Crea sito
 
Oggi è giovedì 20 settembre 2018, 19:33

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




 Pagina 1 di 1 [ 6 messaggi ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: SEMPRE FIGLI NOSTRI – I VESCOVI USA E L’OMOSESSUALITA’
MessaggioInviato: lunedì 3 settembre 2018, 16:39 
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: sabato 9 maggio 2009, 22:05
Messaggi: 5304
Leggevo sul sito della Conferenza dei Vescovi cattolici degli stati uniti un documento “Always Our Children: A Pastoral Message to Parents of Homosexual Children and Suggestions for Pastoral Ministers” che merita una particolare attenzione. Era mia intenzione tradurre il teso in Italiano e pubblicarlo “con il dovuto commento” sui siti di Progetto Gay, sia in Italiano che in Inglese. Ho tradotto tutto il testo ma ho notato che non posso riprodurlo nemmeno parzialmente perché è coperto da copyright! Il copyright è nato per impedire lo sfruttamento commerciale di una pubblicazione, ma in questo caso specifico, dove non si capisce quale possa essere l’interesse commerciale da difendere, trattandosi di un documento “pastorale”, il copyright ha ovviamente un altro significato, cioè quello di impedire la pubblicazione anche parziale del testo e quindi il suo commento puntuale da parte di “persone non autorizzate”, in sostanza il copyright qui ha solo il senso di una censura. Devo sottolineare che i documenti ufficiali del Vaticano, che sono di ben altra importanza, non sono difesi con espedienti come il copyright e il Vaticano si espone onestamente alle critiche di chiunque, ma la conferenza episcopale degli USA preferisce difendersi con mezzi tipici del diritto commerciale!
Invito non solo i gay ma tutte le persone che hanno una coscienza civile a leggere questo documento (http://www.usccb.org/issues-and-action/ ... ildren.cfm).
Non posso citarne i contenuti per questioni di copyright, mi limiterò quindi a riportare le impressioni che ho avuto durante la lettura del testo.
Noto che il testo è del 1997, in piena epoca di Giovanni Paolo II, anzi di San Giovani Paolo II. I vescovi presentano un approccio non fraterno ma “pastorale” nel senso che non c’è nessuna ricerca in comune della verità ma ci sono i pastori che benevolmente si preoccupano della pecorelle smarrite. La comunicazione è a senso unico, dall’alto al basso, dai vescovi ai fedeli. Il discorso sulla omosessualità è affrontato insistendo molto formalmente sull’accoglienza e il rispetto ma ribadendo l’insegnamento della Chiesa, cioè in sostanza rifiutando radicalmente di aprire gli occhi sulla realtà. Anche Galileo aveva sostenuto che non è il sole a girare intorno alla terra ma la terra a girare intorno al sole e fu condannato dall’Inquisizione sulla base degli insegnamenti della Chiesa, insegnamenti che non avevano nulla di evangelico, come non hanno nulla di evangelico gli insegnamenti della Chiesa sulla Omosessualità. Ho citato centinaia di volte documenti fondamentali su questa materia dell’Organizzazione Mondiale delle Sanità, ma la Chiesa non vuole prendere in considerazione “la realtà”, che non ha niente a che vedere con quello che la Chiesa stessa predica in tema di omosessualità. Sbagliare si può, ma insistere nell’errore evitando ogni forma di confronto vuol dire che l’altro è considerato una realtà di serie B, da compatire, da guidare, una persona che si deve fingere di rispettare senza minimamente cercare di capire quello che pensa, che è considerato sbagliato a priori.
C’è poi un’altra cosa che mi ha molto colpito, il documento è rivolto essenzialmente non ai gay, mai ai genitori di figli gay e coloro che esercitano funzioni pastorali, si dice che il ricorso alle terapie di conversione “non è obbligatorio” e dovrebbe essere accettato volontariamente e anche che non è detto che risolva il problema, ma si consiglia ai genitori cattolici di rivolgersi a specialisti che seguono la dottrina cattolica, e questo è di per se molto significativo.
Per un verso si insiste sul fatto che un figlio gay è comunque un figlio (perché molti cattolici evidentemente erano stati indotti a pensare il contrario!), ma per l’altro si riconosce che un genitore può ben dirsi sconvolto da un evento terribile come accorgersi di avere un figlio gay, si consiglia a quel genitore di rivolgersi alla comunità, alla parrocchia, alla diocesi, alle associazioni di genitori di figli gay, ecc. ecc.. Ma mi sono chiesto se la Chiesa si sia mai resa conto di avere diffuso e di continuare a diffondere messaggi falsi e omofobi che hanno alimentato e continuano ad alimentare l’odio verso i gay. Sul tema del suicidio si dice che l’omosessualità può portare al suicidio ma in realtà non è l’omosessualità che porta al suicidio ma il clima di caccia alle streghe alimentato intorno all’omosessualità da quanti, sotto l’apparenza mite e paterna del pastore, diffondono l’odio. Chi ha orecchio per intendere intenda! Questa era la chiesa di San Giovanni Paolo II ma è stata anche la chiesa di Benedetto XVI e purtroppo è ancora la chiesa di Papa Francesco.



_________________
BLOG PROGETTO GAY http://progettogay.myblog.it/
BLOG STORIE GAY http://nonsologay.blogspot.com/
SITO PROGETTO GAY https://sites.google.com/site/progettogay/
STORIE GAY E NON SOLO https://gayproject.wordpress.com/
Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: SEMPRE FIGLI NOSTRI – I VESCOVI USA E L’OMOSESSUALITA’
MessaggioInviato: lunedì 3 settembre 2018, 19:27 
Avatar utente

Iscritto il: sabato 28 dicembre 2013, 22:27
Messaggi: 995
Vabbè Project il documento risale a più di 20 anni fa ed ancor più significativa mi pare l'assenza /scarsità di articoli successivi dedicati all'argomento. D'altra parte, finché loro non si schiodano dalla concezione esposta dalla De Mari di un sesso ammesso e consentito in funzione esclusivamente procreativa che altro posson fare se non tirar fuori che sei un sub-umano da tollerare in quanto creatura di dio a patto che non trombi?
Su una nota più positiva però questo è e, a mio avviso, sarà sempre più il loro tallone d'Achille perché è una concezione che va a pestare i calli non solo a quel probabile 10% di LGBTQI ecc, ma anche, in misura progressivamente crescente, al rimanente 90%. Anche la guardia pretoriana, alla fine, per essersi attaccata al carro sbagliato, fu sciolta (proprio da Costantino per ironia della sorte) e la stessa identica cosa successe ai giannizzeri del sultano ai tempi della sublime porta.


Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: SEMPRE FIGLI NOSTRI – I VESCOVI USA E L’OMOSESSUALITA’
MessaggioInviato: lunedì 3 settembre 2018, 20:47 
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: sabato 9 maggio 2009, 22:05
Messaggi: 5304
Molto vero e condivisibile. Certo però che è assurdo che sopravvivano ancora, anche se solo in teoria, delle concezioni della morale che erano già archiviate di fatto molti secoli fa. Quello che mi ha sempre stupito e anche un po' rallegrato è che il 99,9% dei cattolici, o meglio di quelli che pensano di esserlo, non segue affatto gli insegnamenti della chiesa, altrimenti le chiese sarebbero vuote, di fatto la gente che dice di credere usa spesso il proprio cervello e segue la propria coscienza. I pastori si sentono sempre più pastori ma le pecore si sentono sempre meno pecore!



_________________
BLOG PROGETTO GAY http://progettogay.myblog.it/
BLOG STORIE GAY http://nonsologay.blogspot.com/
SITO PROGETTO GAY https://sites.google.com/site/progettogay/
STORIE GAY E NON SOLO https://gayproject.wordpress.com/
Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: SEMPRE FIGLI NOSTRI – I VESCOVI USA E L’OMOSESSUALITA’
MessaggioInviato: martedì 4 settembre 2018, 13:29 
Avatar utente

Iscritto il: sabato 28 dicembre 2013, 22:27
Messaggi: 995
Ricordo una sera che Marisa mi disse: "Guardati sempre da quelli che ti fanno la morale. 99 volte su cento si tratta di moralismo di gente che non è minimamente interessata alla tua virtù ma ad un arbitrario dominio su di te". E forse le pecore, più che essere meno pecore, facendo 2+2 dopo un po' si rendono conto che è di molto più facile che al macello le porti il pastore o quelli che strillano "al lupo! Al lupo!" che non il lupo ^_^


Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: SEMPRE FIGLI NOSTRI – I VESCOVI USA E L’OMOSESSUALITA’
MessaggioInviato: martedì 4 settembre 2018, 23:32 
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: sabato 9 maggio 2009, 22:05
Messaggi: 5304
Credo proprio che tu abbia ragione!! :D



_________________
BLOG PROGETTO GAY http://progettogay.myblog.it/
BLOG STORIE GAY http://nonsologay.blogspot.com/
SITO PROGETTO GAY https://sites.google.com/site/progettogay/
STORIE GAY E NON SOLO https://gayproject.wordpress.com/
Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: SEMPRE FIGLI NOSTRI – I VESCOVI USA E L’OMOSESSUALITA’
MessaggioInviato: mercoledì 5 settembre 2018, 8:20 
Avatar utente

Iscritto il: sabato 28 dicembre 2013, 22:27
Messaggi: 995
Sarebbe stata felice di sapere che sei d'accordo project. Certo, a partire da lì fino ad arrivare al problema della ricerca dei fondamenti di una normatività accettabile il passo era breve ed è argomento sul quale neppur oggi mi sento di essere arrivato a riflessioni conclusive. Sempre meglio però arrovellarsi su questo che non arrampicarsi sugli specchi di una teodicea partita col piede sbagliato fin dapprincipio.


Non connesso
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
 Pagina 1 di 1 [ 6 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

phpBB skin developed by: John Olson
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group


Creare forum
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010