Matrimonio omosessuale in chiesa

Il rapporto fra tematiche gay e religiose, nella vita di sempre
Rispondi
pavlosss
Messaggi: 62
Iscritto il: lunedì 6 agosto 2012, 14:23

Matrimonio omosessuale in chiesa

Messaggio da pavlosss » sabato 18 agosto 2012, 16:47

Mi permetto di inserire un nuovo post con un link che ho scoperto da poco.

Si tratta di un rito antico che veniva praticato nelle chiese d'Oriente in cui si univano due persone dello stesso sesso.

Se forse questo rito non prevedeva che i due si unissero sessualmente, tuttavia una società nella quale si consentivano queste unioni di persone dello stesso sesso era evidentemente molto meno omofoba dell'attuale dove non si può neppure pensare remotamente a qualcosa del genere che, in certi ambienti, si stracciano le vesti...

Il link è il seguente:

http://traditioliturgica.blogspot.it/20 ... mento.html

Alyosha
Utenti Storici
Messaggi: 2430
Iscritto il: mercoledì 20 ottobre 2010, 0:41

Re: Matrimonio omosessuale in chiesa

Messaggio da Alyosha » sabato 18 agosto 2012, 21:11

Caro pavlosss prima di fare una brevissima osservazione su quanto scrivi mi premeva dirti che ci sono già allo stato attuale aperte almeno tre discussioni sul tema della religione e dell'omosessualità, mi chiedo se non è il caso di accorpare questa osservarzione all'altra discussione che parlava già di religione orientale e quant'altro.
Mi chiedevo inoltre, visto che è decaduto il divieto di parlare di religione se non è il caso di fare una sessione apposita "omosessualità e religione" spiegando ben benino che lo spazio sarebbe riservato a tutti i credenti omosessuali che voglio o parlare di religione in generale o confrontare il loro personalissimo modo di conciliare fede e omosessualità o infine i loro problemi. Mantenendosi fedeli allo spirito del forum che vuole un approccio fenomenologico all'omosessualità, ovvero che parta dalle esperienze dirette edei singoli e dai loro vissuti e non da astratti teoremi, la sessione dovrebbe essere moderata da un credente, aperto di veduto e disposto ad ascoltare le obiezioni (ancorché educate e fuori da ogni polemica) di chi non crede. Qualcuno in mente ce l'avrei proprio, ma prima di lanciare candidature inutili, c'è da caprie se la proposta ha un senso. Sarebbe uno spazio aperto a tutti, ovviamente, ma riservato innanzitutto ai credenti, perché il problema è ovvio si pone solo per un credente. Si può provare a vedere come va. Chi entrerebbe nelle discussioni solo per offendere insomma potrebbe tranquillamente essere messo da parte.
Detto ciò: L'idea del matrimonio con una coppia omosessuale cozza se non altro cozza nei termini. Il matrimonio ha come perno la procreazione e la parola evidentemente rimanda alla maternità. Da omosessuale non vorrei accedere al sacramento del matrimonio, perché è una cosa che non mi riguarda. Probabilmente vorrei che la mia unione fosse benedetta in altro modo. E probabilmente sempre il rituale cui fai rifermemento guardava a qualcosa del genere. La mia opinione personale sul matrimonio è delle peggiori per essere sintetico è una formula per legare due persone desueta e inconciliabile con le attuali organizzazioni sociale, ma mi riserbo dal proseguire con ulteriori argomentazioni perché credo che il discorso andrebbe proprio altrove.

Avatar utente
progettogayforum
Amministratore
Messaggi: 5675
Iscritto il: sabato 9 maggio 2009, 22:05

Re: Matrimonio omosessuale in chiesa

Messaggio da progettogayforum » sabato 18 agosto 2012, 21:56

Riporto qui di seguito un articolo molto importante
“Rapporto 2010 sulle religioni e l'omofobia”, curato dall'associazione francese “Sos Homophobie”.
http://www.cdbchieri.it/rassegna_stampa ... _padre.htm

Tutti i rapporti annuali sulla omofobia di “Sos Homophobie” possono essere scaricati dal sito ufficiale dell'associazione. Si tratta di testi serissimi e basati su ampia e oggettiva documentazione.

http://www.sos-homophobie.org/rapportannuel

Quanto alle note posizioni di Vito Mancuso, di cui bisogna dargli atto, non posso non rilevare che non si staccano comunque da certe ambiguità di fondo e che in ogni caso Mancuso rappresenta solo se stesso e ho mitivo di ritenere che, per varie ragioni (vedi la questione del creazionismo), sia più tollerato che amato in molti ambienti ecclesiastici.

pavlosss
Messaggi: 62
Iscritto il: lunedì 6 agosto 2012, 14:23

Re: Matrimonio omosessuale in chiesa

Messaggio da pavlosss » sabato 18 agosto 2012, 22:53

progettogayforum ha scritto:Riporto qui di seguito un articolo molto importante
“Rapporto 2010 sulle religioni e l'omofobia”, curato dall'associazione francese “Sos Homophobie”.
http://www.cdbchieri.it/rassegna_stampa ... _padre.htm

Tutti i rapporti annuali sulla omofobia di “Sos Homophobie” possono essere scaricati dal sito ufficiale dell'associazione. Si tratta di testi serissimi e basati su ampia e oggettiva documentazione.

http://www.sos-homophobie.org/rapportannuel

Quanto alle note posizioni di Vito Mancuso, di cui bisogna dargli atto, non posso non rilevare che non si staccano comunque da certe ambiguità di fondo e che in ogni caso Mancuso rappresenta solo se stesso e ho mitivo di ritenere che, per varie ragioni (vedi la questione del creazionismo), sia più tollerato che amato in molti ambienti ecclesiastici.
Quoto su tutto.

monox
Messaggi: 11
Iscritto il: giovedì 5 luglio 2012, 9:43

Re: Matrimonio omosessuale in chiesa

Messaggio da monox » domenica 19 agosto 2012, 7:49

Sono d'accordo con Alyosha, una sezione apposita dedicata al tema religioso mi parrebbe una buona idea, il proliferare qui di questi temi, arrivando anche giustamente a trattazioni più specialistiche mi pare un po' (forse) invasivo.
Conoscevo anch'io questo rito dell'affratellamento e temo che una discussione serena, intendo al di fuori di qui, sullo stesso, non sia facile, da una parte, quella ufficiale, si tende a non parlarne, quasi a negarne l'esistenza per non generare equivoci, dall'altra magari di prende come prova "a favore" del matrimonio gay, due posizioni estreme che rischiano di far perdere il senso di questa tradizione.
Alyosha ha scritto:Caro pavlosss prima di fare una brevissima osservazione su quanto scrivi mi premeva dirti che ci sono già allo stato attuale aperte almeno tre discussioni sul tema della religione e dell'omosessualità, mi chiedo se non è il caso di accorpare questa osservarzione all'altra discussione che parlava già di religione orientale e quant'altro.
Mi chiedevo inoltre, visto che è decaduto il divieto di parlare di religione se non è il caso di fare una sessione apposita "omosessualità e religione" spiegando ben benino che lo spazio sarebbe riservato a tutti i credenti omosessuali che voglio o parlare di religione in generale o confrontare il loro personalissimo modo di conciliare fede e omosessualità o infine i loro problemi. Mantenendosi fedeli allo spirito del forum che vuole un approccio fenomenologico all'omosessualità, ovvero che parta dalle esperienze dirette edei singoli e dai loro vissuti e non da astratti teoremi, la sessione dovrebbe essere moderata da un credente, aperto di veduto e disposto ad ascoltare le obiezioni (ancorché educate e fuori da ogni polemica) di chi non crede. Qualcuno in mente ce l'avrei proprio, ma prima di lanciare candidature inutili, c'è da caprie se la proposta ha un senso. Sarebbe uno spazio aperto a tutti, ovviamente, ma riservato innanzitutto ai credenti, perché il problema è ovvio si pone solo per un credente. Si può provare a vedere come va. Chi entrerebbe nelle discussioni solo per offendere insomma potrebbe tranquillamente essere messo da parte.
Detto ciò: L'idea del matrimonio con una coppia omosessuale cozza se non altro cozza nei termini. Il matrimonio ha come perno la procreazione e la parola evidentemente rimanda alla maternità. Da omosessuale non vorrei accedere al sacramento del matrimonio, perché è una cosa che non mi riguarda. Probabilmente vorrei che la mia unione fosse benedetta in altro modo. E probabilmente sempre il rituale cui fai rifermemento guardava a qualcosa del genere. La mia opinione personale sul matrimonio è delle peggiori per essere sintetico è una formula per legare due persone desueta e inconciliabile con le attuali organizzazioni sociale, ma mi riserbo dal proseguire con ulteriori argomentazioni perché credo che il discorso andrebbe proprio altrove.

pavlosss
Messaggi: 62
Iscritto il: lunedì 6 agosto 2012, 14:23

Re: Matrimonio omosessuale in chiesa

Messaggio da pavlosss » domenica 19 agosto 2012, 10:03

progettogayforum ha scritto: Quanto alle note posizioni di Vito Mancuso, di cui bisogna dargli atto, non posso non rilevare che non si staccano comunque da certe ambiguità di fondo e che in ogni caso Mancuso rappresenta solo se stesso e ho mitivo di ritenere che, per varie ragioni (vedi la questione del creazionismo), sia più tollerato che amato in molti ambienti ecclesiastici.
Mancuso è evidentemente una persona intelligente e informata.
Il punto più debole del suo pensiero, tuttavia, mi sembra un'impostazione di fondo dalla quale non prescinde e che spiega molto bene anche nella conferenza da me segnalata.

Per Mancuso è necessario prima di tutto INFORMARE perché solo con l'informazione si possono aprire i cuori e quindi accogliere.

Quest'impostazione intellettualistica subordina il cuore al cervello e stabilisce un nesso di causa-effetto tutt'altro che scontato, dal momento che, pur capendo benissimo certe tematiche, molti ambiti ecclesiali retrivi continuano a battere in senso opposto!

Non si tratta tanto di INFORMARE quanto di FORMARE I CUORI all'accoglienza. Solo dopo qualsiasi ulteriore informazione intellettuale troverà il terreno adatto per poter attecchire! E per formare i cuori all'accoglienza la prima cosa da fare non è tanto fare una lezione ma fornire un esempio pratico.

pavlosss
Messaggi: 62
Iscritto il: lunedì 6 agosto 2012, 14:23

Re: Matrimonio omosessuale in chiesa

Messaggio da pavlosss » domenica 19 agosto 2012, 10:10

monox ha scritto:Sono d'accordo con Alyosha, una sezione apposita dedicata al tema religioso mi parrebbe una buona idea, il proliferare qui di questi temi, arrivando anche giustamente a trattazioni più specialistiche mi pare un po' (forse) invasivo.
Conoscevo anch'io questo rito dell'affratellamento e temo che una discussione serena, intendo al di fuori di qui, sullo stesso, non sia facile, da una parte, quella ufficiale, si tende a non parlarne, quasi a negarne l'esistenza per non generare equivoci, dall'altra magari di prende come prova "a favore" del matrimonio gay, due posizioni estreme che rischiano di far perdere il senso di questa tradizione.
Sono d'accordo. Se Project lo vorrà si potrà aprire questa sezione e queste discussioni verranno postate in quell'ambito.

L'unica cosa che forse ha spinto Project a proibire la trattazione di argomenti anche religiosi è data dal fatto che alcuni utenti non si rispettavano e ragionavano di "pancia".
Gli argomenti religiosi in se stessi non sono da prendere in considerazione (dato che questo forum non è religioso ma tratta di questioni gay) ma diventano interessanti in relazione col mondo gay.

E, d'altronde, purtroppo o per fortuna la questione religiosa determina in modo talora pesante la vita di alcune persone, al punto da non parere affatto di secondaria importanza!
Il metodo per affrontarla dovrebbe essere quanto più freddo e "scientifico" possibile, cosa non sempre facile...

Per quanto riguarda la benedizione delle coppie dello stesso sesso, sono d'accordo con quanto dici. Infatti sono stato ben attento a non strumentalizzare il discorso.

Sta di fatto, pero', che per quanto la si ritenesse un'unione casta, era pur sempre vista come un'unione d'amore tra due uomini e questo rappresenta di certo un'apertura che ai nostri tempi ancora non ci è dato di vedere, soprattutto perché era un rito ecclesiale a sancirlo!

Avatar utente
marc090
Amministratore
Messaggi: 888
Iscritto il: sabato 23 aprile 2011, 1:00

Re: Matrimonio omosessuale in chiesa

Messaggio da marc090 » domenica 19 agosto 2012, 13:33

Anche se era meglio postare la proposta nella sezione suggerimenti, vi informo che abbiamo preso caldamente in cosiderazione la proposta di una sezione dedicata :)

Marc090
Per prima cosa portarono via i comunisti, e io rimasi in silenzio perché non ero un comunista. Poi se la presero coi sindacalisti, e io che non ero un sindacalista non dissi nulla. Poi fu il turno degli ebrei, ma non ero ebreo.. E dei cattolici, ma non ero cattolico... Poi vennero da me, e a quel punto non c'era rimasto nessuno che potesse prendere le difese di qualcun altro.
Martin Niemoller


Marc090 -- Amministrazione di ProgettoGay

Rispondi