FRUSTRAZIONE E RABBIA DI UN GAY CHE SI FIDAVA

La difficoltà di uscire allo scoperto
Rispondi
Avatar utente
progettogayforum
Amministratore
Messaggi: 5450
Iscritto il: sabato 9 maggio 2009, 22:05

FRUSTRAZIONE E RABBIA DI UN GAY CHE SI FIDAVA

Messaggio da progettogayforum » venerdì 15 maggio 2009, 16:57

admin ha scritto:Ciao Project,
sono incazzato nero e ti scrivo perché mi devo sfogare. Fino a poche ore fa ero innamoratissimo di un ragazzo, adesso lo odio. Si è comportato con me come un verme. Ho 19 anni come lui, gli ho fatto la corte per un anno, in modo prudente perché non mi volevo sputtanare pubblicamente. Lui mi trattava bene, si tratteneva a parlare con me anche con un minimo di intimità, cioè noi soli a parlare in macchina e mi piaceva tantissimo. Sai, una cosa intima che ti vengono proprio delle reazioni sessuali fortissime, quello mi succedeva ma era una cosa che mi faceva stare bene. Lui non se n’è mai accorto, parlava con me con una voce così morbida che certe volte facevo fatica per non saltagli addosso. Ma non aveva capito niente, almeno fino a un mese fa non aveva capito niente. Poi io mi sono messo in testa di fare un discorso un po’ più chiaro per vedere come avrebbe reagito e mi sono fatto scappare apposta delle espressioni un po’ ambigue, poi in pratica sono arrivato a dirgli che gli volevo bene, ma lui non ha capito nulla. Oggi gli è venuto il lampo di genio, siamo usciti nel primo pomeriggio e mi ha messo alle strette, io pensavo che lo volesse sapere da me perché era interessato, una specie di conferma perché lo aveva già capito, perché l’avrebbe capito pure un deficiente ma il motivo non era quello, non lo aveva capito e ha cercato di sentirselo dire in modo esplicito e io sono stato così stupido da dirglielo. Mi ha detto che lo avevo imbrogliato, che ero stato disonesto con lui, che lui non ha nulla contro i gay ma che non sopportava di essere preso per il culo da me. Eravamo in macchina, mi ha detto: scendi! E se n’è andato. Ma non basta, sono tornato a casa e un amico comune mi ha chiamato e mi ha detto: ma che hai detto a Federico? Quello ti sta sputtanando con mezzo mondo, dice che non solo sei frocio ma pure imbroglione e che ti volevi approfittare di lui. Io a Federico avrei proprio spaccato la faccia. Adesso lo sanno tutti i miei compagni e io martedì devo tornare a scuola, ma come faccio ad andarci? Non ce l’ho nemmeno con lui ma solo con me stesso, mi sono fidato di un coione e adesso mi trovo nella merda fino al collo anche perché mio cugino sta nella mia stessa scuola e fa il quarto e la cosa prima o poi, ma penso già martedì, gliela diranno eccome proprio perché sanno che è mio cugino e lui lo racconterà a casa perché è il cocco dei mie genitori e io sarò fregato su tutta la linea. Ho messo dieci password al computer in modo che nessuno ci possa mettere il naso. Accidenti a me! Sono stato sempre attentissimo e poi alla fine mi sono fatto fregare come uno stronzo. Adesso non so nemmeno perché ti racconto tutta questa storia perché tanto non ci puoi fare nulla, ma ti giuro che se mi capitasse Federico a tiro gli spaccherei la faccia. Brutto pezzo di m.!
Della mail fanne quello che vuoi, il nome l’ho già cambiato ma i fatti sono quelli. Non sai quanto ci sto masticando acido.
Ciao Project, un coione ti saluta.

blueyes
Messaggi: 52
Iscritto il: giovedì 28 maggio 2009, 18:05

Re: FRUSTRAZIONE E RABBIA DI UN GAY CHE SI FIDAVA

Messaggio da blueyes » martedì 2 giugno 2009, 18:47

Che storia triste.....
Mi dispiace proprio per questo ragazzo.....
Ma effettivamente se l'ha detto a questo ragazzo significa che si fidava.....
La cosa che mi fa più incavolare è che una cosa così possa diventare occasione di presa in giro ecc ecc.... cioè ma veramente viviamo in una società di m*..
Spero che si sia cmq risolto tutto.....
Penso che sia d'insegnamento a tutti sul fatto di essere prudenti e ora capisco perchè project insiste tanto su questo punto..
Blueyes

"Nella vita nulla avviene né come si teme né come si spera." (Alphonse Karr)

Jek70
Utenti Storici
Messaggi: 518
Iscritto il: venerdì 15 maggio 2009, 19:41

Re: FRUSTRAZIONE E RABBIA DI UN GAY CHE SI FIDAVA

Messaggio da Jek70 » martedì 2 giugno 2009, 22:33

Quel che fatto è fatto, non devi abbatterti. Vai a testa alta e non vergognarti di nulla. Tu non hai fatto nulla di male, le difficoltà forse iniziali ci saranno, ma forse meno di quanto a volte si potrebbe pensare. Non sentirti comunque mai inferiore o di categoria B. Se ci saranno delle battutine fregatene o altrimenti ribatti in modo intelligente se ritieni ne valga la pena. Ma comunque vedrai che la cosa andrà a scemare da sola. In fondo tu sei sempre tu e quando vedranno che non è cambiato nulla alla fine la cosa si affievolirà. Come sempre sarà la novità del momento.

Forza e coraggio. Guarda il lato positivo, ora non devi più fare finta o recitare una commedia che non ti appartiene.

Un forte abbraccio e sta su mi raccomando.

*tommy*
Messaggi: 59
Iscritto il: mercoledì 20 maggio 2009, 9:16

Re: FRUSTRAZIONE E RABBIA DI UN GAY CHE SI FIDAVA

Messaggio da *tommy* » mercoledì 3 giugno 2009, 1:19

Questa storia l'ho gia sentita...una storia di delusione. Forse l'autore non è la prima volta che scrive per sfogare il suo risentimento nei confronti del suo indiscreto amico. Mi auguro di cuore che la situazione vada bene ora. Purtroppo, spesso ci si accorge troppo tardi dei falsi amici; e lo dice una persona che troppo spesso pecca d'ingenuità raccontandosi pienamente alle persone di cui si fida. Di amici veri non se ne possono avere molti...delle volte mi chiedo se io ne abbia almeno uno, uno soltanto, del quale io mi possa fidare seriamente. Non penso di sbagliare ritenendo che questo ragazzo, Federico, si sia comportato in modo vergognoso. Non solo per la indelicata reazione che ha avuto alla rivelazione dell'amico che cercava di aprirgli il proprio cuore, ma anche per la sfacciata e irrispettosa indiscrezione. Non deve essre stato facile per l'autore della lettera mantenere i nervi saldi ed affrontare quel martedì mattina...il suo sfogo è comprensibilissimo.

Ferro
Messaggi: 232
Iscritto il: lunedì 1 giugno 2009, 21:34

Re: FRUSTRAZIONE E RABBIA DI UN GAY CHE SI FIDAVA

Messaggio da Ferro » mercoledì 3 giugno 2009, 1:24

Brutta situazione ma credimi non tutti i mali vengono per nuocere......

Penso che sei vicino al diploma quindi ancora un pò di pazienza e farai una bella tabula rasa vedendo chi ti vuole bene davvero.

L'amico tuo è omosessuale anche lui, si sta vendicando perchè tu hai messo a nudo qualche cosa che lui fingeva di non vedere.

guy21
Utenti Storici
Messaggi: 1014
Iscritto il: martedì 19 maggio 2009, 19:33

Re: FRUSTRAZIONE E RABBIA DI UN GAY CHE SI FIDAVA

Messaggio da guy21 » mercoledì 3 giugno 2009, 18:27

ti capisco sai, la tua reazione è più che giustificata, anch'io li avrei spaccato la faccia subito però purtroppo sono cose da evitare.Tu resisti,cerca di dimenticare,vedrai che se non gli darai troppa corda alla fine non se ne parlerà più,lo so come ti senti,tradito da uno che ti fidavi così tanto bene,è successo anche a me non come la tua situazione però essere traditi da un amico per me è una cosa molto grave sopratutto se entrambi vi fidavate uno dall'altro.se rompono digli che non è vero che non possono dimostrarlo,anzi sputtanalo se non hai altra scelta so che sarebbero delle vie da non seguire ma se non vuoi rimanere con le spalle al muro devi inventarti qualcosa,spero di averti dato dei buoni consigli,o non devi seguirli volevo solo consolarti tu hai fatto la cosa che io avrei voluto fare anch'io.ma forse tutti noi vorremmo un amico o amica che sappia il nostro piccolo segreto giusto?
ti saluto ,tieni duro!!

Rispondi