La solitudine adolescenziale

Adolescenza gay, giovinezza gay, gay e scuola, gay e università, ragazzi gay e genitori
Rispondi
Avatar utente
RomeuzBoy
Messaggi: 65
Iscritto il: sabato 3 gennaio 2015, 12:17

La solitudine adolescenziale

Messaggio da RomeuzBoy » martedì 7 aprile 2015, 18:04

Salve a tutti, dopo mesi di invisibilità e di ore passate a leggere le storie degli altri vorrei parlare della mia storia, nel tentativo di trovare conforto o comprensione...
Sono un ragazzo di 16 anni e abito in una grande metropoli, grazie alla quale ho maggiori possibilità sociali ed economiche. Ho "scoperto" di essere gay tramite una relazione online intrattenuta con un ragazzo l'estate scorsa, un ragazzo che si è sempre definito un etero confuso, e per questo motivo non ho mai avuto a che fare con quello che è chiamato 'mondo gay' o 'mentalità gay'. Mi accorgo leggendo di essere stato abbastanza fortunato ad aver accettato il mio orientamento sessuale così da giovane, quando c'è gente che a 40 anni ancora sfortunatamente è alla ricerca di se stesso.
Ebbene, il vero fulcro del mio malessere è che mi sento orribilmente, tremendamente SOLO. Mentre tutti gli altri miei coetanei conoscono l'amore, si innamorano, hanno le prime esperienze, provano emozioni bellissime, io me ne sto qui, solo. Solo in che senso? Sento un disperato bisogno di avere una persona accanto a me, una persona da amare e da rispettare: fin da quando sono stato piccolo ho sempre avuto una forte necessità di amore, ho provato varie volte con svariate ragazze, ma naturalmente non sono mai riuscito a trovare nulla. Adesso mi ritrovo invece a dirmi: "Ok, sono gay. Che faccio?". Anche perchè alla mia età è difficile trovare altri coetanei che possano essere come me, molti non lo sanno ancora, molti si nascondono (come me d'altronde) e quindi sembra che l'unica medicina sia aspettare, si parla di anni... Pensate che negli ultimi tempi ho addirittura provato ad andare su una chat di incontri ma dopo poco tempo sono stato costretto ad andarmene, schifato da comportamenti di certa gente senza rispetto. Oltretutto sento anche un grande bisogno di sfogarmi con qualcuno che mi possa capire, e per questo sono stato anche fortunato nel trovare questo magnifico Forum, per poter raccontare i miei disagi, le mie curiosità e le mie domande dovute a questa nuova sessualità che da poco mi ritrovo ad affrontare e di cui ancora so veramente poco.
Scusatemi se ci possono essere nel testo alcuni errori di ortografia ma sono davvero di fretta e ho scritto tutto di getto, senza soffermarmici sopra troppo.

Avatar utente
progettogayforum
Amministratore
Messaggi: 5385
Iscritto il: sabato 9 maggio 2009, 22:05

Re: La solitudine adolescenziale

Messaggio da progettogayforum » giovedì 9 aprile 2015, 1:18

Ciao Romeuz,
beh, il bisogno d’amore è una gran cosa, ma bisogna anche fare i conti con la realtà, hai provato la realtà delle chat di incontri che è squallida, ma anche il mondo gay serio va considerato in modo realistico, voglio dire che nelle relazioni serie tra gay le illusioni e le disillusioni sono tante, al punto che molti gay smettono di cercare di realizzare il loro sogno e restano sigle per scelta, restando comunque disponibili ad ogni eventualità, ma con quel tanto di distacco che permette di non farne una tragedia se le cose poi non vanno come sperato. Dico spesso che il teorema “gay + gay = amore” è tutto da dimostrare, Che l’altro ragazzo sia gay è una condizione necessaria ma certo non sufficiente per poter sperare realisticamente di costruire una relazione di coppia seria, e poi una relazione seria nella realtà è sempre molto più complicata di come uno se la immagina pensando al modello della famiglia del mulino bianco. L’idea della coppia ad ogni costo rischia di portare le persone lontano dalla realtà, penso che sarebbe meglio cominciare da una rete di amicizie con altri ragazzi gay seri con i quali confrontarsi senza ulteriori finalità. Un forum come questo può essere un inizio. In ogni caso la prudenza deve essere massima, prima di tutto per la tutela della propria salute che è il bene più grande di cui disponiamo e poi perché anche le illusioni seguite a breve da delusioni demoralizzano parecchio. Non avere fretta e cerca prima di tutto di pensare al tuo futuro come single cioè a costruire la tua indipendenza: studio, lavoro sicuro e indipendenza economica, che per un ragazzo gay sono fondamentali come l’aria e poi cerca di crearti un gruppo ridotto ma serio di amici gay, perché questo è il primo scudo contro la solitudine.

Avatar utente
RomeuzBoy
Messaggi: 65
Iscritto il: sabato 3 gennaio 2015, 12:17

Re: La solitudine adolescenziale

Messaggio da RomeuzBoy » giovedì 9 aprile 2015, 15:46

Grazie della risposta. Mi dispiace comunque pensare al fatto che sia difficile raggiungere un amore vero di coppia... Come ho già detto infatti io al momento cerco principalmente ragazzi gay come me, con cui confrontarmi e parlare della mia ormai nuova condizione; credo di aver trovato anche il posto idale :)

Ken
Messaggi: 69
Iscritto il: sabato 28 febbraio 2015, 14:07

Re: La solitudine adolescenziale

Messaggio da Ken » venerdì 10 aprile 2015, 17:52

Beh Romeuz, cercare altri gay, non è facile, e come hai ben visto nelle chat di incontri, trovi solo gente affamata. Il sentirsi solo, comunque dovrebbe darti la possibilità di riflettere, e di progettare e costruire la tua vita! Hai 16 anni, sei giovanissimo, non credo che così dall'oggi al domani, tu possa incontrare qualcuno, (posso anche sbagliarmi), ma hai tante cose da conoscere, comprendere. Non avere tutta questa fretta, perchè noi siamo quello che siamo, il mondo è quello che è, l'unica cosa che possiamo fare, è crescere, perchè credimi, nessuno è immune a questa cosa! Sicuramente il fatto che tu abbia accettato la tua sessualità, è solo un bene, ma credimi, farsi accettare, è molto ben più complicato! Quindi mi raccomando, sempre molta attenzione, con chi fai c.o.!

Rispondi