Gay e ancora vergine

Approccio dei ragazzi gay verso la sessualità
Avatar utente
alaskan83
Messaggi: 13
Iscritto il: lunedì 18 marzo 2013, 0:17

Re: Sono ancora vergine

Messaggioda alaskan83 » mercoledì 27 marzo 2013, 16:35

caro pompeo, credo di avvicinarmi un po' alla tua situazione! più che la paura del dolore fisico, ho il terrore del dolore emotivo. il mio primo approccio col sesso l'ho avuto a 13/14 anni con un amico (ovviamente etero) che si è lasciato masturbare tranquillamente. a quell'età si è in piena fase di esplorazione sessuale e la situazione era moooolto confusa, ma io avevo le idee troppo chiare! ovviamente dopo questa pseudo esperienza, sono stato proprio messo sulla croce e trafitto, visto che questa simpatica personcina ha approfittato x marchiarmi a fuoco! da qui in poi mi sono completamente bloccato, anche se un'altra occasione l'ho avuta a distanza di anni, ma la paura ti fa scappare se non la analizzi nella giusta maniera. ora, forse per l'età, forse per un'esperienza di vita un po' più ricca rispetto a quando avevo 15/20 anni, il sesso non lo vedo più come una cosa obbligatoria da compiere per forza entro un'età precisa. l'amore è ampio e ha mille forme, ma lo si impara col tempo! quando si è ragazzini prevale l'istinto. dopo anni di completa chiusura, ora credo di essere arrivato a non temere più il fatto che qualcosa possa andare male, soprattutto in campo affettivo. il fallimento fa soffrire da maledetti, ma aiuta a migliorare.

Avatar utente
Wolf
Messaggi: 63
Iscritto il: sabato 30 marzo 2013, 18:39

Re: Sono ancora vergine

Messaggioda Wolf » giovedì 4 aprile 2013, 17:52

Ciao Pompeo... il tuo messaggio mi ha fatto mancare l'aria per un attimo sai?
Probabilmente perchè mi travolge la sensazione di impotenza che provo anch'io tutte le volte.
Perchè succede questo? Mi sento come bloccato.. Vorrei tanto farlo, ma forse è che non si è presentata la persona giusta..con la delicatezza giusta. Non riesco a buttarmi in qualcosa perchè sono terrorizzato sia di non essere all'altezza delle aspettative sessuali, sia dal fatto di innamorarmi ed essere completamente ignorato.
Ho paura che dopo una notte di sesso, il telefono non squilli...
Io mi sento davvero vivo, soltanto quando muoio..ma nonostante ciò cerco ancora di autotutelarmi! Non so dove mi porterà tutto questo. Forse alla pazzia.
Mi associo alla richiesta d'aiuto..
Puoi addomesticare i cani col cibo, gli uomini con il denaro, ma i Lupi non li addomestica nessuno...

Avatar utente
LuvSeeker
Messaggi: 161
Iscritto il: venerdì 14 giugno 2013, 12:59

Re: Sono ancora vergine

Messaggioda LuvSeeker » sabato 15 giugno 2013, 19:13

Ciao Pompeo! :)
Non so se bazzichi ancora sul forum perché il tuo post è un tantino vecchio ma comunque ho voglia di risponderti brevemente visto che il tuo "problema" si è riscontrato anche in altri utenti.
Molto semplicemente ti dico che condivido quello che ti ha scritto Project. Se vivi il sesso come una cosa a sé stante dalla sfera affettiva è chiaro che potresti sentirti inadatto o incapace. Quando sei con una persona a cui tieni davvero tutto vien da sé in modo totalmente spontaneo e naturale, e il tuo partner non ci penserà nemmeno a giudicare la tua prestazione sessuale.
Per quanto riguarda il dolore fisico, se giochi in "difesa" anziché in "attacco" puoi sempre fare ricorso a lubrificanti e simili per attenuare l'attrito al minimo e preparare al meglio il tuo corpo al rapporto. Poi se il ragazzo con cui lo fai ti piace sul serio stai sicuro che il "dolore" si trasforma in totale piacere (il retto nel maschio è una zona erogena in quanto ventralmente ad esso è presente la prostata con le sue terminazioni nervose. Se sfiorata durante la penetrazione può farti avere un orgasmo più intenso del solito, difatti anche alcuni etero si divertono a giocare con il proprio didietro).
Spero di averti tolto qualche dubbio. :)
Living life one mistake at a time. ~

Avatar utente
Barragan
Messaggi: 49
Iscritto il: sabato 11 agosto 2012, 15:34

Re: Sono ancora vergine

Messaggioda Barragan » martedì 31 dicembre 2013, 13:27

Presente.

Il problema è che più si va avanti più ci si sente inadeguati e si innesca un brutto circolo di disagio.

Ci sn periodi in cui non mi interessa questa condizione, altri in cui torna a bomba e mi fa sentire triste. In tutto ciò non sono neanche capace di approcciare un ragazzo.

Questo è uno dei periodi no.

Ken
Messaggi: 69
Iscritto il: sabato 28 febbraio 2015, 14:07

Re: Gay e ancora vergine

Messaggioda Ken » martedì 14 aprile 2015, 9:25

Mah, pugsley, più che paura del sesso, la tua è la paura di una relazione, che da come dici tu, sembra che ti aspetti qualche persona che non ti voglia bene. E' normale, succede quando ancora non ci si accetta bene, quando si ha paura di noi stessi, quando ci sentiamo ancora sbagliati, per una serie di motivi provenienti dall'educazione, molto inbitoria che ci hanno impartito. Il sesso fine a se stesso, in realtà, non è il problema di nessuno, perchè, tutti potremmo fare esclusivamente quello, se poi non scatterebbero dinamiche affettive. Io per esempio, se vedo qualcuno che mi piace, e dovessi farci del sesso, cercherei qualcosa di più del sesso, mi pare ovvio, visto che sessualità ed affettività, fanno parte tutte di un unico programma esistenziale. Il problema è nel nostro cuore, non nelle nostre parti intime!

Tobia
Messaggi: 4
Iscritto il: lunedì 19 giugno 2017, 9:58

Re: Gay e ancora vergine

Messaggioda Tobia » martedì 20 giugno 2017, 1:50

Mi hanno invitato a parlare in un circolo qualche mese fa e mentre parlavo a braccio mi è venuto, al posto del termine affettività in btermine intimità.

Tutti abbiamo bisogno di intimità che è il contatto di ci "si prende cura di" nella sua totalità
Questo tipo di relazione è così fondamentale per la vita umana perchè nasce nell'utero materno ed in perfetta continuità continua dopo come un bisogno talmente essenziale che mancando puuò portare alla marte il bambino (ed a tanta sofferemza o a difendersi diventando di ghiaccio, chi bambino non è più.
Cosa c'entra il sesso. C'entra perchè nel nostro parlar comune è "intimo" Infatti talvolta possiamo essere pienamente appagati da un prolungato abbraccio o al massimo accarezzandoci i genitali (sono infatti zone "intime") senza bisogno di altro. L'importante è instaurare rapporti dove "ci si prende cura" (e scusatemi Socrate, lo butto giù perchè mi viene non per fare il saputo) e di solito chi si prende cura è già ad un buon passo verso l'amore se non ci è già arrivato. :roll:


Torna a “GAY E SESSO”



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti