Crea sito
 
Oggi è lunedì 20 novembre 2017, 8:06

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




 Pagina 1 di 2 [ 19 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: OMOSESSUALITA’ E SPORT
MessaggioInviato: domenica 1 luglio 2012, 14:35 
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: sabato 9 maggio 2009, 22:05
Messaggi: 5112
Ciao Project,
quanto chiasso si è fatto per le dichiarazioni di Cassano sugli omosessuali! Però quelle dichiarazioni rappresentano la realtà del mondo dello sport molto meglio dei discorsi apertissimi di tanti illustri personaggi gay che parlano di omofobia come di una cosa eccezionale. Ti racconto la mia storia, io sono un calciatore, niente campioni, solo un calciatore non ti dico nemmeno a che livello gioco, non è bassissimo e qualche soddisfazione me la dà anche economica, d’altra parte ho sempre cercato di darmi da fare, anche da dilettante, nella speranza di poter fare il grande salto che è un po’ il sogno di tutti i ragazzi, un saltino l’ho fatto, sono ancora giovane e continuerò a impegnarmi salvo poi a ritrovarmi tra qualche anno con un pugno di mosche ad aver buttato via gli anni migliori della mia vita correndo appresso a un pallone e a tanti sogni. Project, tanto per farti entrare un po’ in atmosfera, per mandarti questa mail ho creato un indirizzo di posta temporaneo di quelli che dopo l’invio si distruggono, così non lascio tracce di nessun genere. Lo so che tu non metteresti mai in crisi nessuno ma io non tollererei nemmeno l’ombra dell’idea di poter essere messo in mezzo per questa mia mail, non è una mancanza di fiducia ma è che io sono proprio fatto così e mi fido solo di me stesso. Quando andavo ancora a scuola, appena finite le lezioni prendevo il treno e me ne andavo agli allenamenti, mai una pizza con gli amici, ma una vacanza, dieta stretta e esercizio fisico fino a non sentirmi più i piedi. Ero gay anche allora, è ovvio, ma cercavo di non pensarci, non mi vergognavo di essere gay ma percepivo che come gay non avrei fatto un passo avanti. Sono passati alcuni anni, io sono passato a una squadra calcisticamente non male, poco dopo è arrivato in squadra un ragazzo che non conoscevo, non so perché ma mi è stato subito simpatico. Nel nostro ambiente, anche se sembra strano, non si parla quasi mai di ragazze, c’è molto lavoro tecnico e l’ambiente è esclusivamente maschile e non pettegolo, anzi siccome sono tutti ragazzi che sperano di fare strada e di farsi notare sono tutti estremamente controllati e attenti a non dire sciocchezze. L’allenatore ha sempre ragione e la subordinazione è la regola, se non dici sissignore ti steccano, proprio ti tagliano le gambe. Se chiedi a uno di noi che cosa pensa della squadra ti risponde da manuale, ti dice quello che si deve dire e non fa trapelare per nessun motivo quello che pensa veramente, che qui non interessa a nessuno. Abbiamo anche lo psicologo della società la cui unica preoccupazione non è se stiamo bene o male ma solo che sappiamo rispondere in tutte le situazioni secondo il manuale delle giovani marmotte, cioè delle giovani promesse del calcio. Ci ha pure dato una specie di manualetto delle risposte standard da ripetere, possibilmente fingendo la massima spontaneità, in ogni situazione. Proprio la programmazione del robot per evitare che dica scemenze. L’accento è sempre sul fatto che la nostra vita privata deve rimanere fuori dei cancelli della società, perché in squadra conta solo il gioco e solo come salire in classifica. In pratica tra i tanti argomenti dei quali secondo il manuale dello psicologo non si parla, il sesso è il primo della lista, poi c’è la politica. Il ragazzo nuovo arrivato non era molto abituato alle ipocrisie del nostro ambiente di club e si comportava come se stesse in un gruppo di amici, cosa molto pericolosa, cioè rideva, scherzava, tutte cose che ci hanno insegnato essere segno di poca professionalità. Il ragazzo nuovo si trovava molto bene in particolare con uno di noi, ma, ti dico, una semplice simpatia, credo proprio che nessuno ci avesse fatto caso salvo io, perché il ragazzo nuovo mi piaceva parecchio. Tra l’altro era anche bravo a giocare e delle prospettive vere poteva averle. Il mister lo aveva notato e lo teneva sotto pressione. Ho letto spesso della paura che i ragazzi gay possono avere di andare in erezione nello spogliatoio o sotto la doccia ma devo dire che magari una paura del genere ce la può avere un ragazzo che va in palestra o gioca con una squadra di amici, ma per uno che gioca al mio livello queste cose non esistono proprio, noi siamo ossessionati dalla professionalità e stiamo costantemente sotto l’occhio del mister e il condizionamento è così forte che avere reazioni sessuali è assolutamente impossibile anche per un gay. Lo spogliatoio per me, ormai da anni, non ha assolutamente nessuna valenza sessuale, farsi sorprendere poi a osservare un compagno di squadra nello spogliatoio sarebbe un errore imperdonabile. Qui lo psicologo ci dice tutto quello che dobbiamo fare o non fare con le ragazze quando ci sono le partire, e che tutti sono etero è dato assolutamente per scontato, che ci siano ragazzi gay in squadra è pure possibile ma certamente nessuno si metterebbe a rischio di giocarsi la carriera per una cosa del genere. A fine campionato pensavo che il ragazzo nuovo sarebbe rimasto in squadra o che addirittura avrebbe potuto aspirare a qualcosa di meglio, invece lo hanno ceduto ad una società di nessun prestigio. Ho notato che nessuno, dico nessuno, ha fatto commenti, qui, d’altra, parte le decisioni della società sono come la volontà di Dio, si accettano e basta. O meglio se si possono fare pressioni si fanno eccome ma di nascosto e tramite amici potenti e la faccia in pubblico si salva sempre. Francamente c’era qualcosa che non mi tornava nell’allontanamento di quel ragazzo ma secondo le regole non scritte della squadra le consegne erano: zitto e pensa solo ai fatti tuoi! Comunque mi ero messo in mente di capire che cosa ci potesse stare sotto, ai miei compagni non lo potevo chiedere, al mister ancora meno, l’unica strada percorribile era chiederlo direttamente all’interessato. Per telefono no, bisognava parlarci direttamente, e poi quel ragazzo, come ho già detto, non mi era indifferente e il fatto che avesse fatto comunella con quell’altro ragazzo della mia squadra mi aveva dato fastidio anche se mi ero guardato bene dal darne anche il minimo segno. Un giorno, dopo averci pensato mille volte e avere programmato tutto nei minimi dettagli, ho fatto una mossa che poteva essere rischiosissima ma che per fortuna nessuno ha notato. Quando non avevo partita sono andato a vedere giocare il ragazzo che aveva cambiato squadra. Può essere pericoloso perché ci sono anche i fotografi, sono fotografi di giornaletti di provincia ma ci sono e magari c’è il rischio di finire sul giornale e qualcuno che ti conosce pensa: e questo che ci faceva li? Insomma, dopo aver fatto un piano di battaglia degno della FBI, vado a vederlo giocare, lo aspetto dopo la partita, quando mi vede mi sorride e ne resto molto colpito, gli chiedo se gli va una pizza, si vede che è contento. Ce ne andiamo in macchina in un paese vicino, ci mangiamo una pizza e niente birra, come vuole il nostro codice, e poi ce ne andiamo in macchina a parlare, mi chiede perché ero andato a vederlo giocare e gli dico che il fatto che lo avessero ceduto così alla chetichella non mi tornava, qui lui è stato molto in imbarazzo, poi mi ha chiesto se si poteva fidare veramente di me e gli ho risposto che se avevo fatto tanti chilometri per vederlo giocare un motivo serio ci doveva essere, ed è stato lì che mi ha detto che era gay, era talmente in imbarazzo che gli ho dovuto dire subito che ero gay anche io e ha sgranato tanto d’occhi perché proprio non se lo aspettava, poi mi ha raccontato del ragazzo della mia squadra di cui si fidava tanto e in pratica mi ha detto che aveva detto a quel ragazzo che era gay e che lui sospettava che quel ragazzo lo avesse detto al mister. Ha detto che non aveva prove ma che, dopo, il comportamento di quel ragazzo era cambiato, era diventato sfuggente. Io dovevo tornare a casa e stavo a parecchi chilometri di distanza e anche lui doveva tornare nella stanza dove viveva. Ci siamo salutati con un abbraccio strettissimo, poi lui mi ha detto con un certo timore. Ci rivediamo? Gli ho detto: Certamente! E ci siamo scambiati i cellulari ma li abbiamo registrati sotto nomi diversi dai nomi veri. Poi sono tornato a casa. La sera che ci siamo dichiarati non ci siamo nemmeno toccati, nemmeno presi per mano. L’indomani sono tornato in squadra ma per me la vita era cambiata e penso fosse lo stesso anche per lui. Adesso non avevo solo la prospettiva di crescere calcisticamente ma avevo un ragazzo a cui pensare ed era una ragazzo che non solo mi piaceva ma che rispettavo e apprezzavo umanamente moltissimo. Un ragazzo qualsiasi quando ha un ragazzo è libero di vederlo quando vuole, o almeno di vederlo spesso, per me non era così, le possibilità di vederci erano minime, in pratica potevamo vederci solo a natale, a pasqua e nei periodi in cui non c’erano allenamenti né per me né per lui. Già dipendere dal calendario di una società sportiva è difficile ma limitarsi ai tempi liberi comuni a due società sportive era proibitivo. Tra l’altro per i periodi di allenamento in cui si stava insieme con la squadra non potevamo nemmeno sentirci per telefono perché poteva essere rischioso. Ci vedevano molto raramente ma quando succedeva era per due giorni e ci vedevamo, per così dire, in campo neutro, né nella città della mia quadra né nella città della sua, avevamo sempre paura che qualcuno in albergo ci potesse riconoscere e sarebbe stato un disastro, ma non è mai successo, evidentemente siamo giocatori piccoli piccoli! Eravamo felici di stare insieme, soprattutto di poterci abbracciare di poterci addormentare uno nella braccia dell’altro, c’era anche sesso, è ovvio, ma era una cosa molto dolce, molto bella, proprio una forma di intimità, di sentire che anche se avessimo avuto il mondo contro noi saremmo rimasti insieme. Project, la storia finisce qui, cioè continua, o meglio continuerà, lo spero tanto, sono quasi due anni che stiamo insieme, non lo sa nessuno anche perché sono cose nostre e nessuno ci deve mettere il naso. Ti voglio dire però che da quando sto con questo ragazzo le regole della squadra, il conformismo, l’ipocrisia, non mi pesano più, adesso ho il mio mondo che è quello che conta e anche della carriera calcistica, tutto sommato, non me importa gran che, alla fine un posto per fare l’allenatore di una squadretta e per sbarcare il lunario penso che lo troverei comunque. Io non sono Prandelli, mi basta poco perché adesso la mia vita non è più nel calcio, ma voglio dire un’altra cosa, sia io che lui ci siamo formati nel mondo del calcio e già ad un certo livello, ne abbiamo patite parecchie ma quell’ambiente ci ha anche formato, non solo calcisticamente ma anche moralmente, ci ha insegnato che nessuno ti regala niente e che la tua felicità te la devi costruire lottando giorno per giorno. Io spero che il mio ragazzo abbia la possibilità di farsi notare perché è un bravissimo calciatore, molto migliore di me e sarei felice di fare qualsiasi cosa per favorire il suo sogno.



_________________
BLOG PROGETTO GAY http://progettogay.myblog.it/
BLOG STORIE GAY http://nonsologay.blogspot.com/
SITO PROGETTO GAY https://sites.google.com/site/progettogay/
STORIE GAY E NON SOLO https://gayproject.wordpress.com/
Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: OMOSESSUALITA’ E SPORT
MessaggioInviato: domenica 1 luglio 2012, 18:49 
Avatar utente

Iscritto il: venerdì 9 marzo 2012, 1:47
Messaggi: 104
Quando leggo certe storie vengo totalmente coinvolto .... potessero durare in eterno e impedirmi di pensare alla mia di vita, ne sarei immensamente felice.
Volevo lasciarmi andare ma mi sono trattenuto, pensare a quel momento, al momento in cui si sono veramente conosciuti mi ha "letalmente" colpito ... vorrei sentirmi come lui. Amore che spazza via ogni cosa.
Benedetto il giorno in cui hai osato liberarti dalle catene.

Tanti giorni a voi

Francesco


Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: OMOSESSUALITA’ E SPORT
MessaggioInviato: domenica 1 luglio 2012, 19:04 

Iscritto il: domenica 24 giugno 2012, 22:49
Messaggi: 42
Che storia fantastica.
Vorrei quotare tutto il commento Francesco, ma lo ringrazio semplicemente per le sue parole.
Voglio sentirmi libero, voglio amare, ancora.

IN


Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: OMOSESSUALITA’ E SPORT
MessaggioInviato: lunedì 2 luglio 2012, 0:31 
Avatar utente

Iscritto il: domenica 10 luglio 2011, 20:09
Messaggi: 156
Ciao spero che nonostante tu non sia registrato al forum, possa avere la possibilità di rileggere questo post e le relative risposte!
Anche io in parte ho fatto il tuo percorso! Anche se il mio sogno si è distrutto ben presto per motivo che non sto a dire...
Effettivamente la vita di un calciatore semi professionista è estremamente sacrificata! E basta un niente per buttare tutto alle ortiche !!
Il solo fatto di sapere che si ha un altra persona su cui contare, anche se ci si vede poco, è importante a livello psicologico!aiuta ad affrontare meglio quelle che sono le enormi pressioni al quale si è sottoposti ogni giorno!!
Ragazzi non posso che augurarvi di riuscire a continuare la vostra amicizia e allo stesso tempo inseguire il vostro sogno!!!
Saluti alessandroNa



_________________
Non ho il diritto di giudicare o condannare nessuno! Non ho il tempo, né la voglia, né la personalità, per mettermi a pianificare vendette! Mi vendico già continuando ad essere me stesso, sempre, comunque, in ogni modo, e in ogni caso.
Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: OMOSESSUALITA’ E SPORT
MessaggioInviato: martedì 3 luglio 2012, 20:36 
Avatar utente

Iscritto il: martedì 24 agosto 2010, 19:37
Messaggi: 430
Storia stupenda,credo una delle più belle che io abbia mai letto su questo forum.
D'altro canto questa mail mostra ancora una volta l'ipocrisia che pullula proprio come i gay nel mondo dello sport in generale,non solo nel calcio!
Auguri ragazzi per una vita felice,uno accanto all'altro! :)


Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: OMOSESSUALITA’ E SPORT
MessaggioInviato: martedì 3 luglio 2012, 21:26 
Avatar utente

Iscritto il: domenica 1 luglio 2012, 0:16
Messaggi: 137
Che vergogna il maschilismo che scorre nell'ambiente calcistico forse come in nessun altro sport insieme al football...
E' una storia bellissima e i due ragazzi sono davvero determinati, stanno riuscendo a sacrificarsi pienamente per la loro passione lavorativa ma anche costruire piano piano una storia, spero che in futuro qualcosa possa favorire la frequenza dei vostri incontri di più... continuate così :)



_________________
Don't make me sad
Don't make me cry
Sometimes Love is not enough when the road gets tough
I don't know why
Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: OMOSESSUALITA’ E SPORT
MessaggioInviato: mercoledì 4 luglio 2012, 23:49 

Iscritto il: giovedì 7 luglio 2011, 22:56
Messaggi: 385
Una storia da film! Con -quasi- lieto fine.
Davvero un bel documento sulla vita di un giovane sportivo omosessuale e in generale di un calciatore professionista.
Vivere una storia liberamente è ancora un taboo per tanti. A volte, abituato come sono a non farmi più troppi problemi, dimentico cosa significhi avere un segreto da custodire con fatica. Rendersi conto di come sia ancora la realtà del giorno d'oggi mette una tristezza da far venire le lacrime agli occhi .
Ti auguro ogni bene per il futuro.


Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: OMOSESSUALITA’ E SPORT
MessaggioInviato: martedì 10 luglio 2012, 9:11 

Iscritto il: venerdì 7 maggio 2010, 10:57
Messaggi: 84
non voglio fare la persona controcorrente ma in questa storia io trovo solo tanta tristezza... capisco la passione per il calcio di Francesco, però sacrificare se stesso per qualcosa che in sostanza ti denigra ogni giorno, lo trovo immondo!!! Vivere nascondendo una storia può anche starci, ma vivere in un ambiente in cui si è considerati dei perverititi non lo capisco. Tutto questo coraggio nell'amore proibito tra questi due ragazzi non lo vedo, sarò cinico ma da quanto ho capito alla fine sono giocatori di serie inferiori che per poter vivere devo lavorare anche nella vita reale, a questo punto mi dico, abbandonare il calcio "professionista" ma continuando a praticarlo tra amici e vivere con tranquillità se stessi non sarebbe meglio? a me queste storie fanno solo rabbia!!!


Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: OMOSESSUALITA’ E SPORT
MessaggioInviato: giovedì 12 luglio 2012, 16:20 
Avatar utente

Iscritto il: venerdì 9 luglio 2010, 0:27
Messaggi: 278
Personalmente vivo la mia sessualità in maniera molto discreta e celata, ma qui mi sembra che si vada oltre oltre oltre....
Tralasciando il fatto che da quello che dici presumo giochi in Afghanistan :roll: , e tralasciando l'arrivare ad utilizzare un indirizzo mail 'kamikaze' (che esagerazione!).... leggo di problemi ad andare a vedere una partita, salvare il contatto telefonico sotto falso nome, rischi nel sentirsi telefonicamente, vedersi ogni morte di papà, avere il mondo contro.... Oltretutto mi dà anche tanto l'idea di due che stanno insieme perché soltanto tra di loro (stili di vita simili) tali ingranaggi potrebbero trovare il giusto incastro.... C'è chi vede ciò come un aspetto positivo dell'omosessualità, io per niente.
Non so, a me questa storia mette una grande tristezza, contenti voi.... manco professionisti siete!! boh!
Ci vuole cautela, per carità, ma farsi schiacciare dal mondo -in quanto gay- al giorno d'oggi è paradossale (ndr considerazione generale, solo in parte relativa alla mail)


Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: OMOSESSUALITA’ E SPORT
MessaggioInviato: giovedì 12 luglio 2012, 18:35 

Iscritto il: giovedì 7 luglio 2011, 22:56
Messaggi: 385
Non c'è dubbio che quello che sembra un lieto fine non lo sia affatto. In casi del genere, si corre il serio rischio di accontentarsi perchè non è possibile cercare l'amore altrove; purtroppo la carriera in quel ramo è davvero dura; se anche non sfondasse come calciatore ma finisse a fare l'allenatore non avrebbe vita facile, da gay dichiarato.
Poi, magari non è detto; ogni tanto si leggono storie di tutt'altro tenore; non ricordo se su questo o su di un altro forum ho letto la storia di un ragazzo rugbysta che è stato difeso dall'intera squadra, quando ha ricevuto insulti omofobi da parte degli avversari, però può essere un'eccezione, piuttosto che la regola.


Non connesso
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
 Pagina 1 di 2 [ 19 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

phpBB skin developed by: John Olson
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group


Creare forum
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010