady Gaga) non erano vestite solo con piume di struzzo, c’è stato anche di peggio e non credo proprio che questo sia il modo giusto per farci accettare dalla comunità. Poi se credi che questo sia il modo giusto va bene, è la tua opinione e la rispetto.
Visto che parli del Papa ti chiarisco due concetti: il rispetto va dato a tutti, se si vuole essere rispettati. Anche nel forum c’è gente fortemente religiosa e credente, perché bisogna offendere le cose in cui credono?
Nessuno è sceso in piazza a Roma per festeggiare i propri diritti, che ci sono garantiti dalla Costituzione perché siamo persone, sono scesi in piazza solo per far carnevale.

Art. 2
La Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell'uomo, sia come singolo sia nelle formazioni sociali ove si svolge la sua personalità, e richiede l'adempimento dei doveri inderogabili di solidarietà politica, economica e sociale.


La Costituzione andrebbe saputa a memoria, sempre. Non hai bisogno di piume di struzzo e di Lady Gaga perchè i tuoi diritti vengano riconosciuti.
Almeno, io e chi la pensa come me non ne ha bisogno, poi gli altri sono liberi di sentirsi rappresentati da chi vogliono. E come ha detto Project, ci sono cose più serie a cui pensare.
Lady Gaga ha avuto il suo momento di notorietà, basta così.
Potrai festeggiare quando tu e il tuo compagno potrete andare in giro mano nella mano sempre, senza che nessuno vi dia fastidio e senza Pride, ma siccome di strada ancora ce n’è da fare non vedo cosa ci sia da festeggiare.
Se poi per te il mio pensiero è incoerente meglio l’incoerenza dell’essere gay solo al Pride.

Grazie Irene per i tuoi interventi e già che ci sono ti do il mio benvenuto nel forum!
Solo due cose sono infinite: l'universo e la stupidità umana e non sono sicuro della prima
Albert Einstein


Chi semina raccoglie,
ma chi raccoglie si china...
...e a quel punto è un attimo...

Johnny
Messaggi: 80
Iscritto il: sabato 11 giugno 2011, 19:02

Re: L’orgoglio che ci ucciderà

Messaggio da Johnny » domenica 19 giugno 2011, 10:50

Non importa se le persone sono tante o poche vestite di piume, ciò che passa nei media, e nei giornali (perchè poi lo scopo di manifestare dovrebbe essere sopratutto di far capire determinate cose) ed il messaggio che passa è che essere gay è ANORMALE e da DEVIATI.

Non solo, ma molto spesso si induce la gente a trattarsi cosi, va da se che quando uno viene scoperto gay, la gente ci si rapporta in questo modo.
Parliamoci chiaro, essere gay sta diventando una moda, un etichetta proprio come essere emo, punk o quant'altro.

Le associazioni e i locali hanno lo scopo di ghettizarci sempre più, quindi dovremo andare in gabbie costruite per incontrare gente, e ci sarà sempre meno la possibilità che in Italia venga creduta cosa normale, ergo poter conoscere gente del proprio sesso anche al lavoro o in situazioni normali. E la maggior parte dei gay sono complici di questo, di crearsi un mondo loro invece che integrarsi con gli altri.

br_ba_bo_ba
Messaggi: 60
Iscritto il: domenica 12 giugno 2011, 20:28

Re: L’orgoglio che ci ucciderà

Messaggio da br_ba_bo_ba » domenica 19 giugno 2011, 11:29

@Cagliostro: ti ringrazio per il benvenuto :)

In effetti l'unico vero e proprio diritto che manca agli omosessuali è quello di essere riconosciuti come coppia dallo Stato.
L'aggravante di omofobia non ha senso, i nostri diritti sono già garantiti (e da un bel po' di tempo, pure).
Ciò che non è garantito è il rispetto da parte delle persone; su questo chi di noi ha resa pubblica la propria "condizione" lavora ogni giorno: riguadagnare il rispetto di chi ci sta intorno, perché sappiamo che dichiararsi gay - con tutte le sfumature del termine - è un po' come rinascere.
Mi sento spesso dire: credevo di conoscerti, ora davanti a me vedo un'altra persona. Questa è la ferita, ancora aperta, inferta dai secoli di "decenza" che ci hanno preceduti: ogni tanto perde ancora sangue, e sempre restando nella metafora, ci impegnamo a tamponarla una volta per tutte - non, invece, a leccarne i lembi fino a fare infezione.
C'è una cura per l'idiozia, c'è da sempre. Siamo noi.

@Johnny: come posso non darti ragione? Dal giorno del mio coming out, mia madre è convinta che lo faccia per seguire la moda. Una cosa la so di sicuro: Grillini non mi avrà.
"Rose tints my world,
Keeps me safe from my trouble and pain!"

Avatar utente
naufrago18
Messaggi: 139
Iscritto il: mercoledì 27 ottobre 2010, 16:33

Re: L’orgoglio che ci ucciderà

Messaggio da naufrago18 » domenica 19 giugno 2011, 12:46

mi pare cagliostro che tu non abbia capito. La mia è una presa di posizione netta contro i termini utilizzati nel topic, dal mio punto di vista lontani anni luce dalla moderazione. I toni alti sono stati i tuoi, poichè stai rispondendo sul personale e senza argomentazioni.

[quote="Cagliostro] Se ti senti rappresentato dalle Lady Gaga di turno, di gay Pride che sono una carnevalata e hai bisogno di andare in giro con le piume di struzzo per esprimere il tuo orgoglio gay...

non impedire agli altri di esprimere la propria opinione solo perché tu non sei d’accordo.[/quote]

Io non obbligo nessuno a cambiare il proprio pensiero, nessuno ti sta obbligando a eliminare il topic o a cambiare titolo, sto solo democraticamente e civilmente esprimendo il mio dissenso totale verso il titolo del topic e verso i contenuti fin qui espressi( e li ho pure elencati)...invece da parte tua, mettere in luce il fatto che ho pubblicato link con le dichiarazioni dei ministri andando quindi contro le regole del forum mi pare una mossa antidemocratica perchè mi toglierebbe la possibilità di contrabbattere come io preferisco.

poi di piume e non piume credimi io di questi preconcetti non ne ho e ne ho la presunzione di sentirmi superiore alle drag queen solo perchè vado in giro in jeans e maglietta, cosi come non ti devo dimostrare che nella mia vita sono un ragazzo senza pailettes anche perchè se fosse cosi cio non lederebbe alla mia dignità.

aquilone non ho capito bene su cosa non sei d'accordo con me...cioè io metto in chiaro solo che questi temi per me sono fondamentali e alla base della coscienza individuale e collettiva omosessuale. dunque se non mi rispecchio in questa linea ideologica che si sta prefigurando nel forum preferisco farmi io da parte...non obbligo nessuno ad andarsene...ma per me queste non sono bazzeccole o argomenti di secondo piano
Panta rei. Sarà, ma io mi sento sempre lo stesso.

Nemesis

Re: L’orgoglio che ci ucciderà

Messaggio da Nemesis » domenica 19 giugno 2011, 13:04

Johnny ha scritto: Parliamoci chiaro, essere gay sta diventando una moda, un etichetta proprio come essere emo, punk o quant'altro.

Le associazioni e i locali hanno lo scopo di ghettizarci sempre più, quindi dovremo andare in gabbie costruite per incontrare gente, e ci sarà sempre meno la possibilità che in Italia venga creduta cosa normale, ergo poter conoscere gente del proprio sesso anche al lavoro o in situazioni normali. E la maggior parte dei gay sono complici di questo, di crearsi un mondo loro invece che integrarsi con gli altri.
PAROLE SANTE.
Johnny quoto e straquoto il tuo pensiero, così come quello di Cagliostro, di Jek, Sciamano e Irene, perchè pensate tutti le stesse cose che penso io.

Parliamoci chiaro e cerchiamo di essere persone serie: basta continuare a sostenere che nel nostro Paese non abbiamo diritti. E' una bugia bella e buona. I diritti li abbiamo da quando è stata stesa la Costituzione Italiana proprio perchè siamo persone in primo luogo e in secondo luogo cittadini italiani. Come ha precisato Irene il problema sta nel non essere riconosciuti come coppie ma in questo non siamo diversi dagli etero che convivono e ai quali non sono riconosciuti gli stessi diritti delle coppie sposate, ma questa è un'altra questione e per parlarne ci vorrebbe un altro topic.

Mi chiedo come si fa a credere in una manifestazione come il Pride. Abbiamo davvero bisogno di personaggi come Lady Gaga, di manifestare il peggio della nostra omosessualità, di schernire religione e politica (perchè per quanto si può non essere d'accordo, c'è sempre modo e modo di mostrare il proprio dissenso) per essere fieri di essere gay?
Devo essermi persa qualcosa perchè ho sempre pensato che l'orgoglio gay fosse essere orgogliosi di sè stessi perchè si è brave persone, onesti cittadini e perchè non ci si vergogna di amare una persona dello stesso sesso.
Quando e come si è arrivati ai Pride come Credo Gay non lo so...

Insomma, Aquilone e Naufrago, siamo sinceri: a cos'è servito il Pride?
Se davvero vi siete sentiti rappresentati da questa "manifestazione" perchè non ci siete andati?
Più penso a questa storia e più mi vengono in mente molte persone ce conosco, che sono gay solo ai Pride o fuori dalla città in cui vivono, ma al lavoro e in famiglia si dimenticano di essere omosessuali.
E poi andiamo, lo sappiamo tutti che i Pride e le associazioni che lo sostengono non fanno l'interesse di noi omosessuali, ma solo il proprio interesse e che alla fine sono tutti ammanicati con i nostri politici (visto che si è accennato alla politica mettiamo tutto nero su bianco).

In ultimo vorrei fare ancora un appunto a Naufrago e Aquilone, vorreste gentilmente smetterla di dare addosso a Cagliostro?
Che siete pro Pride si è capito, è evidente anche ai muri, ma nessuno vi sta condannando per questo. Si esprimono delle opinioni. Noi abbiamo espresso la nostra, voi la vostra, state buoni se potete e non tacciate Cagliostro di essere irrispettoso.
Se davvero fosse stato irrispettoso non vi avrebbe permesso di scrivere nel topic, invece è aperto al confronto e non offende nessuno, anzi scrive e ribadisce più volte che ognuno è libero di pensare ciò che vuole.
Cosa volete di più?

Avatar utente
Cagliostro
Messaggi: 413
Iscritto il: venerdì 4 febbraio 2011, 23:36

Re: L’orgoglio che ci ucciderà

Messaggio da Cagliostro » domenica 19 giugno 2011, 13:17

naufrago18 ha scritto:mi pare cagliostro che tu non abbia capito. La mia è una presa di posizione netta contro i termini utilizzati nel topic, dal mio punto di vista lontani anni luce dalla moderazione. I toni alti sono stati i tuoi, poichè stai rispondendo sul personale e senza argomentazioni.
La tua presa di posizione è chiara come il giorno, io non ho adoperato toni alti, ho espresso il mio pensiero esattamente come hai fatto tu, non posso rispondere a nome di altri, anche perché non trovandomi nella loro testa non posso conoscere il loro pensiero.
invece da parte tua, mettere in luce il fatto che ho pubblicato link con le dichiarazioni dei ministri andando quindi contro le regole del forum mi pare una mossa antidemocratica perchè mi toglierebbe la possibilità di contrabbattere come io preferisco.
non è una mossa antidemocratica ma significa attenersi e rispettare il regolamento del Forum
Solo due cose sono infinite: l'universo e la stupidità umana e non sono sicuro della prima
Albert Einstein


Chi semina raccoglie,
ma chi raccoglie si china...
...e a quel punto è un attimo...

Rispondi